Detesto le prefazioni • "Non leggermi"

Mallarmé ad un autore inedito che gli chiedeva un testo di presentazione o di sostegno: “Detesto le prefazioni anche se scritte dall’autore, a maggior ragione trovo deplorevoli quelle aggiunte da altri. Un vero libro, mio caro, non ha bisogno di presentazioni, procede per colpi di fulmine come la donna con l’amante, senza l’aiuto di un terzo, il marito…”. In tutto altro senso ho scritto: “Noli me legere” . Divieto di lettura che annuncia all’autore il suo congedo: “Non leggermi”. “Sopravvivo come testo da leggere solo grazie alla consumazione che, scrivendo, ti ha lentamente sottratto l’essere”. “Non saprai mai ciò che hai scritto, anche se non hai scritto che per saperlo”.

[Maurice Blanchot, Après coup, Les Editions Minuit 1983]

SHUMILLA.

SHUMILLA.
SHUMILLA. I nuovi oggetti d’amore in Uh Magazine

venerdì 29 maggio 2015

I 125 anni di Aurelia Petrone ♦ La nonna di V.S.Gaudio nel comune di Trebisacce

I 125 anni di Aurelia Petrone che avrebbe dovuto essere la nonna di V.S. Gaudio secondo il comune di Trebisacce [codice catastale L353]
 
