Il profumo della pantera e il fantasma di mio nonno




Quand’ero adolescente ad un certo punto, dentro la mia pubertà, apparve Rodin, Il Pensatore, Il Bacio; adesso vedo lui stesso nelle foto di Steichen e penso che, di mio nonno o di mia nonna, in particolare, non ho nessuna immagine. “Il profumo della pantera è anch’esso un messaggio insensato- e, dietro, la pantera è invisibile, come la donna sotto il trucco. Non si vedevano nemmeno le sirene. L’incantesimo è costituito da ciò che è nascosto”[Jean Baudrillard, DELLA SEDUZIONE, trad.it. Cappelli editore, Bologna 1980]:per questo, al terminal di Stieglitz c’è qualcosa di nascosto, è l’analemma esponenziale del fantasma di mio nonno?



Commenti

Hit Parade della Settimana

I poeti non si sono mai tuffati dalla banchina di Trebisacce.