Passa ai contenuti principali

Antonio Spagnuolo ♪ Il solfeggio dello stile Pi

Il solfeggio dello stile Pi di Antonio Spagnuolo
Come un solfeggio([i])  si pone nel periodo dello stile Pi([ii] )di Antonio Spagnuolo, è l’ultimo periodo della sua biografia e della sua poetica, è quello dello schema verbale “Unire”, in cui la struttura è ormai evidentemente drammatica: più che la “complessità”, tra gli indicatori globali di Moles, è l’”iconicità” che va incontro alla “pregnanza” e , in più casi, sopperisce al suo stato insufficiente. Senza andare a fare alcuna verifica, questo vuol dire che “il vocabolario della 1^ fascia” è a metà strada tra il 20-25% dello stile che abbiamo denominato Ko e il 32-35% dello stile chiamato Sui([iii]), e vuole dire anche che tra le 32 variabili morfo-lessicali di cui alla Grammatica italiana descrittiva di  Regula e Jerney([iv]), la Diatesi passiva e il Rapporto Verbi Passivi/Totale Verbi sta crescendo come crescono le congiunzioni coordinative, la metafora si è fatta più tenera e, mentre culla l’oralità del poeta, allontana inquietudini e ansie. Ma l’angoscia resta lì in agguato a soffiare sulla passione immaginaria dell’io, intanto che l’Altro se ne è andato e l’oggetto a del poeta, per questa scomparsa che sempre più si univocizza, non avrà più il peso specifico, la libbra di carne, che Lacan sostanzialmente gli dava.





[i] Antonio Spagnuolo, Come un solfeggio, kairós edizioni, napoli 2014.
[ii] Pi è il “ristagno”, in cui prevale lo schema verbale “Unire”: l’intelligibilità è buona; la complessità media; l’ambiguità alta; la pregnanza, invece, è bassa; la carica connotativa è ancora alta a fronte di un codice espressivo più ristretto che elaborato.Siamo in quello che Durand chiama Regime Notturno: con le strutture drammatiche gli archetipi vigenti sono la Ruota, la Croce e la Luna. E’ lo stile inaugurato nel 1993 con Dietro il restauro e portato avanti con Attese, Rapinando Alfabeti fino a Corruptions .
[iii] Cfr. V.S.Gaudio, La pelle del tamburo e le pupille del tempo, il coboldcasa dell'alchimista
Lo stile di Ko, che è il sovvertimento, era quello in atto in Candida e in Infibul/azione; poi, con il complesso di Ko, venne Sui, lo stile di Sui, che è tutto incentrato sullo schema verbale del “seguire” in cui l’archetipo sostantivo è la “Ruota” e i sintèmi sono costituiti dal “sacrificio” e dal “tempo”: lo stile di Sui era lo stile portante di Per lembi, Fratture da comporre, Misure del timore.Tra Ko e Sui la differenza sostanziale è che Ko è dentro il regime diurno dell’immaginario e lo schema verbale è “distinguere”; Sui è dentro il regime notturno e lo schema verbale è “unire”.
[iv]M.Regula; J.Jerney, Grammatica italiana descrittiva su basi psicologiche, Francke Verlag, Bern 1965. Per essere più precisi in merito alle fasce linguistiche,ad esempio, in una poesia di 125 parole dello stile Sui, le parole della 1^ fascia, che è quella che De Mauro ritiene la più semplice nel vocabolario di base, sono 42-44, senza considerare gli articoli, le preposizioni e gli avverbi, a cui vanno aggiunte altre 15 parole della 2^ fascia e solo 3 della 3^(che è il vocabolario dell’"alta disponibilità" di cui a Tullio De Mauro che comprende 1800 parole del suo vocabolario di base).


