Miele, il dolce kama-salila delle longilinee ectomorfe

MIELE , IL  DOLCE  KAMA-SALILA
DELLE LONGILINEE ECTOMORFE
di v.s.gaudio








1.Miele è un’ Amorfa paranervosa

Miele, il personaggio femminile di Milo Manara[1], è un tipo longilineo ectomorfo, la cui analisi fisionomica permette di rilevare, stando alla morfologia di Corman, un tipo retratto basilare che, più che correlabile all’opposizione caratteriale amorfo-apatica, ha espressioni di tipo amorfo-nervose, in cui è costante l’asse Non-Attività/Primarietà ed è variabile l’asse dell’Emotività.
La combinazione binaria dei fattori Emotività, Non-Attività e Primarietà realizza il tipo NERVOSO(=E.nA.P.), di umore variabile, che tende a far colpo  e a richiamare su di sé l’attenzione degli altri. Volubile negli affetti, presto sedotto, presto consolato.
L’emotività “improvvisa” si combina con la volubilità dei sentimenti e il bisogno di emozioni con la sublimazione dei desideri.
La combinazione binaria dei fattori Non-Emotività, Non-Attività e Primarietà realizza il tipo AMORFO(nE.nA.P.), accomodante e negligente, prodigale e sottomesso all’istante, il cui valore dominante è il piacere. L’indifferenza si combina con l’incostanza e il disordine con una caparbietà passiva molto tenace.
Il non equilibrio dei tre piani del viso e la sua lunghezza relativa costituiscono i tratti morfologici della Non-Attività.
Il desiderio di sensazioni primario è segnalato dallo sviluppo della bocca.
La Primarietà è data dagli occhi grandi , chiari e sporgenti e dallo sviluppo del piccolo viso( che è la struttura vestibolare che comprende occhi, naso e bocca).
L’effetto Venere , presente nel piano medio del viso, accentua la plasticità di questa Amorfa paranervosa, così incurante e nemica dei principi, delle costrizioni e della disciplina, così golosa e sensuale, così egoista ed espansiva.
Mucchielli dice che la predominanza degli interessi organici ed egoistici blocca l’Amorfa paranervosa al livello dei bisogni del corpo e la limita a queste soddisfazioni[2].
Gli interessi, aggiunge Griéger[3], sono limitati al presente: sensoriali e variabili; ricerca le emozioni forti e nuove. Dallo spirito superficiale e molto fantasiosa, è dotata di una intelligenza viva e rapida.
Come ogni personaggio, protagonista di storie d’avventura, è destinata a sublimare, nelle avventure, nevrosi d’angoscia, nevrosi sessuali e conversioni isteriche.
Nella Schicksalsanalyse(=Analisi del destino) di Leopold Szondi[4] , Miele è un tipo correlabile a questa forma combinatoria di manifestazioni pulsionali:
1)   la tendenza all’esibizionismo (il fattore HY[5])
                 è  combinata con
                 2) la bontà del fattore E[6].



