Arno Schmidt: "Canoa prima del temporale"


Wordle: canoa prima del temporale di arno schmidt
La tagcloud-wordle  del testo:
pingaci su e vedi l'originale

 [canoa  prima  del  temporale]
«20 marchi di affitto imbarcazione la settimana ? – : Be’, troveremo un accordo !» : fece una faccia scema, ma poi consegnò la pagaia. (2 mandolini ridacchiavano nervosi sul terrazzo. Al cono misto ci fu venticello da nord-est; e la sua gonna volle tirarla bruscamente a me : brava la gonna ! Ma la cialda a quadri andò in frantumi giusto sotto i suoi dentoni, e allora lei mi avvinghiò da lì con gli occhi, muta, la bocca piena di gelida dolcezza). –
«Siediti sul davanti !» – Già s’era sdraiata, in pulloverino azzurro, strigliata e avidissima di scoperte : «Guarda là !» – vidi soltanto i rebbi lontani del viale dei pioppi; – o forse il canneto dove lingueggiavano scompigliati i piccoli gagliardetti verdi ? «No : le nuvole là !»; ah, le nuvole; e le onorammo partitamente per forme e colori meridiani : una sdrucita, una gibbuta, una gonfia, una a pallone, una magra impiccata : giocondi sventolano, ragazza, i tuoi nastri d’idrogeno ! Due uccelli a collo lungo ballarono insieme alti nella luce; i giunchi rabbrividirono in avanti; risollevai la pagaia, e macinai lento acqua scintillante.
Tuctuctuctuc : «Dev’esserci una barca a motore sul lago» (lo disse sprezzante). E si annodò più volte l’acqua grigia attorno al polso prima di mormorare oltre, come una voce dal lago. Lasciò anche galleggiare le dita a lungo lì vicino, che ciascun dito tracciasse la sua esile scia.
Sulla destra tremolò come di lidi : alberi di fumo soffiato; il trapezio brumoso di un tetto; ombre volevano infilarsi sotto getti di gas : dalla torrida aria grigia l’idea di una costa.
Lasciarsi trasportare : le sue dita scrivevano senza sosta il mio nome nell’acqua, tutt’intorno alla canoa, ogni goccia un puntino sulla i, dunque chissà che trucco da ondina, finché le interdissi tali pratiche sospette. Il sole ci marchiò cosce scarlatte (la mia fine peluria lì pareva ora biondo chiaro). Tuttavia : vecchi omini-nuvola pelosi si rotolavano pigri all’orizzonte ed emettevano rutti monocromi : non scarabocchiava l’assidua già di nuovo a tribordo ? ! «Scrittura a specchio !» spiegò fredda e stregadorabile, e chiusi per precauzione gli occhi (allorché poi li riaprii, tutto quanto il lago era già pieno di svolazzi e sottolineature. Con aria di rimprovero : «Vedi !». Ma la diaspra creatura si limitò a sorridere imperterrita, e mi ordinò di pagaiare : «Vedere quanto ci mettiamo fino all’altra sponda !»).
Sulla lastra d’acqua. Calor grigio. Smisi, e la posai di sbieco davanti a me, finché la canoa si fermò. L’orizzonte ci ebbe nel suo astuccio piatto. Davanti a me stava distesa muta una pellerossa chilometrica, le ossute ginocchia ad altezza del capo, il mento sul petto. Grosse rondini passavano così vicino, quasi che il nostro posto fosse vuoto, e noi non più presenti.
«Frena ! !» : un bombo andava inerme alla deriva agitando le zampette mosce; lo «salvò» premurosa, e lo posò davanti sul legno : «Qui può asciugare.»
I barbatelli scattarono irrequieti. «Un’altra volta al largo !» («Nacanoooooa ! !» : grida di bimbi in barca a vela, e mani innumerevoli vogarono nel lago). Le nubi a sud-est brontolarono e fecero gobba morta contro il vento che le spingeva da dietro. L’acqua divenne grigia : «Meglio tornare ai patri lidi !» Giunchi si presero per le pannocchie e fecero un breve girotondo intorno alla canoa : «None; andiamo !». Dietro, il barile di nuvole rotolò un altro po’ più vicino.
¨ [da: Arno SchmidtPaesaggio lacustre con Pocahontas(1953), trad.it. Zandonai Editore trad.it. di Dario Borso]¨


F    Leggi anche: arno-schmidt-addio-sotto-la-pioggia  E

HIT PARADE DELLA SETTIMANA