Detesto le prefazioni • "Non leggermi"

Mallarmé ad un autore inedito che gli chiedeva un testo di presentazione o di sostegno: “Detesto le prefazioni anche se scritte dall’autore, a maggior ragione trovo deplorevoli quelle aggiunte da altri. Un vero libro, mio caro, non ha bisogno di presentazioni, procede per colpi di fulmine come la donna con l’amante, senza l’aiuto di un terzo, il marito…”. In tutto altro senso ho scritto: “Noli me legere” . Divieto di lettura che annuncia all’autore il suo congedo: “Non leggermi”. “Sopravvivo come testo da leggere solo grazie alla consumazione che, scrivendo, ti ha lentamente sottratto l’essere”. “Non saprai mai ciò che hai scritto, anche se non hai scritto che per saperlo”.

[Maurice Blanchot, Après coup, Les Editions Minuit 1983]

SHUMILLA.

SHUMILLA.
SHUMILLA. I nuovi oggetti d’amore in Uh Magazine

lunedì 21 settembre 2015

NELO RISI║ Se la poesia insomma servisse a qualcosa

NELO RISI
CAPIREI…
se un’elegia ti pagasse la cena
se un’ode ti scaldasse la casa
se un inno ti curasse la pressione
se un idillio ti consentisse un salario
se un madrigale ti garantisse la pensione
se una rima facesse da gentil ramo a un piviere
se la poesia insomma servisse a qualcosa
fosse un mestiere che rende…

Chi sa fare di meglio
non perda tempo dietro i versi

da:Le Proporzioni Poetiche 2,  a cura di Domenico Cara, Laboratorio delle Arti, Milano 1976 &
Nell’antologia di Mimmo Cara, Nelo Risi era nella sezione de Le valenze contestative, con, tra gli altri, Helle Busacca, Bartolo Cattafi, Rolando Certa, Carlo Cipparrone, Giuliano Dego, Attilio Lolini, Mario Lunetta, Anna Malfaiera, Franco Matacotta, Roberto Roversi, Nat Scammacca, Pietro Terminelli