2. La formula morfologica di Miele e di Druuna; il fallo invisibile

Leggendo il corpo di Miele con gli assi morfologici indicati da William H. Sheldon[7], avremmo un tipo i cui gradi di intensità delle tre componenti danno una formula in bilico tra l’ 1/1/4 e l’ 1/2/4, in cui il primo numero riguarda la componente endomorfica, la larghezza e la voluminosità del corpo, con il predominio dell’apparato digerente.
Il secondo numero è la componente mesomorfica , cioè lo sviluppo osseo e muscolare. Collo, spalle, petto in evidenza. Se il grado di mesomorfismo è alto, l’intensità va da 4 a 7.
Il terzo numero indica lo stato di ectomorfismo, cioè la fragilità, la sottile struttura somatica, in cui le spalle sono strette, il petto appiattito e gli arti lunghi quanto il grado di intensità varia da 4 a 7.
Valutando queste tre componenti in base alla scala di 7 punti ( dal minimo di 1 al massimo di 7 ), per Druuna, il personaggio di Eleuteri Serpieri[8] ottenemmo la formula doppia  2/4/1  - 3/4/1  ,che, più di ogni altra, dà come figura la “puledra”, essendo, in Atlas of Men[9]di Sheldon, 1/1/7 il “bastone che cammina”, 5/4/1 il “bue”, 2/4/4 il “lupo” e 3/5/2 il “cavallo”.
La formula costituzionale femminile 2/4/1 – 3/4/1 «è, tra le 383 combinazioni possibili, quella che rappresenta
di più la morfologia attraente. Molte attrici o donne interessanti hanno identica o simile formula somatotipica»[10].
Sembra, detto questo, che si sia fissata la verità o la misura dell’immagine da sex-appeal, quando l’aggiunta “avversativa” apre connessioni variabili per ogni tipologia morfologica:«Ma l’unicità di Druuna sta nella relazione che c’è tra questa formula e la sua faccia”[11].
Allo stesso modo, l’unicità di Miele è nella relazione che c’è tra la sua faccia e la formula doppia 1/2/4 – 1/1/4 [12].
Tra il viso, in cui c’è l’opposizione morfologica Amorfo-nervosa, e il corpo, la cui base longilinea ectomorfa è espressa dal rapporto della formula doppia indicata, passa il fascino di Miele:
quella leggera inafferrabilità primaria che si contrappone a una incostanza sensoriale che rende peccaminosa, perché volubile, la sensualità.
La leggerezza del corpo rende leggera la libido oggettuale: lo spirito farfallino di Miele, che sta cercando il “seno buono” dell’amore, sembra che trovi sempre quell’oggetto, che dandosi come resto, si definisce “estraneo”.
Non fatemi dire che se, nel destino delle principesse, c’è il destino del fallo mancante(o incostante, o mobile), nel destino di Miele non può che esserci il destino del fallo invisibile e che, perciò, lo stesso va definito, nei suoi desideri, come mentula plutonico-lunare.
Se ci si rifà alla  Tavola A, elaborata in Carolina di Monaco[13], dando il Significante del desiderio di Miele alquanto INCOERENTE e/o VACANTE e, perciò, presupponendo una libido oggettuale che, se la curiosità sensoriale prevale, è elevata e che, invece, se l’indifferenza esclude l’approccio, è spenta, non potremmo che elaborare per l’eroina di Manara questa Tavola:


SITUAZIONE
DEL FALLO
NOME
SIGNIFICANTE
DEL
DESIDERIO
LIBIDO
OGGETTUALE
MENTULA
FANTASMATA
MIELE
NON
DEFINITA
Fallo
Invisibile
INCOERENTE
VACANTE
Alterna
Mentula
Plutonico-
lunare*


Tavola A
Il  fallo invisibile



*La  MENTULA PLUTONICO-LUNARE ha l’assenza mistica o fantastica della componente lunare e il tirannico esclusivismo della componente plutonica.
Il mistero del suo grado erettivo può renderla imperiale e sovrumana ; la sua assenza visiva allunga l’esercizio dei fantasmi.
Un po’ come nei manga giapponesi, l’invisibilità del fallo rende polisemico il Significante del Desiderio e, per questo, facilita la intrusione del lettore: non essendo definito né il portatore del fallo né il fallo in sé vuoi vedere che Miele me la sto facendo io?


3.L’ Indice Costituzionale, l’Indice del Pondus e la
Regola dell’Erotizzazione

Il corpo di Miele è longilineo: a conti fatti e a proiezioni supposte non dovrebbe andare oltre i 172 centimetri(ovvero i 5’8”) di altezza.
La caratura ectomorfa dovrebbe correlare una circonferenza del seno tra 82 e 84 centimetri(tra 32 e 33 pollici) e un peso che non supera i 50 chilogrammi(attorno alle 110 libbre).
Antropometricamente, avremmo, in ciascun caso delle varianti del seno e dell’altezza, un Indice Costituzionale che oscillerebbe tra 47.67 e 49.41[14].
Sarebbe ectomorfa perché chi è alta 170 centimetri dovrebbe pesare meno di 60 chili e pesando addirittura meno del peso standard fissato per l’ectomorfa normolinea, avremmo una condizione ectomorfa più alta del grado di intensità 4.
L’ Indice del Pondus varierebbe , con i dati presupposti, dal 40(=BASSO) di a)h172-(50kg + 82cm)=40
al   36(=DEBOLE) di b)h170-(50 + 84)=36
passando per
il  38(=BASSO) di c)h172-(50 + 84)=38
                     e di d)h170-(50 + 82)=38.
Sembra che questa analisi faccia saltare  fuori una nuova  Regola dell’Erotizzazione del Corpo o del Significante Somatico:
1)c’è più eros quando l’indice del Pondus
è  alto(12-20)

2)quando l’Indice è ALTISSIMO(x – 11),
l’erotizzazione del corpo o del Significante Somatico
è  deteriorata

