Raffaele Perrotta • La mia opera



Raffaele Perrotta
scripta


'la mia opera' - onorata -, non un preambolo, la sto vergando, tutta, di buona lena, la missione non è mai compiuta: squadernandoli questi scritti in:significanti ... in pieno albore, per i secoli avveniristici. l'altra notte firmamentata,
detta una parola dal respiro lungo, desiderata di nominazione, non di genere, anzi de-generata! di nome fàustico!
fregio a fregiarsi qual uno. non si ripropone istorietta plausibile a palato facile, se così fosse: non si avrebbe il Classico
dell'Avanguardia, la misura dismisurata a regola di retorica poietica. novo erculeo del qual uno che si mostra in effetto
trasgressivo, come imperia il celarsi capolavoro massificatorio, e rutilante! ben lo sa il fruttuoso ritrattista rumori a valle
non son tamburi. il fatto è che un quarto di cielo è pur purificazione all'arte ermeneutica. ora, a ben vedersi, basta un nonnulla e si ottiene l'ama o non l'ama della innocente margherita che da sua parte reca la grazia di una nascita rinascente. e per come si valse del corno da caccia su una minuta di foglio la grafìa ammantata di tenue meriggio in spettacolo che ha a dispregio lo
sbracato avanspettacolo dell'attorucolo - già, la parte di rilievo! -; polvere non di stelle ma polvere canzonettistico di
figurette senza manìa di smaniare per un concetto finalmente! fatto passare a miglior vita del Possibile. ma tu che vuoi, di
grazia? non sei mai contento per quello che ti passa di riscaldata minestra il convento e sue léggi ferree. poi, una pre-
supposizione non infingarda: una volta nella vita non mettere a tacere il frequente alitante innominabile finalmente
è un viaggio ovverosia è una esperienza e l'uno è l'Uno che non si mette in discussione. il gratuito - soffermarci al gratis di 'gratuito' -, e come a sollevare Terra alle mie storie, a proposito: la figliolanza? (segue opus, non diceria). un rimbrotto: e
la fece franca sul punto del convergere a miglior soluzione di sempre Letteratura da strapazzo.




scripta di raffaele perrotta 
è online contemporaneamente 



Hit Parade della Settimana

Alessandro Gaudio │ Il limite di Schönberg │

Ci fu un tempo che i poeti bevevano Ghemme.

I poeti non si sono mai tuffati dalla banchina di Trebisacce.