Detesto le prefazioni • "Non leggermi"

Mallarmé ad un autore inedito che gli chiedeva un testo di presentazione o di sostegno: “Detesto le prefazioni anche se scritte dall’autore, a maggior ragione trovo deplorevoli quelle aggiunte da altri. Un vero libro, mio caro, non ha bisogno di presentazioni, procede per colpi di fulmine come la donna con l’amante, senza l’aiuto di un terzo, il marito…”. In tutto altro senso ho scritto: “Noli me legere” . Divieto di lettura che annuncia all’autore il suo congedo: “Non leggermi”. “Sopravvivo come testo da leggere solo grazie alla consumazione che, scrivendo, ti ha lentamente sottratto l’essere”. “Non saprai mai ciò che hai scritto, anche se non hai scritto che per saperlo”.

[Maurice Blanchot, Après coup, Les Editions Minuit 1983]

SHUMILLA.

SHUMILLA.
SHUMILLA. I nuovi oggetti d’amore in Uh Magazine

venerdì 20 febbraio 2015

Belle de Jour e l'anno di Sheep ░

Il mio amico Sheep è della Capra come Andy Warhol


Quando viene l’anno della  capra  il mio amico Sheep, che a volte lo chiamiamo Scèp,  comincia a fare progetti grandiosi, quest’anno appena è cominciato l’anno della capra ha twittato: “La civiltà ha una forma di Cerchio e si ripete; io ho la testa a forma di trapezio. E sono di legno”. Chi lo lesse si rallegrò e telefonò alla madre, che ad alcuni rispose: Ma chi diavolo avrà mai bisogno di una testa  trapezoidale, e poi di una pecora ed è di legno? Ma no, mamma, il fatto è che Sheep, è convinto di essere della Pecora, invece qui si tratta della Capra, She-goat, e lui però  è della capra di legno, come quest’anno, perciò è convinto di rassomigliare a un attaccapanni, poi arriva l’estate e fa lo spaventapasseri, si siede sotto il gelso con la testa fra le mani e pensa a come gli piacerebbe navigare, da ragazzo sognava di diventare capitano di una nave, aveva letto pure La scoperta della lentezza di Sten Nadolny ma poi vi rinunciò quando la madre gli spiegò che né le capre né le pecore vanno per mare. Quel che Sheep non sa è che anche Miguel de Cervantes è della Capra, come Andy Warhol  e Catherine Deneuve, che, però, di questi due una volta mi disse che erano della Pecora di Metallo. Vorrai dire della Capra di Metallo? No, della Pecora, come me, pensa che Catherine una volta , ai tempi di Belle de Jour, si meravigliò come fosse tutto un cerchio: Mon Dieu, disse, io sono Capra di metallo e faccio questo film nell’anno della Capra del Fuoco, che fa la pecora più aggressiva e le fa mettere in mostra una grazia personale che, a detta di Baudrillard,è semplicemente patafisica. E’ per questo che anche Warhol s’innamorò di una capra con ascendente Cavallo, espressiva e fantasiosa, e voleva sempre soldi, così è il cavallo, e poi lei che era pecora sapeva come spenderli. Io, disse Sheep, avrei preferito una Pecora con ascendente Bue, che, almeno quando è pronto in tavola, sa essere puntuale. E poi vuoi mettere la severità bovina mescolata al fascino della Capra?  Gaudio Malaguzzi