3)anche l’Indice del Pondus con valore debole(32 – 36) carica la longilinea con l’erotizzazione
delle gambe e del viso

4)mentre l’Indice BASSO(oltre 37)
deteriora qualsiasi punctum erotico.
D’altra parte, già in Tipologia di Druuna, eravamo stati chiari con questo enunciato:«Ma,ricordatelo,il fascino, l’unicità, il punctum fanno oscillare i limiti delle formule costituzionali: che so, la regola prescrive che un indice “seno/altezza” 57 è contenuto troppo endomorfo e poco attrattivo, come il 107 dell’indice “altezza/peso”? Cercate in queste trasgressioni la regola dell’effetto seducente, superbo, incantevole,malizioso, ammaliante, sensuale, arrapante»[15].
La Tavola B visualizza Miele con tre Indici del Pondus diversi:


Indice del
Pondus
Significante
Somatico
Erotizzato
Formula
Sheldon
Indice
Costituzionale
Tipologia
Caratteriale
Punctum
Immagine
MIELE 1
36 Debole
Gambe
Viso
1/2/4
49.41
nE.nA.P./
E.nA.P.
con  E. +
Natiche/Viso
MIELE 2


38  Basso

1/1/4
48.23
nE.nA.P./
E.nA.P.
Gambe/Viso
MIELE 3

40  Basso
   -     
1/1/5
 47.67
nE.nA.P.
Capelli/Viso



Tavola B
Miele per 3
                                                                                 Legenda Carattere
nE.nA.P. = non-Emotività.non-Attività.Primarietà=AMORFO
E.nA.P. = Emotività.non-Attività.Primarietà=NERVOSO
E.+  =  Emotività più alta



4.Il Significante Non-somatico

La leggerezza somatica di Miele fa sì che, pur con una Polisemia più che positiva(=7)[16], essendo l’Indice del Pondus  basso(=3 o 4) o debole(=5), il suo Pondus Erotico[17] possa variare tra 5 , 5½ e 6.
In altri termini, Miele, al massimo della forma, può contare su un Pondus Erotico sufficiente, anche perché
non ha significanti somatici di rilievo, se si escludono le gambe, come correlato longilineo, e il bel culo, come scarto erotico, operato dal disegnatore, che, con accorgimenti tecnici e figurativi, ne fa quel “supplemento” di cui riferimmo in Erotica e Atletica[18]  .
Così, essendo dotata al minimo di quel che dovrebbe essere il richiamo erotico del significante Somatico, l’ectomorfismo adolescenziale di Miele viene compensato con un Significante Non-somatico, il miele,il gusto di miele che ha quello che il Kama Shastra chiama Kama-Salila[19] , il liquido che emette lo Yoni quando è eccitato dalla presenza o meno, o dall’azione energica o meno, del Lingam.
La donna Mrigi, che ha lo Yoni profondo 6 dita e il corpo delicato, giovanile, dolce e tenero; le cosce e il pube pieni, la parte inferiore delle anche solida, ha il Kama-Salila che emana il piacevole profumo del fior di loto.
La donna Ashvini, dallo Yoni profondo 9 dita e dai seni forti e carnosi, che cammina con grazia e ha occhi e bocca larghi, ha il Kama-Salila che profuma di loto.
La donna Karini, dallo Yoni profondo 12 dita, tozza e endomorfo, ha il Kama-Salila che ricorda l’umore che scorre dalle tempie dell’elefante.
Miele , che ha il Kama-Salila che ha il sapore del miele, dal corpo delicato e fragile, dall’andatura inquieta e curiosa, essendo longilinea ectomorfa che profondità di Yoni avrebbe?
Vedete come l’ “invisibilità del fallo” corrisponda alla “non-misurabilità dello Yoni”, e come, alla leggerezza, alla tenerezza, alla delicatezza del corpo, corrisponda la dolce essenza del suo Esserci, tanto che , essendo visivamente lieto il Significante Somatico, sarà gustosamente intenso il Significante Invisibile ?


