Passa ai contenuti principali

Il canto di Nina Simone♫

Nina che non ha il nome di Eunice dentro l’Esserci del suo animus

L’altro giorno ho ascoltato Nina Simone in questi due trattamenti differenti della stessa canzoneAin’t Got No…I’ve Got Life e durante la passeggiata di mezzogiorno ho poi avuto ancora dei pensieri morbosi. Che cosa c’è  nel modo di cantare e nella voce di questa cantante che mi turba tanto?
Probabilmente la compattezza mesomorfa della sua morfologia, o quel muso che aveva, che hanno un po’ tutte le donne con Saturno che sorge o l’Ascendente è in Acquario e per lei valeva la doppia valenza. C’è quel Melnick che dice che l’anima è immortale e continua a vivere anche dopo la separazione dal corpo, che, per una  cantante come Nina Simone, è fondamentalmente vero, anche perché quel che si dava come assetto morfologico e Dasein di quella cantante componeva una sorta di sostantivo-archetipo, che, se lo prendi e lo metti in mitologia, ne viene fuori una componente psicosomatica altamente patafisica: è come se ci fosse una leggenda urbana in cui si dice che Enea, piuttosto che Ulisse, prima di incontrare Didone  o subito dopo, abbia  prima sentito un canto, non quello delle sirene che sta più nella trama di Ulisse, e, poi, una volta visto il corpo da cui quel canto si espandeva si sia fermato per  infinite stagioni, convinto che quella fosse Anna, la sorella di Didone, che, francamente, gli stava  sulle palle. Anna, vai a vedere, in realtà si chiamava Nina, o Eunice, come all’anagrafe si chiamava Nina, e, anche se non suonava il pianoforte,  aveva un canto passeggiato, anche a bocca chiusa, sapeva cantar la ninna nanna, ninnare, ma anche trillare, canticchiava e cantava a squarciagola, pare che Enea la additasse addirittura come maestra di cappella, che è un appellativo che innalza  la patafisica della sorella di Didone. Didone, lo vedete, fa rima con Nina Simone e, perciò, alla cantante poi  si connette e connette Anna: “Ain’t Got No…I’ve Got Life” è la canzone  mitologica, o, meglio, è la canzone che fa di Nina Simone la sorella cantante di Didone e il suo canto passeggiato ci mostra la navigazione di Ainea, il vero nome di Enea, il desiderio passa tra l’oggetto “a” e il suo analemma esponenziale, difatti, circondato il fantasma del visionatore e dell’ascoltatore, lo si seduce col passeggiato  che porta l’oggetto “a” al meridiano dell’ascoltatore, lo incanta e poi ci passeggia insieme, ovvero fa la navigazione di Ainea. E’ una questione di Stimmung e di ritmo, che, si mantiene tra risolutezza o ostinazione e una sorta di cautela che sta tra la segretezza e il tatto, come se fosse un personaggio di poche parole, non dico una sfinge, ma impenetrabile e laconico e, dall’altro lato, è irriducibile e tiene testa; in questo modo, nella canzone, nel canto di Nina Simone, passa la semplicità di chi sta a bocca chiusa, di chi ascolta il silenzio ma apre l’animo, detta così, essendoci la cantante, è come se si ingraziasse l’animus, Nina prende l’animus per il suo verso, e così che poi sembra naturale e papale papale, non fosse per qualcosa che non si fa vedere, nell’ombra non è l’animus ma è la sua pulsione orale, che, quella, non ha espedienti o uovo di Colombo, la pulsione orale non ha la soluzione davanti agli occhi, e difatti non si vede, la senti per come pulsa nel suo canto, insinua un sospetto, storna, rimuove, dissipa, mette la pulce nell’orecchio. Non so dire se sia una questione di sinfonia, ma di sicuro non c’è alcun melodramma, la pulsione orale così compressa, nella meccanica del canto, le dà un moto rotazionale e aperiodico ma anche circolare e l’urto è sia centrale che obliquo, elastico e anelastico, la velocità, sempre angolare, è di trascinamento, la forza è di adesione e di attrito; la forza-peso è specifica; l’accelerazione è di gravità e centripeta; la sollecitazione della forza è composta, esterna, viscosa, di repulsione e posizionale. L’energia posizionale del canto di Nina, non c’è alcun dubbio, è una elongazione del suo essere del Piccolo Cavallo nell’astrologia celtica. Il canto di Rudobios, allora, che era la bella indovina che possedeva i segreti degli dei, di cui si innamorò il dio del Vento del Nord, questo narra la leggenda-archetipo per il segno del Piccolo Cavallo, che viene appunto da Rudobios posseduta dal dio delle acque Llyr:

