Detesto le prefazioni • "Non leggermi"

Mallarmé ad un autore inedito che gli chiedeva un testo di presentazione o di sostegno: “Detesto le prefazioni anche se scritte dall’autore, a maggior ragione trovo deplorevoli quelle aggiunte da altri. Un vero libro, mio caro, non ha bisogno di presentazioni, procede per colpi di fulmine come la donna con l’amante, senza l’aiuto di un terzo, il marito…”. In tutto altro senso ho scritto: “Noli me legere” . Divieto di lettura che annuncia all’autore il suo congedo: “Non leggermi”. “Sopravvivo come testo da leggere solo grazie alla consumazione che, scrivendo, ti ha lentamente sottratto l’essere”. “Non saprai mai ciò che hai scritto, anche se non hai scritto che per saperlo”.

[Maurice Blanchot, Après coup, Les Editions Minuit 1983]

UH-NOIR│ Uh Magazine│ L'ipersoluzione territoriale e il delitto Bergamini

UH-NOIR│ Uh Magazine│ L'ipersoluzione territoriale e il delitto Bergamini
dal 18 novembre 2016 su "Uh Magazine"

domenica 10 novembre 2013

Jules Parrot ▒ De la Mort Apparente

Jules Parrot
De la Mort Apparente
Adrien Delahaye libraire-éditeur

Paris 1860
Questa è la copia che si trova presso le
Conséil Général de la Dordogne
Archives départementales de la Dordogne
24000 Périgueux

Al Concours pour l’Agrégation le 5 mars 1860, vinto da Jules Parrot[i](Excideuil 1829-Paris 1883) partecipava anche il mitico Jean-Martin Charcot(1825-1893), che divenne, poi, fraterno amico di Jules, il quale, alla morte della moglie, abitò, con i figlioletti, in casa Charcot, insomma l’autore della “morte apparente” era fin dentro l’origine della psicoanalisi(Sigmund Freud seguì i seminari di Charcot alla Salpêtrière).
Fatto inquietante per V.S. Gaudio, il cui soprannome patronimico è “Parrotë”, è che, tra i commissari del Concours, oltre che i mitici Beau e Trousseau, c’era Natalis-Guillot, che entrò, a sua insaputa (e per la Sala Natalis-Guillot), in un suo sodotesto su Ludmilla Tourischeva negli anni ottanta(SENZA AMINOACIDI ESSENZIALI NON CE LA FACEVO CON LUDMILLA TOURISCHEVA);  Trousseau, invece, se andate a vedere, è dentro Sindromi Stilistiche ( © 1974; pubblicato nel 1978).
La prima pagina de la  "Mort Apparente",
la tesi per l'Agrégation di Jules Parrot
alla Faculté de Médecine di Paris



[i] Nelle enciclopedie italiane è denominato come Marie-Jules Parrot: in realtà si chiamava Joseph-Marie Jules Parrot; altro errore ormai reso luogo comune della certezza riguarda la data di nascita diffusa: non era nato l’1 novembre, ma il 10 novembre(1829).
 
L'acte de naissance de Joseph-Marie Jules Parrot
Il retro dell'acte de naissance
 
La busta che lo conteneva indirizzata a V.S.Gaudio