DONNA

Tipologia
Costituzio-
Nale
Significante
Somatico
Kama-
Salila
[signifi-
cante non
somatico]
Yoni
Unione con
Lingam   =
Indice
Costitu-
zionale
Indice
Pondus
MRIGI

Cerva
Brevilinea
mesomorfa
COSCE  e
PUBE  pieni
Fior di
Loto
  6
6=Uttama
(9=Madhya-
na . 12=Ka-
nishta)


52/57
(-160h)
Medio
alto
ASHVINI
Giumenta
Normolongi-
linea
mesomorfa
SENI forti  e
carnosi
OCCHI e BOC-
CA larghi
Loto
  9
9=Uttama
(6=Madhya-
na. 12=Kani-
shta)
52/56
(+165h)
Alto
KARINI
Elefante
Longilinea
endomorfo
SENI grandi
LABBRA spor-
Genti
Umore
tempie
elefante
 12
12=Uttama
(9=Madhyana.
12=Kanishta)
+53
(+170h)
Altissi-
mo
MIELE
Longilinea
ectomorfa
LIEVE
GAMBE
Miele
  ?
         ?
-50
ä170h
Debole
DRUUNA
Normolinea
mesomorfa
CULO  poderoso
SENI ampli e 
Pieni
Loto ?
  9
9=Uttama
(6=Madhyana.
12=Kanishta?)
+56
ä165h
Alto
REIKO*
Normolinea
mesomorfa
CULO  mas-
siccio e SENI
abbondanti
?
  9

Come per
Druuna
+56
ä165h
Alto
CÉCILE**
Longilinea
ectomorfa
LIEVE
Miele ?
  9
9=Uttama
(6=Kanishta.
12=Uttama)
-50
ä170h
Debole


Legenda Unione Yoni con Lingam
UTTAMA = la migliore
MADHYANA=la media
KANISHTA=la peggiore

Tavola C
Tipologia,Indici,Significante somatico di Miele,Druuna,Reiko,Cécile e delle donne del Kama Shastra


*REIKO è “Miss 130” di Chiyoji(cfr. Tavola D in: Isabella Rossellini):ovvero 130 pounds x 0.453 = kg. 58.89. Essendo più o meno alta di 165 centimetri, la normolinea Reiko è una Mesomorfa abbondante(i limiti per quell’altezza sono 56 e 61 chili). L’Indice Costituzionale superiore a 57(ha un seno di almeno 95-96 centimetri)conferma lo stato mesomorfo ampio. Con queste misure, Reiko ha un Indice del Pondus al limite tra 11 e 12:Alto, quasi Altissimo.









**CÉCILE  è la protagonista di Le Rêve de Cécile di Erich Von Götha(cfr., per l’edizione italiana: Il sogno di Cecilia:”Blue”nn. 71, 72, 73, 74 , Blue Press, Roma 1997). Come per tutte le protagoniste di Von Götha, la morfologia ectomorfa e l’Indice Costituzionale inferiore a 50 si contrappongono a una libido oggettuale intensa e alla consistente potenza dei falli, che qualificano lo Yoni profondo di Cécile e la funzionalità “Uttama” del coito con i falli tipo 12, che, nella norma del Kama Shastra, sarebbe,invece, di tipo “Kanishta” per uno Yoni tipo 9.







