Passa ai contenuti principali

ApollonGlosse ░ Il dubbio



PERCHÉ IL DUBBIO?


Una storia raccapricciante, ancora una volta: una delle tante che appaiono e scompaiono; avvolte dall’oblio per essere quindi seguite da altre a ricordarci che c’era una volta il massacro degli ebrei. Come niente, come fosse niente perché magari non ci ha riguardato; o perché ormai siamo diventati indifferenti.
Perché non siamo più capaci di indignarci? Eppure è accaduto, si chiama semplicemente Shoah. Un nome tra tanti, inglobati all’interno di quelli che pronunciamo senza rendercene conto perché la vita sta lentamente perdendo di significato.
Siamo massificati, ossificati; insensibili agli accadimenti; rassegnati all’estinzione della specie umana. Mai un urlo, un grido di massa a dire basta. Solo quando c’è un nuovo sterminio si solleverà per un solo istante l’indignazione seguita subito dopo dall’abulia più completa. La carne è diventata oggetto da macello e l’introspezione è stata annegata nella melma.
Questa la riflessione a leggere Il dubbio di Nuccio Pepe edito da Torri del Vento: una foglia di albero prossima a diventare definitivamente secca, da essere raccattata e buttata via nel ceneritorio (o crematorio fa lo stesso).
Il caso vuole che da una amicizia con un sopravvissuto l’autore scopra lentamente la curiosità – che diventerà libido – di saperne ancora; di denunziare al mondo. E ciò con la pacatezza di riflessioni e dialoghi improntati ad una rabbia rattenuta (e commovente ex-cursus verso la rivelazione: la quale non è altro che il ritrovamento di documenti ormai lacerati dal tempo ma ancora vividi in chi li scoperse). Hanno provato a decrittarli senza però alcun esito tangibile se non quello di lasciare dei dubbi. Dubbi sull’identità di chi li scrisse; sul cosa ci sia scritto; quale il messaggio, e a chi.
Tutto nel libro avviene per caso. È un caso che l’autore conosca e frequenti un signore austriaco: il suo Virgilio il quale lo porta inconsapevolmente a conoscere l’inferno. Una persona vocata e votata per virtù quasi divina, all’amore per gli altri, chiunque sia l’altro; un esempio di altruismo missionario, da prendere a esempio di dignità contrario ed opposto alla discriminazione. Una lezione di alto valore, civile, etico e morale, dunque un messaggio: forse l’ultimo della annunciata prossima catastrofe.
Un libro che si legge di un fiato che però lascia tracce indelebili in chi sente l’urgenza di uscire dallo stallo in cui è stato e si sente cacciato.
Perché allora il dubbio? Forse perché non ci sono più certezze?



                                                         Ignazio Apolloni


Nuccio Pepe
Il dubbio
Torri del Vento

Hit Parade della Settimana

Aida Maria Zoppetti ░ Temporale in mezzo alla foresta

Accordo temporaleMalgrado i grilli che aveva per la testaaveva l’aria d’esser così lentoche il nome vento era quasi vuoto.E fu così che in mezzo alla forestalui fece voto, promessa, alla tempestadi esserle, nel tempo, più devoto.
Äricreazione                                                                                              blog artificiale d'arte e artifizi900° POST DI GAUDIA 2.0

Aida Maria Zoppetti & V.S.Gaudio ⁞ La sarta di Lucio e la sarta di Vuesse

La sarta di Lucio: itaglia e cucisu Fontanafromricreazioneblog artificiale d'arte e artifizi

La sarta di Vuesse: il premio Singer

♦ Ide Dafìnashitës™

L’apparizione di Ide DafìnashitësLa terra trasfonde vibrazioni continuedentro il cuore, e questo sei tu per comesei avvenuta, in quella giustezza e misuraDio, è questa la suonatrice del violino,ed è da allora che avendolo scopertoche sei impareggiabile per come saisuonare il violino, ti costringo semprea suonarmelo il Berg, di là venendo da estun po’ dal mare e tra gli alberi, che cosa vediun campo di trifoglio maturo ? O un pratoda attraversare dopo che l’hai fatta nel sottopasso?Tra te e il canale, e il deposito che man manolasci giorno dopo giorno lustro come seavesse la luce del sole ed è sul muschio intrisodi zenzero e miele dello shummulo, c’è vento nel granoturco verso ovest  oltre la ferroviae il poeta sente il fruscio delle tue sottanequando ti abbassi a farne colare immondae immensa contro la siccità e la stitichezza,come può il poeta coltivare i suoi cento acrise è perso nel suo Berg e nello shummuloche con un misto di corni, fagotti e Ellie Gouldingostinatamente fa sul tuo…

Telegramma della Giovane Poesia ░

ÆTelegramma di Marisa Aino a V.S.Gaudio 
militare alla Direzione di Commissariato X CMT Napoli: 
compleanno hemingwayano del giovane poeta
Marisa Aino e un irriconoscibile Vuesse Gaudio, militare a Napoli, in piazza Vittoria e sul lungomare Caracciolo: alle loro spalle
si intravede il Castel dell'Ovo


░ L'azzurro dei cavalcanti

Per un lettore culturalmente adulto !