La poesia lineare è come l'ombra. Impennacchiata come il castello di Bastogne ▬

 . La poesia lineare è come l’ombra, quando cammini per strada o cavalchi un aquilone e guardi la tua ombra e segui la tua ombra, il tormento che ti prende ti raggela, ti sgomenta, la poesia lineare è questa vuota condizione del tuo essere lontano dal suo corpo; con la poesia lineare vorresti manipolare le cose della terra e intanto cavalchi i cavalli di cartapesta, ti fai pesce, uccello, omuncolo, gatto, cane, bove, non fumi, tutto tace, lungo i giorni più tristi che sarebbero venuti sull’orlo della ciminiera che  s’era sbriciolata ed era accesa e impennacchiata, come il castello di Bastogne. 


Hit Parade della Settimana

Alessandro Gaudio │ Il limite di Schönberg │

I poeti non si sono mai tuffati dalla banchina di Trebisacce.