Loredana Cerveglieri vs. la pop art


La stilografica Montegrappa cm. 46x62 2002

· Gli angeli ridono con la pop art che sconvolse il mondo e l’accolgono

Loredana Cerveglieri descrive i suoi angeli come persone, spiega perché Didirè ha paura: che sia la paura il segno dell'umano? Lievi come angeli, pesanti come persone, gli angeli della Cerveglieri trascorrono su quell'ineffabile confine che da sempre divide l'occhio e la mente, la natura e il sogno e da sempre cede all'oro, quell'oro che fu dio e fu cielo e fu passaggio tra la terra e quell'altrove cui, da sempre, aspiriamo. 
I suoi lavori hanno la grazia della levità, che non è leggerezza, è sospiro e ansimo. Hanno, sì, la traccia dell'amato Licini, ma hanno anche la presenza dura della contemporaneità, segni, cose, intarsi, corde e ricordi. 
Loredana Cerveglieri sta in mezzo, tra la tentazione del racconto e l'amore dei suoi protagonisti, Didirè, Melisante, Elitès: deve dar loro una forma, deve dar loro una storia. la pittura si presta a dividere il suo sapere, le tecniche: pastello, collage, acrilico e olio, carte, accogliendo come educati objets trouvés quei pezzi di vita vera che gli angeli inventati assumono come segni di una presenza, di una realtà, di un'esistenza.
Dunque la pittura corre sul binario doppio di una doppia evocazione che da e prende dalla vita nell'immaginare e nel comporre: una storia, la sua figura.
Così maschere, giochi e tentazioni, così paure e dubbi stanno, lievi, sopra il crinale delle tecniche e delle loro regole.
Ammicca il ricordo di Licini, ammicca quell'oro bizantino che Vasilij Kandinskij importò dalla Russia alla Germania e i suoi mosaici luminosi, sommessi degli echi dei lucori vecchi di millenni. Ammicca lo spazio, che ha visto Nicolas De Stael e quei suoi cieli dolorosamente divisi come pietre di un mondo in costruzione, lento, grave, faticoso.
Gli angeli di Loredana Cerveglieri piantano acuto il segno di una presenza che si fa largo tra la storia della pittura e le sue regole e la loro stessa storia che si va facendo via via.
Sanno tutto di noi, hanno paura e desideri. Ridono con la pop art che sconvolse il mondo e l'accolgono, pazienti, rileggendola come fosse una cosa normale, d'angeli e di uomini, del mondo.

BEATRICE BUSCAROLI

·
"Miracle di Lancome" 46x62 2002
"Un paio di scarponcini gialli" cm. 46x62 2002
"Due scarpe a fiori" cm. 46x62 2002
"La coppa di gelato" cm. 46x62 2002
"L'anello Damiani" cm. 46x62 2002 (Particolare)


· La pensosità pittorica di “Vs. la pop art” 
di Loredana Cerveglieri

L’anello Damiani mi fa ripensare al trofeo di Thorstein Veblen di cui a “Isabella Rossellini, l’immagine-Zen…[i] per la campagna pubblicitaria per quella azienda di gioielli con le immagini, prima, di Fabrizio Ferri e, poi, di Dominique Issermann.
Il gioiello, dato come punctum, supplemento, “quello che io aggiungo alla foto e che tuttavia è già nella foto”, che, in quella campagna pubblicitaria, aveva una qualità aggiuntiva: la pensosità, tanto che la pensosità cinematografica espressa dall’immagine della Rossellini fotografata da Fabrizio Ferri, coinvolgeva tanto il punctum da rendere la foto erotica.
Ora, io penso che ogni qualvolta ci sia un oggetto in primo piano, regola fondamentale della pop art, l’oggetto ha sempre dentro, ma potrebbe essere benissimo anche dietro, il pieno del dispendio, che è una profondità assente, e un’emozione concentrata tra silenzio e ineffabile che è il vuoto del dispendio. Fosse anche, l’oggetto, una penna stilografica o degli scarponcini gialli.
Il pieno del dispendio , qui, nella “Vs. la pop art” di Loredana Cerveglieri non può essere costituito dalla concretezza dell’oggetto, e nemmeno il vuoto può apparire per rendere speculare l’emozione concentrata del visionatore all’oggetto visionato.
La pop art agisce demoltiplicando l’immagine con il primo piano o l’ingrandimento, e la rilevanza del dettaglio. Sarebbe(ro) l’Indicatore Globale che Abraham Moles chiama complessità. Poi procede con la retorica dell’ambiguità connotativa, l’Indicatore Globale della polisemia.
La “vs. la pop art” di Loredana Cerveglieri sospende il senso senza operare su di esso alcuna effrazione: è come se, nella foto di Ferri della Rossellini-Damiani, l’attrice fosse senza accessorio, per cui avremmo una proiezione affettiva di “disponibilità appetibile” ma non “preziosa” e un punctum di “pensosità” ma non di “pensosità erotica”.
Voglio dire questo: la pensosità pittorica del punctum nella “vs. la pop art” di Loredana Cerveglieri è come se desse corporeità all’oggetto raffigurato: un po’ come nel manga, dove tanto è innocente, ingenuo e candido il viso, tanto è perverso, vizioso e immorale il corpo, la delicata sospensione del senso , che c’è in questa operazione di Loredana Cerveglieri, illumina una disponibilità quasi intima e profonda, che non è dell’oggetto ma  che è del senso sospeso che l’oggetto investe nel socius.
La “vs.pop art” è la trasmutazione del trofeo di Thorstein Veblen che è mostrato senza il corpo-alto dell’attrice che espone il trofeo con le parti esposte ed esponibili(polso, dita, collo, petto, orecchie), ma è mostrato e reso visibile, delicatamente pop, con il tasso di complessità e di polisemia innalzato non dall’agio somatico di un portatore-indossatore dell’oggetto ma dal trofeo che, senza lo “sciupìo vistoso” del corpo della classe agiata, allude frontalmente a una sua autonoma “fierezza dell’agio”, indossata di volta in volta da portatori che il visionatore fantasmatizza per il suo oggetto a .
Difatti, di questi tempi, può capitare che gli scarponcini gialli siano portati, che so?, da Miele di Milo Manara e l’anello Damiani sia infilato al dito di un personaggio sconosciuto sorpreso in una foto Flickr mentre mangia lenticchie cuisinées à l’Auvergnate, tanto che, essendo a Péronne in Picardie, la chiamammo (Len)Tille Péronne, pensando che fosse la cugina di Aurélia Steiner, il personaggio nostro e di Marguerite Duras. E le scarpe con i fiori? Ma da Madonna che, adesso in menopausa o quasi , ne decanta la verticale fallicità, ammesso che a portarle sia la Madonna di qualche lustro fa. La penna stilografica è talmente pensosa nella sua pittoricità che la vedo impugnata da chi forse a malapena riesce a vergare le iniziali del suo nome, ma anche da chi non fa espressamente l’elogio del pesante come Jean Cau ma di chi è virtuoso scrivente della corrente industria culturale, un bel romanziere del new-pop alla faccia e in barba di qualsiasi intemerato novello(e controstorico?) Guido Morselli.
 V.S.GAUDIO


[i] Cfr. V.S. Gaudio, Isabella Rossellini. L’immagine-zen e il trofeo di Thorstein Veblen, in “Zeta”, rivista internazionale di poesia e ricerche, n.79/80, Campanotto editore, Udine giugno 2007.                                                              






·


Entra nel mondo di Loredana Cerveglieri 
e guarda tutta la "vs. la pop art":
Floredana cerveglieri 


HIT PARADE DELLA SETTIMANA