Note


[1] Milo Manara, Il profumo dell’invisibile, Edizioni Nuova Frontiera, Roma 1992.
[2] Cfr. Roger Mucchielli , Carattere e Fisionomia , trad. it. Sei, Torino 1961.
[3] Cfr. Paul Griéger , Lo studio pratico del carattere , trad. it. Sei, Torino 1968.
[4] Leopold Szondi, psicoterapeuta ungherese. Ispirato da quella forma “epica” di una vera “scienza dell’anima” che egli trovava tanto in Freud quanto in Dostoevskij, attraverso la doppia strada delle ricerche genealogiche sulle malattie mentali e di uno studio delle scelte amorose, pervenne a elaborare la sua teoria: l’analisi del destino, che si estende dalla biologia alle scienze umane.
[5] Leopold Szondi, Introduzione all’analisi del destino , trad. it. Astrolabio-Ubaldini, Roma 1975: cfr. capitolo 7, pagg. 127-150.
[6] Ibidem. Cfr. anche la nota 2. in  Serena Grandi, il Körper opulento e la pulsione di sorpresa di Leopold  Szondi, in:
V.S.Gaudio, Oggetti d’amore, Bootleg Scipioni editori, Viterbo 1988.
 [7] William H. Sheldon, Atlas of Men , Harper, New York 1954.
 [8] Paolo Eleuteri Serpieri, Mandragora, in “Blue” nn. 53, 54, 55, 56, Blue Press, Roma   luglio-ottobre 1995. Per la formula di Sheldon, vedi: Tipologia di Druuna, in:  V.S.Gaudio, Druuna e il culo di Gnesa©1996.
 [9] William H. Sheldon, op. cit.
[10] V.S. Gaudio, Tipologia di Druuna, in: Druuna e il culo di Gnesa, cit.
[11] Ibidem.
[12] Naomi Campbell è 1/3/4, la risposta figurativa equina di tipo longilineo alla figura equina di tipo normomesomorfo di Druuna. Invece, la formula 3/4/1(4/4/1) di Simona Tagli si avvicina fortemente a quella di Druuna: da una parte, la “Quarter Horse Bionda”, dall’altra una “Kladruber incrociata con un anglonormanno”?
[13] Cfr. Carolina di Monaco e il destino fallico delle principesse.
[14] Calcoliamo qui i vari Indici Costituzionali a seconda delle misure considerate: 1)altezza 172;seno 82: I.C. 47.67;
2)altezza 170; seno 82: I.C. 48.23 ; 3)altezza 172; seno 83 : I.C. 48.25 ; 4)altezza 170; seno 83: I.C. 48.82 ; 5)altezza 172; seno 84: I.C. 48.83 ; 6)altezza 170; seno 84 : I.C. 49.41 .
[15] V.S.Gaudio, Tipologia di Druuna, loc.cit.
[16] La  Polisemia in un personaggio fumettistico è sempre su valori positivi se non evidenti : così è per DRUUNA come per MODESTY BLAISE e per VALENTINA, come anche per i personaggi ectomorfi di Von Götha(JANICE, CECILE, SOPHIE) o per le giovani puberali di Max Cabanes(COLETTE, ROBERTA).
[17] Cfr. Tavola del Pondus Erotico, in : V.S.Gaudio, Oggetti d’amore, edizione citata: pag. 74.
[18] V.S.Gaudio, Erotica e Atletica , in “Fermenti”, n. 202, Roma 1990:«Supplemento significante immenso, il dettaglio, come ogni ridondanza, produce sempre un interstizio che, in ambito somatico, diviene scarto erotico».
[19] Nel Kama Shastra, col termine Kama-Salila si intende, sia per l’uomo che per la donna, il liquido emesso per desiderio,amore, oggetto di desiderio, piacere. Difatti, i due vocaboli in sanscrito hanno questi significati:A)kama : sm :
 1.desiderio ; 2.amore ; 3.oggetto di desiderio ; 4.piacere . B)salila:sm: 1.ondata ; 2.acqua ; 3.inondazione; 4.pioggia .
Con il Kama Shastra, vedete quante combinazioni di figure abbiamo unendo i due termini in Kama-Salila ?
1)”l’ondata dell’amore” ; 2)”l’ondata del desiderio”; 3)”l’ondata del piacere”; 4)”la pioggia dell’amore”; 5)”la pioggia del desiderio”; 6)”la pioggia per l’oggetto di desiderio”; 7)”la pioggia del piacere”; 8)”l’inondazione del piacere”;
9)”l’inondazione dell’amore”; 10)”l’inondazione del desiderio”; 11)”l’acqua dell’amore”; 12)”l’acqua per l’oggetto di desiderio”; etc. Definito con la fisiologia sessuale,invece, avremmo, per la donna,queste due possibilità: 1)il Kama-Salila è la lubrificazione vaginale, che si verifica entro pochi secondi dall’inizio di qualsiasi forma di stimolazione sessuale e che consiste nell’apparizione di una sostanza simile a trasudato; 2)il Kama-Salila è la sostanza mucide prodotta dalle ghiandole del Bartolino(situate nelle piccole labbra in  prossimità dell’ostio vaginale) che contribuisce alla lubrificazione della porzione distale della vagina.
I vari riferimenti riguardano, nell’ordine: Kalyana Malla, Kama Shastra, trad.it. Edizioni Mediterranee, Roma s.d.;Sanscrito-Italiano, a cura di Tiziana Pontillo, A.Vallardi Editore, Milano 1993; Masters e Johnson, L’atto sessuale nell’uomo e nella donna, trad.it. Feltrinelli, Milano 1978.


( da: V.S.Gaudio, Miele e altri oggetti d'amore,© 2003 ) 

Commenti

Anonimo ha detto…
Miele straordinaria...gran servizio letterario a Milo Manara!
Gino Donati
Anonimo ha detto…
Notevole, mai letto niente di simile per un personaggio dei fumetti!Strabiliante,a quando un altro post su altri personaggi della bd?
teodoro cantalupi

HIT PARADE DELLA SETTIMANA