V.S.Gaudio • 'A triòffa du rïarmune, 2-3


2.
per bucare l’acqua, il corpo morbido e pieno guardandoti dietro
la nuca, le spalle, che si è piantato e non può toccarsi
e tra terra, erba e legno e questa luce che sa di vetro
la piega del podice dentro i jeans che sai portare tra membra
e giunture, e picciune ‘mpracchjatu, l’occhio non è sdraiato
in superficie ma è lo sguardo che schipiciu come l’eclittica
sale lungo il tuo petto che ha mântici enormi e limiti caldi
come una notte d’amore du marcǔne che dura sicura e dolce
sino all’alba cu rusticu docile e gruossu nella fessura
del giorno che abbraccia e ha tenera e madida la carne

 3.
se la cavalcata con cui enumero e scandisco tutto il tuo corpo
è una linea sottile e obliqua che non ha più la linearità dell’ovvio
come potrei sborrarti sul muso se il tuo viso collimasse in pieno
con l’orizzonte dello sguardo, più rendo profondo il verde della camicia
e più morbido il colore dei jeans e più avanza l’Heimlich
come se quell’Angelus meridiano della Spaccusa fosse stato
invece lungo e largo come quello del vespro, né si può dire che
sia stato il vento a gettare i colori cadendo con il sole indorando
i deltoidi e i pallanti con la sera, gonfia di pieghe e del tuo buco
più stretto, scivoloso e solido che si inarca ed è perciò reso
più sottile alla base e abitabile


[In ammašcânte:"La carne del mondo"]
·$Leggi anche: 


Hit Parade della Settimana

Alessandro Gaudio │ Il limite di Schönberg │

I poeti non si sono mai tuffati dalla banchina di Trebisacce.