Detesto le prefazioni • "Non leggermi"

Mallarmé ad un autore inedito che gli chiedeva un testo di presentazione o di sostegno: “Detesto le prefazioni anche se scritte dall’autore, a maggior ragione trovo deplorevoli quelle aggiunte da altri. Un vero libro, mio caro, non ha bisogno di presentazioni, procede per colpi di fulmine come la donna con l’amante, senza l’aiuto di un terzo, il marito…”. In tutto altro senso ho scritto: “Noli me legere” . Divieto di lettura che annuncia all’autore il suo congedo: “Non leggermi”. “Sopravvivo come testo da leggere solo grazie alla consumazione che, scrivendo, ti ha lentamente sottratto l’essere”. “Non saprai mai ciò che hai scritto, anche se non hai scritto che per saperlo”.

[Maurice Blanchot, Après coup, Les Editions Minuit 1983]

SHUMILLA.

SHUMILLA.
SHUMILLA. I nuovi oggetti d’amore in Uh Magazine

sabato 18 giugno 2016

Alessandro Gaudio at "Salerno Letteratura" ● IL LINGUAGGIO SPORTIVO di PAOLO VOLPONI ▌



Salerno Letteratura 2016 ⁞ 
Alessandro Gaudio 
editor di "Il linguaggio sportivo" di Paolo Volponi





Il linguaggio sportivo e altri scritti (1956-1993)

di Paolo Volponi 

a cura di Alessandro Gaudio 

prefazione di Darwin Pastorin


Gli articoli volponiani di argomento sportivo permettono di scoprire un altro volto di un grande romanziere e poeta italiano, Paolo Volponi: il volto dell’appassionato di pallone, in un’epoca in cui gli spalti degli stadi potevano vedere accesi sostenitori come, ad esempio, il bianconero Mario Soldati e il nerazzurro Vittorio Sereni. Si tratta di otto interventi, distribuiti lungo quarant’anni di ininterrotte riflessioni da parte di Volponi su questioni inerenti alla cultura, alla società, alla politica, all’arte. Volponi, tifoso del Bologna come il suo grande amico Pier Paolo Pasolini e come Roberto Roversi, ama intervenire sulle questioni tattiche e tecniche, travestirsi da allenatore della nazionale; nel 1978, per esempio, è originale e sorprendente nel proporre ad Enzo Bearzot la sua personalissima formazione che presentava Pasinato in mediana, il furetto Filippi a centrocampo e, addirittura, Marco Tardelli libero. In questo contesto si inserisce il timbro nitido dell’autore de Le mosche del capitale: è per questo che, in appendice al volume, Alessandro Gaudio presenta un articolo inedito di Volponi nel quale l’autore urbinate propone il calcio e le sue norme come metafora di un sistema capitalistico alla deriva e alcune pagine, anch’esse inedite, tratte dai materiali preparatori delle Mosche del capitale. All’interno di questi preziosi documenti, messi a disposizione dagli eredi di Volponi, si possono notare l’arguzia e la sicurezza dei riferimenti del grande intellettuale urbinate nel discettare di argomenti calcistici (sorprendente la disamina sul ruolo di Roberto Boninsegna, attaccante della Nazionale di calcio, e persino sul suo carattere e sulle sue posizioni politiche) e il modo in cui essi vengano inseriti armonicamente tanto nell’impianto narrativo, quanto nella cornice culturale, storica e linguistica dell’Italia degli anni Settanta. Colpisce l’efficacia che il progetto intellettuale delineato da Volponi in tutti gli scritti proposti, sia in quelli pubblicati sia nelle pagine inedite, continuerebbe ad avere anche oggi che ancor più se ne sente l’urgenza. Ad aprire e chiudere il prezioso volumetto, gli scritti di Massimo Raffaeli, studioso e amico di Paolo Volponi, e di Darwin Pastorin, giornalista sportivo dalla gentilissima penna e dai raffinati gusti letterari.
Photo by Carlo Ziviello


Paolo Volponi (Urbino, 6 febbraio 1924 – Ancona, 23 agosto 1994) è considerato uno dei più grandi scrittori italiani del Novecento. A ventiquattro anni pubblica la sua prima raccolta di poesie: Il ramarro. Nella primavera del ‘54 conosce Pier Paolo Pasolini, da cui riceverà uno stimolo decisivo in direzione del romanzo. Tra i tanti pubblicati dal 1962 in poi ricordiamo Corporale (Einaudi, 1974), Le mosche del capitale (Einaudi, 1989), La macchina mondiale (Garzanti, 1965) e La strada per Roma (Einaudi, 1991). Con gli ultimi due si è aggiudicato, unico autore ad averlo vinto più di una volta, il premio Strega.
Alessandro Gaudio ha ottenuto l'Abilitazione Scientifica Nazionale come professore di II fascia e collabora col Dipartimento di Lingue e Scienze dell'Educazione dell'Università della Calabria. Tra i suoi saggi più importanti La sinistra estrema dell’arte (2006), Lavorare con gli attrezzi del vicino (2011), Morselli antimoderno (2011). Sull'opera di Volponi ha pubblicato Animale di desiderio (2008).


Collana: Binari. Uscita: 26 maggio 2016. Pagine: 136. Prezzo: € 10,00 ISBN: 978-88-99381-08-0