Se si guarda bene il cosmogramma, si rileva l’importanza dell’ asse II/VIII, quello della proprietà, dei possedimenti, della sostanza mobile e immobiliare, ci si chiede, a questo punto della nostra vita dove tutto questo dell’asse afferente a  Petrone, per il comune di Trebisacce, codice catastale L353,  sia finito, visto che il poeta, che dovrebbe essere erede, stando allo stato di famiglia storico dello stesso comune, non ha visto un cazzo, dice proprio questo il poeta, V.S. Gaudio, sì proprio lui, a cui lo stesso comune ha cambiato il cognome permettendo a tutti gli operatori, provenienti da ogni dove, di sottrargli tutto ciò che compete alla sua ascendenza e permettendo l’attuazione di un danno genetico, culturale e biografico di proporzioni indefinibili e costituzionali.
Comunque, restando nell’ambito della presupposta nonna del poeta, e dell’importanza dell’ asse II/VIII del suo cosmogramma, c’è da aggiungere che, stando agli studi e alle applicazioni particolari del poeta in materia, lo stesso asse è considerato l’ asse del culo: con questo non si vuole affermare che la nonna del poeta fosse dotata di un gran culo, questo no, era evidente, essendo una brevilinea ectomorfa che, si sa, avendo un indice costituzionale al di sotto di 52 non potrebbe mai avere un indice del pondus che non sia medio(27-31) o medio-alto(21-26) se non addirittura debole(32-36)[i]. L’ asse del culo, pensa il poeta, va inteso come “presa per il culo”, nel senso che, vedendo nel suo cosmogramma l’importanza dellì’asse del culo, il poeta è stato, appunto, preso per il culo.
D’altra parte, se si va per cose saracene, visto che è nel delta del Saraceno che il poeta viene tenuto prigioniero dopo che è stato privato del suo nome e dei suoi diritti costituzionali, la parte araba dei possedimenti della nonna darebbe come punto sensibile il grado 24.5 che è in opposizione diretta con Urano, il vettore della sparizione e della sottrazione assoluta. Lo stesso punto sensibile, nel grafico Ebertin a 90°, è a 45 gradi, quindi in connessione diretta, con il mezzopunto Cuspide II(quindi l’asse dei possedimenti e del culo)-Nettuno-Sole-Plutone-Mercurio-Marte.  Il poeta, poi, ha come punctum assoluto il punctum Mercurio/Plutone : la nonna ha la congiunzione Mercurio-Plutone sull’asse del culo e della sparizione totale dei suoi possedimenti, insomma tutto ciò che faceva capo alla nonna, faceva capo ma in realtà faceva culo, il poeta col cazzo che lo ha visto( e il nonno si narra che avesse l’ernia)!
Non è finita: la parte araba dell’eredità, asc. + luna – saturno, cade al punto 65.4, lì, sempre sulla cuspide del culo, dove tutto sparisce o viene trafugato, tra Nettuno e Plutone, tra parenti ladri e briganti, parenti veri o acquisiti per virtù e imbrogli genetico anagrafici. Una cosa strana: questo punto arabo dell’eredità è esattamente in opposizione con Marte sulla cuspide dell’VIII, il settore effettivo del  culo e dell’eredità, e Marte, essendo maestro dello Scorpione, rimanda alla cuspide della VII e al segno del brigante, come se l’asse dell’identità della nonna del poeta, l’asse Asc-Disc, fosse nelle mani di un inventato, costruito a tavolino,  parente brigante; essendo in aspetto con Mercurio-Plutone, sulla cuspide della II, si potrebbe presupporre nello stato di famiglia della nonna del poeta un figlio dichiarato tale ma in realtà proveniente da un altro locus e afferente a un altro utero, o otre, l’utri, si potrebbe dire in quel dialetto, un mistero dell’utri, un mistero dell’utero, o dell’otre, o della bisaccia, se si vuole, nel mistero dello stato di famiglia storico  del poeta. La bisaccia, d’altra parte, è misura agraria antica riferibile all’agro di Palermo, che è un po’ distante dall’alto Jonio e dal Delta del Saraceno ma non è questo il topos del ciuccio che vola e del drago, e non si allea a un certo punto della storia il dispositivo di alleanza del principe nero condannato come criminale di guerra per i sabotaggi nel golfo di Taranto con il dispositivo di alleanza, da una parte, di una donna che da lì viene a insufflargli l’oggetto “a”, e ,dall’altra, con il dispositivo di alleanza di un brigante che forse aveva un’altra identità nello stato della famiglia(di mia nonna, appunto) che fu custodita e sorvegliata anche da un tale di Sannicandro?
Se si va un po’ a trovare un senso nel paradigma dei figli, come punti sensibili nelle cosiddette parti arabe, quello che c’è di saraceno nella nonna del poeta vien tutto fuori: se si fa la parte araba dei figli maschi, giove + asc – luna, il punto è il grado 9 della Vergine, in casa V, la casa dei figli appunto, in quadratura esatta con Mercurio, che, l’abbiamo visto, fa un tutt’uno con Plutone, e perciò può indicare un “figlio falso” o “falsificato”, o che non è “suo”, ma anche un figlio plutonico, uno che, ad esempio, dato per morto fu fatto risorgere con un altro nome, o un ex imbroglione, un brigante anche,nel regno,  e quindi ladro di identità, nella repubblica, e di eredità; che, essendo il Mercurio/Plutone della nonna omologo al Mercurio/Plutone del poeta, sarebbe questo figlio falso il maggior fruitore o espropriatore dell’eredità spettante al poeta.
La parte araba delle figlie femmine, venere + asc – luna, si fa presto a calcolarla: il punto è il grado 1 dell’Acquario, in opposizione a Lilith e in quadratura all’ascendente e al punto dell’Heimlich: difatti, a vederle le figlie di mia nonna, uno si chiede incredulo: possibile che queste siano state le zie del poeta? L’Heimlich, poi, ci inquieta di brutto per come rende inquietante se non umiliante la connessione tra Freud e Gaudio: si rischia di non farcela più: queste inquietanti donne possono essere le zie del poeta V.S. Gaudio che porta il nome italiano del padre della psicanalisi che, oltretutto, ebbe a che fare con Charcot, quello Charcot che in quel tempo ospitava l’amico Jules Parrot, e non recava il soprannome “Parròt” il nonno del poeta V.S. Gaudio? Una di queste figlie, che appaiono anche ne Lo Zen di Mia nonna, era quella delle tre cozze[ii], diceva che le mancavano tre cozze e i fratelli le rispondevano che forse alludeva a tre cazzi; l’altra, invece, era quella della chiave del giardino dello Zen dell’Arancia[iii]. Non a caso nel calendario tebaico, al primo grado dell’Acquario, c’è un uomo con un uccello per  mano, che simbolizzerebbe,manco a dirlo, la perdita di beni: difatti, a un certo punto della loro biografia, si narra che nel giardino Zen abbatterono non si sa quanti aranci e vennero zingari a impadronirsene con i loro cavalli senza che nessun addetto al controllo e all’ordine di denominazione ebbe a porvi rimedio con il suo ufficio. D’altronde, la parte araba dell’avvenire dei figli(asc + luna – venere) cade proprio su Lilith, in esatta opposizione con la parte araba delle figlie femmine: gli Arabi considerano il manazil in cui cade questo punto sensibile di mia nonna nettamente sfavorevole a coloro che sono caricati della responsabilità di amministrare un paese o una città o quello che è l’agro delle tre bisacce, anche se in Cina si trova nella parte chiamata Tche, il Muro Occidentale, che favorisce tutto ciò che concerne le costruzioni in generale e principalmente le costruzioni delle case anche nel settore a vocazione agrumicola chiamato, nella Carta d’Italia, foglio n.222, IV S.O. anno 1949, dell’Istituto Geografico Militare, “i Giardini”, dove, appunto, era il Giardino dello Zen dell’Arancia di mia nonna, il dojo chiamato “vigna”, che, in realtà, era un aranceto!
Estratto per riassunto dell'atto di Nascita
di Aurelia Petrone Comune di Trebisacce
8.L’imbroglio non è solo quello che si vede
Mia nonna soleva parlare ai suoi allievi del figlio Faluč che aveva una falegnameria, lodando la sua conoscenza dello Zen. Gli allievi non volevano credere alle sue parole e andavano alla falegnameria per accertarsene di persona. Non appena li vedeva arrivare, subito Faluč si metteva a piallare una tavola. Non appena andavano via, Faluč smetteva di piallare. Gli allievi tornavano da mia nonna tutti eccitati: “Davvero, Faluč è un falegname!” Una volta, però, ci fu un allievo che obiettò: “Non è mica detto che sia un falegname sol perché ogni qual volta veda uno di noi Faluč si metta a piallare”. Mia nonna così gli rispose:“L’apparenza è fatta per ingannare; ma non è detto che l’inganno sia solo quello che appare”.
[da: V.S. Gaudio, Lo Zen di Mia Nonna[iv], © 1999]




