Il poeta dei Pesci e il naso corto della "fille de mon peuple".


Il poeta dei Pesci ha la pelle bianca, leggermente rosata, la voce chiara, le braccia corte. La forma generale del corpo è come la sua poesia: a campana, Janduz disse che ricorda la sagoma della foca. Chi cazzo fosse Janduz, non lo sa né il poeta dei Pesci e nemmeno V.S. Gaudio. Il poeta dei Pesci ha il viso piatto come la razza, che è un bel pesce da mangiare. Oppure, qualcun altro lo scrisse, ha la faccia del pappagallo, le palpebre pesanti, gli occhi, celesti o castani, sono addormentati e prominenti. Ci sono dei poeti Pesci con l’occhio di King-Charles, lo sguardo privo di mistero, Dario Fo era dei Pesci? Ah, ma non era poeta. E D’Annunzio? I capelli castani o biondi, il naso corto, carnoso e arrotondato, che non è male in certe filles de mon peuple, questo disse V.S., e aggiunse che si riferiva al naso di una fille de mon peuple che non era dei Pesci, però, per gli antisci, essendo Bilancia, forse è per questo che aveva quel naso corto e carnoso, da (-phi) pregnante e pesantemente iconico. Mallarmé, che doveva essere una persona allo stesso tempo acuta e semplice, troppo naturale nel comportamento e di “avanguardia” nello spirito, non ricordo se fosse del primo decano, i Pesci di febbraio, forse era nato a marzo, di sicuro, e allora non era lui l’”Apostolo insignificante” a cui si riferiva Max Jacob? Vai a vedere, era abbastanza svitato, dandy, pretenzioso; abbastanza canaglia e abbastanza santo. E pedante senza naturalezza, manierato e verboso, che crede nella propria raffinatezza e magari faceva, come ogni Pesci che si rispetti, dei rutti spaventosi a tavola. Senza naturalezza e senza grazia.

Hit Parade della Settimana

Adam Vaccaro ░ Genova (un'arena un ventaglio

STEVE│50

Sogna Essa… ░ e sognai EmmeA a Taras.

Poetica dei Gemelli. Camillo Pennati e la losanga di Lacan della mia amica