Detesto le prefazioni • "Non leggermi"

Mallarmé ad un autore inedito che gli chiedeva un testo di presentazione o di sostegno: “Detesto le prefazioni anche se scritte dall’autore, a maggior ragione trovo deplorevoli quelle aggiunte da altri. Un vero libro, mio caro, non ha bisogno di presentazioni, procede per colpi di fulmine come la donna con l’amante, senza l’aiuto di un terzo, il marito…”. In tutto altro senso ho scritto: “Noli me legere” . Divieto di lettura che annuncia all’autore il suo congedo: “Non leggermi”. “Sopravvivo come testo da leggere solo grazie alla consumazione che, scrivendo, ti ha lentamente sottratto l’essere”. “Non saprai mai ciò che hai scritto, anche se non hai scritto che per saperlo”.

[Maurice Blanchot, Après coup, Les Editions Minuit 1983]

SHUMILLA.

SHUMILLA.
SHUMILLA. I nuovi oggetti d’amore in Uh Magazine

martedì 7 gennaio 2014

ApollonGlosse ░ Il fantasma (non all'opera)



UN FANTASMA DEL TUTTO DIVERSO
DA QUELLO DELL’OPERA


Una ninnananna, una cantilena, una nenia, un piacevole artificio come fugare incubi e sogni soliti popolare la psiche infantile. Un imaginifico drappo in cui avvolgere e soffocare l’angoscia provocata da ciò che ancora i bambini non conoscono. La necessaria lettura della filastrocca, da affidare alla nonna: suprema figura che acquieta lacrime e tensioni emotive specialmente nei primi giorni di vita.

Questo, il volume di parole e disegni colorati: allineate le prime perché assumano l’organica recitazione del canto soffuso; abbondanti le tavole che vanno a illustrare le rime dei versi dall’intensa sonorità e passione di chi li ha tolti dalla nebulosa per affidarli ai futuri lettori.

Autrice del puer cui affidare il messaggio? l’ipotetica mamma in Vinni Scorsone; autrice della parte pittorica, suggestiva; riccamente illustrata; variopinta; evocativa di un fantasma oggetto della narrazione? è Filli Cusenza.

L’impaginazione e stampa è delle Edizioni Arianna. Un volumetto da consigliare a tutte le puerpere di oggi e di domani.



                                                         Ignazio Apolloni