▲ Dialogo sulla Montagna Calabrese con Mia Nonna dello Zen


Dialogo sulla Montagna Calabrese con Mia Nonna dello Zen
Quando lo lesse Mia Nonna dello Zen disse “Non è certo La Montagna Incantata di Thomas Mann ( che, d’altra parte, lo ha fatto trent’anni prima), né ha lo stesso senso di coesione nazionale che la montagna dona agli Svizzeri. Nonostante la molteplicità dei Cantoni – disse Mia Nonna citando Elias Canetti – l’uso di quattro lingue e la differente struttura sociale non hanno potuto recare alcun serio danno all’autocoscienza nazionale degli Svizzeri, un po’ come l’uso di tre lingue e la mancanza assoluta di montagne non hanno potuto recare alcun danno all’autocoscienza internazionale dell’Ordine di Malta, foss’anche  quello allocato a Napoli, di cui fino al 1976 fu priore uno dei Pignatelli di Cerchiara. E lì si sa – disse profetica Mia Nonna – che alla fin fine il pane lo sanno fare. Non a caso sono quelli della Timpa. E nulla ti vieta di pensare sia alla Montagna in Valtellina, da un lato, che a Montagnana, dall’altro, il centro agricolo padovano dove c’è la villa Pisani del Palladio e dove questo cognome si combina spesso con quello che hanno imposto a tuo nonno dopo avergli tolto il suo.
Tornando agli Svizzeri, che hanno un simbolo di massa che sta perennemente dinanzi agli occhi di tutti loro, le montagne, un simbolo davvero inamovibile, altro che incantato, che cala unito verso la pianura come un unico, gigantesco corpo. Il corpo… – disse sospirando Mia Nonna – ah…quello, questo, che ha fatto questa montagna calabrese, lo vedi? E’ il nipote che ha fatto studiare tuo nonno. Il quale, anima nobile e generosa quante altre mai,  ha contribuito a finanziargli pubblicazioni afferenti al discorso forestale della Silva Magna (che non è solo quella calabrese della Magna Grecia). E questo che ha fatto in cambio?”
-“Se n’è andato in Svizzera?...A Montale? A Montallegro? A Montelepre? A uno dei tanti Montalto? Dai, Nonna, se n’è andato a Montalto Uffugo?”
-“No. Ha preso l’unico corpo e lo ha smembrato. Ha tolto il cognome a tuo nonno e lo ha messo con l’assetto anagrafico e dello stato civile di questo luogo comunale di fronte alla sua provenienza, alla sua Herkunft”.
-“E che c’entra la Svizzera?”
-“La Montagna, come la Svizzera, c’entra sempre. Come Malta, anche se non ha la montagna! O il Discorso della Montagna redatto da Matteo che costituisce la somma dell’insegnamento morale di Gesù”.
-“E Thomas Mann?”
-“E’ tedesco. C’entra. Ma devi sapere che questo nipote era un agrario, un georgofilo come Scardaccione, quello del paese di tua madre. Capisci adesso cos’è la Montagna Calabrese e perché a tuo nonno è stato tolto il cognome ai sensi dell’art. 22 della Costituzione della Repubblica Italiana?”

Hit Parade della Settimana

Alessandro Gaudio │ Il limite di Schönberg │

I poeti non si sono mai tuffati dalla banchina di Trebisacce.