Breve





Affondo nella nostalgia veloce, che mi invecchia,
nei giorni che nascondono le ore
per sottrarre pensieri,
e il battito declina il calendario
che ti allontana misteriosamente.
Il turbinio di novembre ebbe l’attimo breve
rubando il tuo sorriso, sfregiando la carne,
mentre io toccavo l’ultimo foglio bianco
della nostra passione.
Un’elegia grida il suo stupore
nel brivido,
a piegare l’ombra preziosa
che ti insegue.


Ø  da: Antonio Spagnuolo, Come un solfeggio, ed.cit.:pag.41.

Hit Parade della Settimana

Beyoncé, Sia & V.S.Gaudio ░ La “veduta” bionda dell’ esercitante

L’esercitante per la “Battaglia dei Gesuiti” e la doppia misura del piede♫
Quello che accade all’ascoltatore, quando  commuta il suo fantasma  che è essenzialmente visivo, è quello che accade all’esserci , come Dasein, abituato alla sua nevrosi ossessiva. Voi le sentite queste due che cantano e ciò che vedete è che vestono in grigio, hanno due vestiti identici, che indossano a turno. Hanno le stesse mutande grigie, che indossano a turno. Hanno le stesse calze, le stesse scarpe grigie, forse anche lo stesso numero di piede. Probabilmente si sono svegliate alla stessa ora, più o meno alle sette e un quarto, di questi tempi, e, quando viene il solstizio estivo, verso le cinque e mezzo, ora solare. Alle otto e alle sei già son pronte per cantare. Basta vederle camminare, appena fuori di casa, come se fossero  l’immagine ignaziana, che non è una visione- scrive Barthes-  ma  una veduta, e in questa veduta  il visionatore, o l’ascoltatore, inquadra sapori, odori, suoni o sensazioni[i]. Le do…

Telegramma della Giovane Poesia ░

ÆTelegramma di Marisa Aino a V.S.Gaudio 
militare alla Direzione di Commissariato X CMT Napoli: 
compleanno hemingwayano del giovane poeta
Marisa Aino e un irriconoscibile Vuesse Gaudio, militare a Napoli, in piazza Vittoria e sul lungomare Caracciolo: alle loro spalle
si intravede il Castel dell'Ovo


░ L'azzurro dei cavalcanti

Per un lettore culturalmente adulto !

Aida Maria Zoppetti ░ Duck

  alfabetizzazioni:    abcdefghijklmnopqrstuvwxyz

from↓ricreazione  blog artificiale d'arte e artifiz

Giovanni Fontana ░ Tarocco Meccanico Reading

TAROCCO MECCANICO
Dal minuto 6 e 5 secondi, non perdetevi  il Reading di Giovanni Fontana dal suo Tarocco Meccanico

SARENCO. La capra bollita del villaggio di Shella

La capra bollita del villaggio di ShellaHo mangiato la vecchia capra bollita,ho intinto il pane nel brodo scuroinsaporito con pepe, masala ed iliki,ho scambiato quattro parole in kiswahilicoi vecchi pescatori del Vasco de Gama Pillar,ho guardato le nuvole basse dell’Oceano,ho pensato alle chiappe di Fatuma,mi sono trovato sulla strada del ritorno,mi è venuta una grande tristezza,per un attimo ho visto la morte,ho dato fondo all’ultima vodkae finalmente ho dormito il sonno del giusto.
1990
ê1.SARENCOPOESIE SCELTE1961-1990
POETRY IS OVER COLLECTION
vIn memoria di Isaia Mabellini,in arte SARENCOSarenco, nome d’arte di Isaia Mabellini, è nato a Vobarno,sulle montagne della Vallesabbia, in provincia di Brescia, nel 1945. All’età di sedici anni, nel 1961, scrive la sua prima poesia. Nel 1963 produce la sua prima opera di ‘poesia visiva’. Nel 1965 la sua prima mostra di poesie visive. Dal 1966 ad oggi la sua attività espositiva conta centinaia di mostre nel mondo, quattro partecipazioni alla Bi…