Passa ai contenuti principali

Mia Nonna dello Zen ♦ Ermeneutica dell'anima rotonda e del fischio dell'ospite

Mia Nonna dello Zen a Paul Ricoeur
#
Se l’anima è rotonda perché è la mistica
delle teste quadre?


t
Lo straniero è una sorta di posto vuoto. Noi sappiamo a cosa apparteniamo, ma non sappiamo chi sono gli altri a casa propria. E’ soltanto per contraccolpo che noi stessi ci sentiamo stranieri, sul modello dell’estraneità dello straniero. Prenderne coscienza ci mette sulla strada di un riconoscimento reciproco, sulla via dell’ospitalità nelle sue dimensioni morali e politiche, e ci permette dunque di trattare positivamente la pluralità umana come qualcosa d’invalicabile.
[►da: Paul Ricoeur, L’estraneità dello straniero, in : Idem, Ermeneutica delle migrazioni,Mimesis 2013]
#
Mio nipote il poeta è una sorta di posto vuoto, non sa a cosa appartiene e non sa nemmeno chi sono gli altri a casa propria, intendendo quella che gli arbërëshë, che sono migrati tutti sulla terra propria nostra e di mio marito, il nonno del poeta, e se la sono presa e si sono fatti un’altra casa propria, e il poeta nemmeno questo sa, ha assunto la loro estraneità e invece di riconoscerlo reciprocamente si mettono sull’uscio, o di un negozio, o di un’abitazione, o di una scuola, e gli fischiano dietro, come pure fanno gli albanesi dell’ultima ora qui venuti, evidentemente perché ospitati dagli arbërëshë che si son presi la nostra terra. Insomma , mio nipote, anche sulla via, non ha diritto all’ospitalità nelle sue dimensioni morali e politiche, e la pluralità umana, che prima gli ha tolto il nome, poi gli ha tolto la roba, non lo chiama verso la fusione mistica, anche se , c’è del vero in questo, non si può dire che l’anima non sia rotonda, difatti se ne hanno una è di gomma , anche se non ci si può giocare a pallone, perché il mercato delle partite, e delle scommesse, è appunto in mano a questi mistici della doppia, se non tripla, stanzialità.

[→da:Mia Nonna dello Zen, Se l’anima fosse davvero rotonda, ci sarebbe la mistica della palla?]

Hit Parade della Settimana

Manca il cappello in Ai no Corrida.

Aida Maria Zoppetti ░ Temporale in mezzo alla foresta

Accordo temporale Malgrado i grilli che aveva per la testa aveva l’aria d’esser così lento che il nome vento era quasi vuoto. E fu così che in mezzo alla foresta lui fece voto, promessa, alla tempesta di esserle, nel tempo, più devoto.
Äricreazione                                                                                               blog artificiale d'arte e artifizi 900° POST DI GAUDIA 2.0

TAM TAM 3/4 ▐ Una poesia di V.S. Gaudio

Tam Tamn.3-4 Rivista trimestrale di poesia Edizioni Geiger Torino
1° semestre 1973

Indice  34 V.S.Gaudio Una poesia

Aida Maria Zoppetti ⁞ COSA

Cosa
        – lì dove guardo –
        è un sostantivo
        cosa mi opprime
        e non dirò più nulla
        cosa scende la sera
        e cosa appare
        cosa sorpresa
        quando l’ho veduta
        rosa e leggera
        leggera è un aggettivo
        e rosa è il ramo
        (ignora il vento)
        – dormiamo?

Äricreazioneblog artificiale d'arte e artifizi

Se messo a letto, un verso ⁞

Se messo a letto, un verso, anche il più cancellato, è come una città opportuna, ha maniglie d’ottone, un astratto asteroide, un po’ come la mia Torino, e il treno, come verseggiava Luciano Erba, non può essere lontano, questo emisfero o stufa, anfratto asteroide, scrisse, nella sua Stimmung, Maria Luisa Spaziani: buonanotte e sotto a sinistra dio, sulla stessa riga a destra: mano, e sotto la mano: -UUNG! WELTANSCHA- era nella pagina prima, sopra (e il treno non può essere lontano).

Giovanni Fontana ░ Tarocco Meccanico Reading

TAROCCO MECCANICO
Dal minuto 6 e 5 secondi, non perdetevi  il  Reading di Giovanni Fontana  dal suo Tarocco Meccanico