Hit delle Poetiche Equinoziali 2 • Numeri al bar


Che cosa succederebbe se…Nicole Minetti improvvisamente si mettesse a volare?

Quella delle “ipotesi fantastiche” è una tecnica semplicissima. La sua forma è appunto quella della domanda: Che cosa succederebbe se…
Per formulare la domanda si scelgono a caso un soggetto e un predicato.
Che cosa succederebbe se Rachida Dati o il vescovo Bergallo si mettesse a volare? O se perdesse i bottoni? O, meglio, che cosa succederebbe se Nicole Minettii improvvisamente si mettesse a volare? Oppure che cosa succederebbe se la viceministra Bolanos diventasse un coccodrillo e bussasse alla vostra porta chiedendovi un po’ di rosmarino? O se lo stesso individuo  che ha ingravidato la ex ministra francese precipitasse con tutti i guadagni dei suoi Casinò al centro della terra o schizzasse sulla luna?
Gli avvenimenti narrativi, all’interno di queste situazioni, si moltiplicano spontaneamente all’infinito.
Tanto che, come prefigurava Gianni Rodari, possiamo, per accumulare materiale provvisorio, immaginare le reazioni di persone diverse alla straordinaria novità, gli incidenti di ogni genere cui dà luogo, le discussioni che sorgono. Anche a Scanzano Ionico o a Trebisacce.
Di recente, al bar con gli amici, abbiamo formulato insieme, io e quelli dell’Anonima del Gaud e anche alla presenza degli onnipresenti ombroni, questa domanda: Che cosa succederebbe se un coccodrillo si presentasse a casa vostra attraverso il televisore e dopo aver riscosso il canone Rai, che voi manco la prendete perché vabbé che avete la parabola per il satellite ma il decoder per il digitale terrestre non l’avete proprio, telefona a quegli altri di Mediaset e dice: “C’è quel principe in esilio che vuole fare il pagliaccio di corte in tv, lo prendete voi, o noi attraverso Endemol?” E tu rimani di stucco: “Cosa c’entra in tutto questo la fellation di Rachida Dati?”
Difatti, la domanda da riformulare al bar, pur in presenza degli onnipresenti ombroni, sarebbe questa:  Che cosa succederebbe se R.D., invece di fare una fellation in tv, facesse un altro lapsus e si facesse…da uno di voi?
Essa  si è rivelata molto produttiva. E’ stato come scoprire un nuovo punto di vista per capire il dispositivo di sessualità e per giudicare la propria esperienza non solo col dispositivo di alleanza.
Ne sono saltate fuori delle buone, a cominciare da Enzuccio che avrebbe voluto farle fare la 40 del Foutre du Clergé de France. Altri hanno detto che il genus di Madame non è il Robustum ma il Subtile, che, se fosse stata Poeta, sarebbe stata un po’ Vivian Lamarque e un po’ Mara Cini, e noi tutti a ridere; altri hanno precisato, a questo punto, che l’Ordo procedendi è l’1. Però , poi, c’era il dubbio di Enzuccio, che, se la prendeva nella 40 pure quello dei casinò di sicuro Madame non avrebbe vinto un cazzo., anche se alla roulette fosse uscito lo stesso numero.
Comunque, la classifica, anche lì al bar, è rimasta la stessa, a parte il vescovo di Merlo che, a conti fatti, passava al secondo posto, davanti alla Minetti che, intanto, ognuno se la immaginava col costumino al mare e, tra il dire e il fare, pur essendoci di mezzo il mare, lo facciamo un consiglio regionale, oppure la facciamo qui una seduta consiliare e Nicole, senti onorevole Nicole ce la fai una passerella e poi…ce la fai vedere la 17 del…come si chiama? Quello francese che ha detto prima Enzuccio? U’ Fûttr francêsë…
Il bello è che Enzuccio ti tira fuori il Foutre, la traduzione italiana che l’ha pubblicata pure l’editore Berlusconi per Mondadori e ci dice che la 17 è denominata “La pecorina”, e cavolo se sono osceni ‘sti francesi, ci siamo detti, e comunque ad ogni raddoppio c’era un ulteriore indennizzo,.
Non siamo più nel nonsenso, mi pare. Siamo, nel modo più evidente, all’uso della fantasia per stabilire un rapporto attivo con il reale.
Il mondo , che, va da sé, una volta è Nicole, una volta Rachida, una volta la Canalis, che, quella, mi sa, c’entra in una delle prossime Hit equinoziali, si può guardare a altezza d’uomo, come voleva Georges Bataille, quello del Jésuve, che, mi pare che scrivesse che gli occhi l’uomo li dovrebbe avere ad altezza del podice ma, si sa, quello guardava un po’ dentro la nuvola, e con gli aeroplani o sopra un uccello è facile. Nella realtà si può entrare dalla porta principale, ma pure da quella che sta dietro  se hai perso le chiavi, o infilarvisi, è più divertente e dà più gaudio, dal finestrino, d’accordo la visione è ridotta, però dopo, se vai a fare un colloquio per essere ammesso al quiz della Rai, i funzionari del cavallo li lasci di stucco anche se ti chiedono di pagare il canone doppio altrimenti come fanno a pagare l’ex pappagallo della corte in esilio con i soldi dei cittadini della repubblica che lo aveva mandato a regolare gli orologi a cucù?!

La Hit delle Poetiche Equinoziali dell’Anonima del Gaud
Hit
Poetic-performer
Titolo
Genus
Ordo procedendi
Posizione fantasmata
dall’Anonima del Gaud
Rachida Dati
Subtile
1
40 L’attraction de Paris
Vescovo Bergallo
Robustum
2
14 Nuoto a rana
Nicole Minetti
Robustum
2
17 La pecorina

Ordo Procedendi
4 eccessivo, madornale, ostinatamente da ciuccio che vola; 
3 acuto e banale; 
2 mediamente banale; 
1 sottile o perfido




$ Leggi anche:


Hit Parade della Settimana

Alessandro Gaudio │ Il limite di Schönberg │

Ci fu un tempo che i poeti bevevano Ghemme.

I poeti non si sono mai tuffati dalla banchina di Trebisacce.