Passa ai contenuti principali

Ignazio Apolloni ░ Piggy, il piccolo messicano di Los Angeles

photo enzo monti │© apollonglosse  per “uh magazine” 2014

PIGGY, IL PICCOLO MESSICANO DI LOS ANGELES



     È da stamane che gioco ai birilli
     in un parco per bimbi
     cresciuti sull’erba dei prati
     di ville recinte con cespi di fiori
     con vasche di pesci muschiose.

     Compagni di gioco con giacche e berretti
     e calze di lana tirate ai ginocchi
     guardati da donne in grembiule
     protetti da occhi discreti
     d’un uomo in divisa e cappello.

     Bambini graziosi e biondicci
     le carni lavate di fresco
     friabili e bianche di gesso
     dai frigni insolenti, ossequienti
     al cappello dell’uomo di paglia.

     Una gabbia di polli evirati
     nutriti di latte scremato
     di burro ed estratti di dado
     biscotti arricchiti di malto
     polpette di carne alla griglia.

     Io son bruno, ho la faccia olivastra
     i capelli corvini tirati all’indietro:
     un puzzo di grasso animale
     che m’esce dal corpo grassoccio
     vi spiega quel nome vezzoso.



Ancora a sei anni nella baia di Ensenada
correvo a piedi nudi sui sassi riversi sulla spiaggia
granulosa inseguendo con la voce i branchi di foche
distese sul ventre contro le rocce levigate
delle isolette di fronte alla villa dei Baker
che mio padre custodiva da padrone per undici
mesi l’anno.

     Ora ho varcato il confine,
     la legge protegge i bambini immigrati
     concede il diritto allo studio,
     proibisce di discriminare
     sui campi di gioco.
     E io gioco con bimbi diversi da me
     sentendoli come fratelli
     ma fratelli non sono
     perché nessuno di loro
     si chiama Manolo.

     Nessuno di loro ha mai visto
     un tricheco guaire di notte
     e affondare con squassi potenti
     nel cerchio di luna rappreso
     sul mare lì sotto gli scogli.

     Nessuno di loro ha nuotato di notte
     guizzando tra pesci e impregnando
     di alghe marine il suo corpo.
     Nessuno di loro avrà più
     il mio sapore ferino.

     Io continuo a chiamarmi Manolo
     loro continueranno a dirmi Piggy.
     E Piggy certamente io sono
     perché continuerò ad amare il mio corpo
     mentre loro lo disprezzeranno.




#da: Ignazio Apolloni La grandezza dell’uomo Antigruppo 73, Cooperativa Operatori Grafici-Giuseppe Di Maria Editore, Catania 1972 ░ prossimamente in ebook per Uh-Book, a cura di Alessandro Gaudio, con divagazione ziffiana di V.S.Gaudio sulla poesia lineare e sulla singlossia&

Hit Parade della Settimana

Beyoncé, Sia & V.S.Gaudio ░ La “veduta” bionda dell’ esercitante

L’esercitante per la “Battaglia dei Gesuiti” e la doppia misura del piede♫
Quello che accade all’ascoltatore, quando  commuta il suo fantasma  che è essenzialmente visivo, è quello che accade all’esserci , come Dasein, abituato alla sua nevrosi ossessiva. Voi le sentite queste due che cantano e ciò che vedete è che vestono in grigio, hanno due vestiti identici, che indossano a turno. Hanno le stesse mutande grigie, che indossano a turno. Hanno le stesse calze, le stesse scarpe grigie, forse anche lo stesso numero di piede. Probabilmente si sono svegliate alla stessa ora, più o meno alle sette e un quarto, di questi tempi, e, quando viene il solstizio estivo, verso le cinque e mezzo, ora solare. Alle otto e alle sei già son pronte per cantare. Basta vederle camminare, appena fuori di casa, come se fossero  l’immagine ignaziana, che non è una visione- scrive Barthes-  ma  una veduta, e in questa veduta  il visionatore, o l’ascoltatore, inquadra sapori, odori, suoni o sensazioni[i]. Le do…

Telegramma della Giovane Poesia ░

ÆTelegramma di Marisa Aino a V.S.Gaudio 
militare alla Direzione di Commissariato X CMT Napoli: 
compleanno hemingwayano del giovane poeta
Marisa Aino e un irriconoscibile Vuesse Gaudio, militare a Napoli, in piazza Vittoria e sul lungomare Caracciolo: alle loro spalle
si intravede il Castel dell'Ovo


░ L'azzurro dei cavalcanti

Per un lettore culturalmente adulto !

Aida Maria Zoppetti ░ Duck

  alfabetizzazioni:    abcdefghijklmnopqrstuvwxyz

from↓ricreazione  blog artificiale d'arte e artifiz

Giovanni Fontana ░ Tarocco Meccanico Reading

TAROCCO MECCANICO
Dal minuto 6 e 5 secondi, non perdetevi  il Reading di Giovanni Fontana dal suo Tarocco Meccanico

SARENCO. La capra bollita del villaggio di Shella

La capra bollita del villaggio di ShellaHo mangiato la vecchia capra bollita,ho intinto il pane nel brodo scuroinsaporito con pepe, masala ed iliki,ho scambiato quattro parole in kiswahilicoi vecchi pescatori del Vasco de Gama Pillar,ho guardato le nuvole basse dell’Oceano,ho pensato alle chiappe di Fatuma,mi sono trovato sulla strada del ritorno,mi è venuta una grande tristezza,per un attimo ho visto la morte,ho dato fondo all’ultima vodkae finalmente ho dormito il sonno del giusto.
1990
ê1.SARENCOPOESIE SCELTE1961-1990
POETRY IS OVER COLLECTION
vIn memoria di Isaia Mabellini,in arte SARENCOSarenco, nome d’arte di Isaia Mabellini, è nato a Vobarno,sulle montagne della Vallesabbia, in provincia di Brescia, nel 1945. All’età di sedici anni, nel 1961, scrive la sua prima poesia. Nel 1963 produce la sua prima opera di ‘poesia visiva’. Nel 1965 la sua prima mostra di poesie visive. Dal 1966 ad oggi la sua attività espositiva conta centinaia di mostre nel mondo, quattro partecipazioni alla Bi…