[i] Cfr. Tavola dei Tipi Morfologici e dell’Indice Costituzionale  e Come calcolare l’Indice del Pondus, in: V.S.Gaudio, Oggetti d’amore. Somatologia dell’immagine e della bellezza, Bootleg Scipioni Viterbo, Rubbettino Soveria Mannelli(Cz), 1998.
[ii] Ne Lo Zen di Mia Nonna, Lijisa è nella 17.La dieta delle Tre Cozze: vi si rivela, tra l’altro, che era “tanto avida di beni terreni per queste ragioni: la sua casa era affetta da una terribile carestia; Falucc, Maestro delle 3 Bisacce di Grano, aveva un magazzino segreto ignoto a tutti ma non a lei, che teneva sempre pieno di grano ma che rispondeva sempre picche alle sue richieste; la barca di suo marito, il Monaco della Grotta, era in pessimo stato e non poteva pescare il pesce che avrebbe voluto. Quando Lijisa, dopo la morte di Faluc, potè accedere al magazzino del grano, non preparò più le 3 Cozze dell’Illuminazione e, ritiratasi tra le montagne della Sila, fece per qualche tempo la “quadarara”. Poi, buttò via tutti gli attrezzi, mangiò tre cozze e fece trasmigrare, fatto starordinario, la sua anima in quella della figlia, che divenne, allora, illuminata e Maestra dello Zen delle 3 Cozze.”
[iii] 28.La chiave dello Zen dell’Arancia
Sino all’ultimo giorno che mia Nonna passò su questa terra, nessuno l’aveva mai vista sorridere. Quando suonò la sua ora, ella disse ai suoi discepoli e ai figli monaci: “Tutti voi avete studiato con me da una vita. Mostratemi la vera interpretazione dello Zen. Chi lo farà nel modo più espressivo e chiaro sarà il mio successore e potrà diventare custode dello Zen dell’Arancia”. Tutti fissarono la faccia inespressiva della Maestra, ma nessuno rispose. Rosa, la figlia minore, si avvicinò al letto e portò la mano verso il petto della madre. La faccia della Maestra si fece più accigliata:”E’ questo tutto ciò che hai capito?” domandò mia nonna. Rosa tolse la mano dal petto della madre e si ritrovò in mano la chiave del cancello dell’aranceto Un bel sorriso illuminò il volto di mia nonna: “ Hai capito che non c’è custode che non abbia la chiave. Brava, ti appartiene!”
[da: V.S. Gaudio, Lo Zen di Mia Nonna© 1999].
[iv] De Lo Zen… esiste anche una versione nel dialetto del delta del Saraceno: Uzzén  i Nonnamjë, che fu fatta su richiesta di Cesare Ruffato per Marsilio Elleffe, a cui , poi, gli si era, tuncu-tuncu,  ristretto il budget. La versione dialettale è dotata di un compendio fonomorfologico del dialetto usato(con considerazioni sulla doppia valenza dell’accento e la crasi fonologica) a cura di Alessandro Gaudio e Marisa Aìno. Entrambe le versioni hanno come occhiello: “Al di là delle filosofie e delle dottrine, le storie Zen assurde e umoristiche di un’esistenza-dojo piena di arance chiamata “vigna”, che fanno della vita la contraddizione del suo significato”.
Genealogia del Gaudio La Petrone del Gaudio