Detesto le prefazioni • "Non leggermi"

Mallarmé ad un autore inedito che gli chiedeva un testo di presentazione o di sostegno: “Detesto le prefazioni anche se scritte dall’autore, a maggior ragione trovo deplorevoli quelle aggiunte da altri. Un vero libro, mio caro, non ha bisogno di presentazioni, procede per colpi di fulmine come la donna con l’amante, senza l’aiuto di un terzo, il marito…”. In tutto altro senso ho scritto: “Noli me legere” . Divieto di lettura che annuncia all’autore il suo congedo: “Non leggermi”. “Sopravvivo come testo da leggere solo grazie alla consumazione che, scrivendo, ti ha lentamente sottratto l’essere”. “Non saprai mai ciò che hai scritto, anche se non hai scritto che per saperlo”.

[Maurice Blanchot, Après coup, Les Editions Minuit 1983]

SHUMILLA.

SHUMILLA.
SHUMILLA. I nuovi oggetti d’amore in Uh Magazine

giovedì 25 settembre 2014

░ 'A petra du truonu

attraverso l’impalcatura, nel lampo, ‘a petra du truonu,
o nell’angolo in cui è immerso la strettezza indicibile del tuo proprio
che essendo così cavo o denso, lui che si dà
eppure non si tocca ed essendo così toccato è forse
più semplice dire che lo dai a chi parla dolce
corpo e ha umida l’anima, la minchia di questo
spirito che potrà essere in fondo il disegno della cavalcata
di confine o il desiderio che ha il filo sottile
o la bocca di fuoco di un cannone Parrott
il giunto, il buco, la bordata ca ti allenzu
tra la superficie del verde e l’articolazione di stâmparélli
lo gnomone del proprio indignato e il sentiero di wenza pisciata
e miele ch’ampracchja che in fondo costeggia
l’asse dei solstizi tra est ed ovest su questa alta linea
che in montagna allontana e rende più profonda la sera
tanto che lascia vedere il giorno fino al grigio
curvo sul legno dove poggi u culu c’è il peso
unto del tuo grišo(w)u sulla siepe su questa linea
dei beni che mischia l’azzurro del podice e
la pastura verde di minne grânnare  e tese contro il cielo
che tagliando sole e i cumuli di limusa di murfusune
e pozze di sperma e allenza laggiù dove il vento
largo ha il sapore di lampo, ‘a petra du truonu, e l’erba balza
tra timpano e olfatto brusio e odore denso di cacazza
pelle che è scorza e legno, chignju grânnaru e culo, labbra
e capocchia,pallânti e sperma, topinaru e rârica i filice,
dove tutto scende per gradi lontano dal tramonto
la montagna preme e poggia il tuo culo
da tutte le parti mischiato di bestie e gambi
è spaccato sulla linea che va salendo
o cade all’orizzonte intanto che le folle camminano
e tornano e chi è salito quassù supr’a spaccusa
scende e torna ridendo alla città dove tutto
si richiude tra le tue gambe e la camicetta aperta
sdraiata prima di afferrare gambe e braccia,
mutande e minchia, notte che si rovescia
fino al ventre profondo sotto le dita, in bocca,
lungo lo gnomone, fin dentro il buco con cui
il tempo viene all’estremo canto e grido della notte
u furguwune supra ‘ndrappa
u ddrugu indi i pallanti c’ampracchja cianciarusu ‘i chignju
oh riarmune che infarconata è quista
‘stu chignju è ‘nu ‘mbrògliu e ménzu
è minchia i Parrott e ‘a minèca du strangèlle ‘e justrusi
u pizzica alla spaccusa e du strangèlle ‘e justrusi
furguwunija a strangella sàntusa e carnante pu mârcune
‘ntrocchja e strocca ’ndignata pu chignju grânnâru
alla spaccusa e allu riârmu grânnâru
u càwiu da spaccusa
a vulla allenzata
a vulla pi fušcare a wenza toga improprio
supra u ddrugu da Sila u togu da spaccusa
furguwunija a shcumàre fino a ch’ambruna u munnu
ca ci rimane u dittu
u spirdu parrante
u picciune wenzato supr’a Spaccusa
‘nchjummata acchjù non posso
shcumaddrugu e carriola
ca ci resta ‘a numminata
u picciune togo da Sila
‘a petra du truonu
‘u marsianu ca sicca
cugliuni e zibidei
da U Togu du Marsianu
'A petra du truonu e la luce del marsianu