L’ultïmë bink‘i Natâlë primë då finë du mûnnë



Le dernier bingo de Noël avant la fin du monde

L'année n'a pas été rose? Passez une bonne soirée grâce à notre bingo de Noël

En cette fin d’année 2011, c’est le retour de Noël, c’est-à-dire l’occasion de dépenser les sous qu’on n’a pas et d’échanger en famille sur les sujets qui ont marqué l’année.
Dans l’ambiance actuelle de fin du monde et de «on va tous mourir», on parlera des cadeaux, de la bouffe, du vin, de la crise, des élections, de l’Allemagne, du franc, des Chinois, de Twitter, de DSK.
En mêlant tous ces sujets, on va donc pouvoir jouer à nouveau au grand bingo de Noël (remis au goût du jour par Bienbienbien, vous y aviez joué ici même l'an dernier et même pendant la primaire socialiste).
Rappelons les règles de ce jeu complètement ringard. Sur chaque grille, on a des phrases ou des situations susceptibles de se produire pendant la soirée qu’on peut cocher au fur à et à mesure de la soirée.
Par exemple, si, dès l’apéro, oncle Jacky balance:
«Ah bah ça, les bourses, DSK, ça le connaissait bien hein (ah ah ah)»
Non seulement vous pouvez vous dire que ce repas est bien engagé, mais surtout vous pouvez rayer une case de votre grille.
A la fin du repas, celui qui a le plus de cases cochées gagne la partie. Le gros lot: un abonnement d'un an, GRATUIT, à Slate.fr.
Grille 1 (cliquez sur l'image pour l'agrandir voire l'imprimer, version pdf)



Grille 2 (cliquez sur l'image pour l'agrandir voire l'imprimer, version pdf)



Grille 3 (cliquez sur l'image pour l'agrandir voire l'imprimer, version pdf)
 

Titiou Lecoq
Grilles réalisées par Fred Hasselot et Cécile Chalancon



L’ultïmë bink‘i Natâlë
primë då finë du mûnnë

Dio, ‘sti francesi!...
C’è la fine del mondo e “on va tous mourir” e non c’è nei loro dialoghi di Noël l’Italie!
O Berlusconi, che ha tenuto alto l’onore degli italiani col bunga-bunga fatto alle marocchine, visto quello che i marocchini avevano fatto alle sue connazionali e alle nostre nonne o madri o zie, marocchinando les italiennes…
Naturalmente, invece del bingo applicato alle primarie socialiste di quel paese, noi si può fare un bel bingo con le primarie del PD, che sono sempre spassose e ordinariamente prevedibili, o forse di quella che fu la Destra Nazionale che è ancora meglio.
Le tre griglie, realizzate per Slate.fr da Fred Asselot e Cécile Chalancon, ognuno se le può aggiustare sulla situazione italiana, che è da vera fine del mondo, altro che Imu o Ici che fosse, che, se era in vigore fino a qualche anno fa con una misura che è quattro volte la tariffa scontata prevista con la manovra attuale, non si capisce questo tremore tutto italiano, a meno che prima non pagava, come al solito, nessuno; anzi, consigliamo un adattamento collegato al proprio habitat che è già tanto, diciamo alla propria provincia, così state tranquilli che non ve la tolgono, non fosse altro per i poeti in vernacolo, a cui, è questa la novità, rivolgersi per tre griglie veramente verna-oracolari, fatte nel proprio dialetto. Per ogni paese, di poeti in lingua nazionale ce ne sono a bizzeffe; ma quelli che vergano in dialetto sono ben pochi, così son loro i nostri grandi esperti.
Insomma, tra Catania e Acireale, le griglie siano fatte da Mario Grasso, che vi spiegherà in dialetto gallo-italico orientale persino la differenza tra Twitter e Facebook meglio di Riccardo Luna, quello che diresse l’edizione italiana di “Wired” per Condé Nast e che, se tanto mi dà tanto, ovvero se uno che vernacola in dialetto di Tursi lo candidiamo al Nobel per la Letteratura(immagina allora uno che vernacoli in una delle 583 lingue amerindie, tu pensa ai dialetti…), lui si è fatto promotore per il Nobel a Internet(sempre che nel frattempo il calendario Maya non abbia colto nel segno); in Puglia, tra Monopoli e Barletta, saranno fatte le griglie da Lino Angiuli, a Fano da Gabriele Ghiandoni, a Sant’Arcangelo di Romagna da Tonino Guerra, a Padova da Cesare Ruffato e via di questo passo, zona per zona, da tutti gli altri , anche quelli pubblicati, tutti, buoni e poetuzzi accâzzë, proprio da  Cesare Ruffato nella sua collana Elleffe per Marsilio.
Se, poi, questi poeti o quegl’altri non ne vogliono sapere, fatemelo sapere, ve le tiro io giù tre griglie in dialetto del Delta del Saraceno, che è più vicino all’italiano dello stesso limitrofo dialetto della zona Lausberg, “riulesë” compreso.

 

Commenti

v.s.gaudio ha detto…
Qui ci sono tre esempi in tre dialetti per cominciare a parlare, prima di aprire i regali o prima di andarsene a letto a pelo irto:

●La leggenda a Senise
Dich’ dunch’ ch’a li tiemp d’’u primmu Re d’’u Pilu, dopp’ chi Silvio di San Martino s’ebbiti ‘mpatrunuto di Terra d’Italia, accadivit’ che ‘na gintilidonna d’’a Pugghja iv’ ‘mpilligrinaggi a Santa Maria Orsoleo, e a lu rituorno chi faciete, arrivata chi fudditi a Noepulë, fudditi cafuniscamente scurnata da zerto sbirrunu di strata.
(da: “I dialetti delle regioni della Terra d’Italia al tempo del primo Re del Pelo”)

●La leggenda a Lecce
Dice ca era ‘na fiata, e bera ‘nu Re. Lu chiâmanu lu Re di Pilu, ca Pilu era lu Regnu sou, e foi lu primu de quando Silvio di San Martino ‘scîu e sse ‘mpussessau de Terra d’Italia. A ddri tiempi, e tandu propriu ‘na signura ‘rande de Pugghja fice ‘otu báscia pellegrenandu fenca a lu Seburcu de Santa Maria Orsoleo.
(da: “I dialetti delle regioni della Terra d’Italia al tempo del primo Re del Pelo”)

●La leggenda a Salerno
Rico dunque, ca ai tiempi re lu primu Rre re Pili, ropp’ ‘a presa ‘ra ‘a Terra d’Italia fatta ra Silvio re du Pilo, succerette ca ‘na signora re Puglia ‘n pellegrinaggio jette a Sant’Arcangelo, e po tornanne, ‘n Noepule arrevata, ra nu scellerate villanamente fuie ‘nzurdata.
(da : “I dialetti delle regioni della Terra d’Italia al tempo del primo Re del Pelo”)

Hit Parade della Settimana

Alessandro Gaudio │ Il limite di Schönberg │

I poeti non si sono mai tuffati dalla banchina di Trebisacce.