Il poeta dell'Acquario, le Muse e il Livre d'Arcandam.

IL POETA DELL’ACQUARIO E IL LIVRE D’ARCANDAM
Il poeta dell’Acquario aspetta davanti alle porte con straordinaria pazienza. Di una delicatezza esagerata, aiuta i bohémiens e ne è raggirato. D’altronde, come dice il Livre d’Arcandam, lui stesso è una natura vagabonda, così pietosa e compassionevole che non accuserà nessuno, anzi scuserà chiunque e andrà errabondo in terra straniera, nei vari istituti universitari collegati all’Istituto italiano di Cultura in tutti i paesi del mondo, manco fosse il Vaticano. Così ai suoi beni e al suo corpo capiteranno varie avversità. E sarà santificato, come minimo, nei Meridiani Mondadori.

Le poetesse si credono volentieri delle muse e si mettono con poeti anziani che se non hanno il Morbo di Pott hanno avuto da infanti l’atrepsia di Parrot, come Vittorio Emanuele III. Le muse dell’Acquario hanno lunghi capelli morbidi, spesso biondi. Sono robuste, del tipo mesoendomorfo, direbbe V.S. Gaudio e, per proteggere il loro vate, spesso praticano l’Aikido. Poi, dopo che il poeta loro a cui hanno fatto da muse è defunto, pubblicano una plaquette di poesie che, a sentire i cantori della critica portaborse, ha la risonanza del corno, ma anche del violoncello e della cornamusa.

Hit Parade della Settimana

Aurélia Steiner e il vuoto di una formica…

Aida Maria Zoppetti… La colonna delle formiche con un solo pensiero.

Il poeta del Cancro è un Poeta.