│Cosmogramma di nina simone 
© astrotheme
tutto speculare alla Luna in Dodicesima, ai cinque elementi in casa Prima e a Lilith sulla cuspide della Quinta di Nina.Tra vento del nord e statica dell’acqua, tra sopraffusione e strato limite, la tensione così dentro non è più la tensione superficiale, semmai è il canto del paradosso idrostatico. Eunice non ha casa, non ha le scarpe, non ha soldi, non s’abbiglia come conviene e prescrive il sistema della moda, non ha pensiero, non ha nessuna madre, come se l’Herkunft fosse stata rescissa, cancellata, è fuori dall’industria culturale, come il poeta e Rimbaud, e come lui non ha nessun nome, niente scuola, istruzione, non è nel sistema che funziona con la meccanica del dispositivo di alleanza e del dispositivo di sessualità, guardatela, e ascoltatela, nella canzone del paradosso idrostatico e di Rudobios, che incanta il dio del Vento del Nord e il dio delle acque, con la sua testa, il suo naso, il suo cervello, la bocca, il sorriso, ha la lingua, ha il collo, il cuore, il suo sesso,  l’anima, ha il suo didietro, con tutto questo assetto morfologico di normolinea mesomorfa compatta alletta l’animus del poeta, con le sue mani, le sue gambe, le braccia, le dita, i piedi, il sangue, tutto quanto all’interno del quale circoli e navighi la sua pulsione orale, la pulsione orale di chi non ha scarpe, non ha una madre né un dio ma, grazie a dio, tra anima, sesso e culo c’è il suo Esserci tra vento del nord e dio delle acque, perché lieta sia la navigazione del suo animus, del suo Ainea, del suo visionatore eterno e infinito. Didone, per quella storia del trucco della pelle di vacca e del terreno da avere in concessione per farci Cartagine, non era come sua sorella, Anna, che, come Nina, questo gli cantava ad Ainea: I ain’t got no home, ain’t got no shoes, ain’t got no money, ain’t got no mother, ain’t got no God…I’ve got my boobies, I’ve got my legs, I’ve got my back, got my sex, got my blood, got my soul. by Blue Amorosi

♫ Nina Simone playing live in London, 1968.

Ain't Got No... I've Got Life

I ain't got no home, ain't got no shoes,
Ain't got no money, ain't got no class,
Ain't got no skirts, ain't got no sweater,
Ain't got no perfume, ain't got no bed,
Ain't got no mind,
Ain't got no mother, ain't got no culture,
Ain't got no friends, aint got no schoolin',
Ain't got no love, ain't got no name,
Ain't got no ticket, ain't got no token,
Ain't got no God
And what have I got?
Why am I alive anyway?
Yeah, what have
I got?
Nobody can take away...
Got my hair, got my head,
Got my brains, got my ears,
Got my eyes, got my nose,
Got my mouth, I got my smile.
I got my tongue, got my chin,
Got my neck, got my boobies
Got my heart, got my soul,
Got my back, I got my sex.
I got my arms, got my hands, got my fingers,
got my legs, got my feet, got my toes,
got my liver, got my blood...
I've got life,
I've got my freedom,
I've got life,
I've got life
And I am gonna keep it,
I've got life
And nobody's gonna take it away,
I've got life!

Hit Parade della Settimana

Beyoncé, Sia & V.S.Gaudio ░ La “veduta” bionda dell’ esercitante

L’esercitante per la “Battaglia dei Gesuiti” e la doppia misura del piede♫
Quello che accade all’ascoltatore, quando  commuta il suo fantasma  che è essenzialmente visivo, è quello che accade all’esserci , come Dasein, abituato alla sua nevrosi ossessiva. Voi le sentite queste due che cantano e ciò che vedete è che vestono in grigio, hanno due vestiti identici, che indossano a turno. Hanno le stesse mutande grigie, che indossano a turno. Hanno le stesse calze, le stesse scarpe grigie, forse anche lo stesso numero di piede. Probabilmente si sono svegliate alla stessa ora, più o meno alle sette e un quarto, di questi tempi, e, quando viene il solstizio estivo, verso le cinque e mezzo, ora solare. Alle otto e alle sei già son pronte per cantare. Basta vederle camminare, appena fuori di casa, come se fossero  l’immagine ignaziana, che non è una visione- scrive Barthes-  ma  una veduta, e in questa veduta  il visionatore, o l’ascoltatore, inquadra sapori, odori, suoni o sensazioni[i]. Le do…

Telegramma della Giovane Poesia ░

ÆTelegramma di Marisa Aino a V.S.Gaudio 
militare alla Direzione di Commissariato X CMT Napoli: 
compleanno hemingwayano del giovane poeta
Marisa Aino e un irriconoscibile Vuesse Gaudio, militare a Napoli, in piazza Vittoria e sul lungomare Caracciolo: alle loro spalle
si intravede il Castel dell'Ovo


░ L'azzurro dei cavalcanti

Per un lettore culturalmente adulto !

Aida Maria Zoppetti ░ Duck

  alfabetizzazioni:    abcdefghijklmnopqrstuvwxyz

from↓ricreazione  blog artificiale d'arte e artifiz

Giovanni Fontana ░ Tarocco Meccanico Reading

TAROCCO MECCANICO
Dal minuto 6 e 5 secondi, non perdetevi  il Reading di Giovanni Fontana dal suo Tarocco Meccanico

SARENCO. La capra bollita del villaggio di Shella

La capra bollita del villaggio di ShellaHo mangiato la vecchia capra bollita,ho intinto il pane nel brodo scuroinsaporito con pepe, masala ed iliki,ho scambiato quattro parole in kiswahilicoi vecchi pescatori del Vasco de Gama Pillar,ho guardato le nuvole basse dell’Oceano,ho pensato alle chiappe di Fatuma,mi sono trovato sulla strada del ritorno,mi è venuta una grande tristezza,per un attimo ho visto la morte,ho dato fondo all’ultima vodkae finalmente ho dormito il sonno del giusto.
1990
ê1.SARENCOPOESIE SCELTE1961-1990
POETRY IS OVER COLLECTION
vIn memoria di Isaia Mabellini,in arte SARENCOSarenco, nome d’arte di Isaia Mabellini, è nato a Vobarno,sulle montagne della Vallesabbia, in provincia di Brescia, nel 1945. All’età di sedici anni, nel 1961, scrive la sua prima poesia. Nel 1963 produce la sua prima opera di ‘poesia visiva’. Nel 1965 la sua prima mostra di poesie visive. Dal 1966 ad oggi la sua attività espositiva conta centinaia di mostre nel mondo, quattro partecipazioni alla Bi…