Il gioco con la ruota di Herbert List


La ruota, mi riferisco a “Il gioco con la ruota” del 1953, si coniuga col simbolismo del carro e del viaggio siderale: il celeste tesoro della ruota ma anche la ruota della vita che, va da sé, porta alla ruota zodiacale, simbolo universalmente ammesso e che si ritrova quasi identico a Babilonia, in Egitto, in Persia, nelle Indie, nelle due Americhe come in Scandinavia. Prima è ruota lunare, per gli Arabi il “cinto di Ishtar” e le “case della luna” dei Babilonesi, è di legno pieno, rafforzata da un triangolo. Qui, nella foto di List, dentro l’infanzia di chi scrive, nel Mediterraneo, è quella di gomma come la palla di caucciù dei Maya, legata attraverso il gioco ai giocatori che simboleggiano i soli solstiziali. Il gioco della ruota, quel gioco lì, ci fa sentire come gli dei e gli eroi figli, Ermes, Ercole, non certo potevamo condurre il rozzo carro ed essere Arjuna come avviene nella “Gitâ”…

Commenti

Hit Parade della Settimana

Dove si va col Bragallo.

Paolo Badini scrive a Marisa Aino.

Il poeta Acquario e le Riforme Costituzionali.