Detesto le prefazioni • "Non leggermi"

Mallarmé ad un autore inedito che gli chiedeva un testo di presentazione o di sostegno: “Detesto le prefazioni anche se scritte dall’autore, a maggior ragione trovo deplorevoli quelle aggiunte da altri. Un vero libro, mio caro, non ha bisogno di presentazioni, procede per colpi di fulmine come la donna con l’amante, senza l’aiuto di un terzo, il marito…”. In tutto altro senso ho scritto: “Noli me legere” . Divieto di lettura che annuncia all’autore il suo congedo: “Non leggermi”. “Sopravvivo come testo da leggere solo grazie alla consumazione che, scrivendo, ti ha lentamente sottratto l’essere”. “Non saprai mai ciò che hai scritto, anche se non hai scritto che per saperlo”.

[Maurice Blanchot, Après coup, Les Editions Minuit 1983]

SHUMILLA.

SHUMILLA.
SHUMILLA. I nuovi oggetti d’amore in Uh Magazine

lunedì 30 novembre 2015

Dan Fante ⁞ Gli occhi di Vincent

Tabloid
⁞ Dan Fante | 7-17-93
Alessandro Gaudio | Danila Mantino ⁞ 7 luglio ‘93

7-17-93


I discovered Van Gogh
about the time I gave up baseball
in Santa Monica
at a cheap picture framing shop
with my old man
in back
flipping a stack of prints
while pop argued over returning a chipped piece of glass



The pain in the paintings hit me like flames
jumped out
a mad man’s hundred-year-old vivid fury
blasting me between the eyes
scalding my senses
and changing my life
like a first kiss



And today
driving
forty-years-later
I saw “Irises” again
in a window at a stop signal on Wilshire Boulevard


The light changed and behind me some dickhead began honking like a fucking maniac
while I sat there wiping tears from my face
for the pure passion
in the vision of
Vincent’s eyes

Dan Fante

 
                                                                  ⁞ Vincent Van Gogh 
                                                              Campo di grano con corvi
                                                                                   olio su tela, cm 50,5 x 103
                                                                                Amsterdam, Van Gogh Museum

17 luglio '93


Ho scoperto Van Gogh
più o meno al tempo in cui ho rinunciato al baseball
a Santa Monica
in un negozio di cornici a buon mercato
con il mio vecchio    
che rovesciò
una catasta di stampe
quando decise di farvi un salto per restituire un 
pezzo di vetro scheggiato


Il dolore nei dipinti mi trafisse come se fiamme
ne fossero saltate fuori
vivida furia di un matto di cent'anni
che mi colpì in mezzo agli occhi
scaldandomi i sensi
e cambiandomi la vita
come il primo bacio


E oggi
guidando
quarant'anni più tardi
ho visto gli Iris di nuovo
in una vetrina a un segnale di stop su Wilshire Boulevard

La luce è cambiata e dietro di me qualche testa di cazzo
ha cominciato a suonare il clacson come un
pazzo fottuto
mentre ero lì seduto ad asciugarmi le lacrime dal volto
per la pura passione
nella visione degli
occhi di Vincent

Traduzione di Alessandro Gaudio
con la collaborazione di Danila Mantino