Detesto le prefazioni • "Non leggermi"

Mallarmé ad un autore inedito che gli chiedeva un testo di presentazione o di sostegno: “Detesto le prefazioni anche se scritte dall’autore, a maggior ragione trovo deplorevoli quelle aggiunte da altri. Un vero libro, mio caro, non ha bisogno di presentazioni, procede per colpi di fulmine come la donna con l’amante, senza l’aiuto di un terzo, il marito…”. In tutto altro senso ho scritto: “Noli me legere” . Divieto di lettura che annuncia all’autore il suo congedo: “Non leggermi”. “Sopravvivo come testo da leggere solo grazie alla consumazione che, scrivendo, ti ha lentamente sottratto l’essere”. “Non saprai mai ciò che hai scritto, anche se non hai scritto che per saperlo”.

[Maurice Blanchot, Après coup, Les Editions Minuit 1983]

SHUMILLA.

SHUMILLA.
SHUMILLA. I nuovi oggetti d’amore in Uh Magazine

sabato 21 marzo 2015

Ignazio Apolloni ░ Piggy, il piccolo messicano di Los Angeles

photo enzo monti │© apollonglosse  per “uh magazine” 2014

PIGGY, IL PICCOLO MESSICANO DI LOS ANGELES



     È da stamane che gioco ai birilli
     in un parco per bimbi
     cresciuti sull’erba dei prati
     di ville recinte con cespi di fiori
     con vasche di pesci muschiose.

     Compagni di gioco con giacche e berretti
     e calze di lana tirate ai ginocchi
     guardati da donne in grembiule
     protetti da occhi discreti
     d’un uomo in divisa e cappello.

     Bambini graziosi e biondicci
     le carni lavate di fresco
     friabili e bianche di gesso
     dai frigni insolenti, ossequienti
     al cappello dell’uomo di paglia.

     Una gabbia di polli evirati
     nutriti di latte scremato
     di burro ed estratti di dado
     biscotti arricchiti di malto
     polpette di carne alla griglia.

     Io son bruno, ho la faccia olivastra
     i capelli corvini tirati all’indietro:
     un puzzo di grasso animale
     che m’esce dal corpo grassoccio
     vi spiega quel nome vezzoso.



Ancora a sei anni nella baia di Ensenada
correvo a piedi nudi sui sassi riversi sulla spiaggia
granulosa inseguendo con la voce i branchi di foche
distese sul ventre contro le rocce levigate
delle isolette di fronte alla villa dei Baker
che mio padre custodiva da padrone per undici
mesi l’anno.

     Ora ho varcato il confine,
     la legge protegge i bambini immigrati
     concede il diritto allo studio,
     proibisce di discriminare
     sui campi di gioco.
     E io gioco con bimbi diversi da me
     sentendoli come fratelli
     ma fratelli non sono
     perché nessuno di loro
     si chiama Manolo.

     Nessuno di loro ha mai visto
     un tricheco guaire di notte
     e affondare con squassi potenti
     nel cerchio di luna rappreso
     sul mare lì sotto gli scogli.

     Nessuno di loro ha nuotato di notte
     guizzando tra pesci e impregnando
     di alghe marine il suo corpo.
     Nessuno di loro avrà più
     il mio sapore ferino.

     Io continuo a chiamarmi Manolo
     loro continueranno a dirmi Piggy.
     E Piggy certamente io sono
     perché continuerò ad amare il mio corpo
     mentre loro lo disprezzeranno.




#da: Ignazio Apolloni La grandezza dell’uomo Antigruppo 73, Cooperativa Operatori Grafici-Giuseppe Di Maria Editore, Catania 1972 ░ prossimamente in ebook per Uh-Book, a cura di Alessandro Gaudio, con divagazione ziffiana di V.S.Gaudio sulla poesia lineare e sulla singlossia&