Il cappello di Dree Hemingway


Dree Hemingway by Bruce Weber for Vogue Germany, June 2013

ha
Hat for Dree Hemingway
Cappello per Sopportare Hemingway

Durante la mia passeggiata di un po’ prima che il sole tramonti ho avuto anche oggi dei pensieri morbosi. Che cosa c’è che mi turba tanto che non appena arrivo al pioppo, metti che abbia percorso 400-500 metri, ho un’erezione che Eric Berne definiva l’orgoglio peyronico ? Che è quella del 4° grado,    
l’assoluto innalzamento, un pioppo là fuori eretto al vento e un pioppo qua dentro eretto controvento… E’ il cappello. Il cappello di Dree Hemingway. Non è la schiuma. Il cappello, e si è fatta appena adesso la doccia, ha la schiuma addosso e il cappello. Che cosa c’è  che, a guardarle il cappello, la accomuni al Patamariel, che è quella superba cannoniera atavica, è la zia?, che anche lei avrà ereditato, questo possente paradigma della parrottiera(essendo il Parrott il famoso cannone americano) da cui si possono sparare bordate nell’immensità del cielo ? Probabilmente la calotta. Che, se ci pensate, c’è nel Parrott e c’è nel cappello, o, se si va dentro la nomenclatura del cappello, il fatto che ci si rinvenga mitra, kepì, lucernone(da carabiniere), cappello alla bersagliera, cappello alpino. O forse la guarnizione che è la montatura, se non la cappelliera che farebbe da specchio alla parrottiera, per via del Parrott questa, e del cappello, quella. Tant’è che mi viene da commutare l’aforisma sulla pubblicità di un circo a Parigi prima della seconda guerra mondiale[i] di cui riferisce Theodor W. Adorno nei Minima moralia[© 1951]: “più cappello della cappella, più calotta del Parrott”, con un’allusione beffarda al visionatore che dal nonno non ereditò che solo questo soprannome “Parrott” che, un po’, allude al cannone americano e un po’ al “senza ruota” del “Pa-rrotë” albanese. E, a proposito di Adorno, che è tedesco come la rivista che ha così “incappellata” la misura ampia della discendente Hemingway, come non riconoscere in questa portatrice del cappello la “Bellezza del paesaggio americano: che anche nel più piccolo dei suoi segmenti sia iscritta, per così dire, come espressione, la grandezza smisurata di tutto il paese”[ii]?
Tutto ‘sto cappello per Dree Hemingway…che, dato come “Hat for Dree Hemingway”, varrebbe semplicemente un “cappello”, un testo introduttivo, “per sopportare(=Dree) Hemingway”!...




[i] La pubblicità di un circo a Parigi prima della seconda guerra mondiale: “plus sport que le théâtre, plus vivant que le cinéma”: Theodor W. Adorno, Minima moralia, trad.it. Einaudi, Torino 2006: pag.228.
[ii] Ibidem:pag.47.

Hit Parade della Settimana

Alessandro Gaudio │ Il limite di Schönberg │

Ci fu un tempo che i poeti bevevano Ghemme.