Detesto le prefazioni • "Non leggermi"

Mallarmé ad un autore inedito che gli chiedeva un testo di presentazione o di sostegno: “Detesto le prefazioni anche se scritte dall’autore, a maggior ragione trovo deplorevoli quelle aggiunte da altri. Un vero libro, mio caro, non ha bisogno di presentazioni, procede per colpi di fulmine come la donna con l’amante, senza l’aiuto di un terzo, il marito…”. In tutto altro senso ho scritto: “Noli me legere” . Divieto di lettura che annuncia all’autore il suo congedo: “Non leggermi”. “Sopravvivo come testo da leggere solo grazie alla consumazione che, scrivendo, ti ha lentamente sottratto l’essere”. “Non saprai mai ciò che hai scritto, anche se non hai scritto che per saperlo”.

[Maurice Blanchot, Après coup, Les Editions Minuit 1983]

SHUMILLA.

SHUMILLA.
SHUMILLA. I nuovi oggetti d’amore in Uh Magazine

domenica 7 febbraio 2016

Chambonheur ♦ Dedicato ad Harry Mathews

Dedicato ad Harry Mathews,
che, a Chambéry, con Georges Perec, Danièle Sallenave e altri,
fece, in una libreria, nel 1981, una lettura di Plaisirs Singuliers.
I nomi dei personaggi sono fittizi; i nomi dei luoghi, degli spazi, delle vie,
delle fiere,dei mercati,delle manifestazioni,
 i tempi(i samedi, les dimanches, i crepuscoli, l’Angelus meridiano e del vespro),
gli equinozi, i solstizi, le stagioni, il Grand Carillon sono quelli di Chambéry.
I personaggi in sé sono tutti di Chambéry o a Chambéry: difatti, i piaceri singolari che essi danno o fanno sono stati presi, o raggiunti, a Chambéry.
La donna, che esplicò in quel reading del 1981,
 le modalità con cui si procurava l’orgasmo, è l’archetipo di ogni personaggio, ovvero è lei l’ Herkunft del Grand Carillon de Chambéry.
A lei va, altresì, dedicato questo nostro Chambonheur.
A LeiElle, del cui “piacere singolare” non v’è traccia né testimonianza, e che, per questa ragione, è ancor di più riconoscibile in ognuno dei corpi chambériens, individualità “differente, rifratta, senza privilegi”,
l’anonima che, di corpo in corpo, si costituirà, al grado elevato del mou savoiardo,
come l’assolutezza anonima,riconoscibile, sì, in ognuno dei personaggi
femminili, ma riconoscibile, soprattutto, nella differenza, rifratta, senza privilegi, di tutti i personaggi femminili.

V.S.GAUDIO│© 2004



http://mianonnadellozen.tumblr.com/post/135647165662/clippedonissuu-from-vsgaudio-chambonheur-le