Passa ai contenuti principali

Mario Grasso ░ Littra a V.S.Gaudio



Littra a V.S. Gaudio
Mastru si’ tu
ca Mastru cci nascisti
iu scrivu minchiatelli di jarzùni
tantu ppi fari mprisi senza mprisa
caru Vu Essi ca stai ammucciatu
ma cu è ca havi occhi ti scumìa
picchi c’è lustru nt’a chiddu ca scrivi.
Ppi quattru past’i mennula sbarrasti
na jspensa ‘i sapienza…e n jornu doppu
ti passi u Ciordu ’n lastricu çiurutu…
È la to’gginirosità fatta sapienza
ca fa arrizzari  a mmidia d’i mischini
iu non mi sento i chisti e mi scappellu
d’aviriti pp’amicu quasi anticu
ca ora è n pezzu ca mi duni anuri.
D’u restu cchi ti dicu?
ham’ha fari na festa
cca a Catania appena poi
appena vuoi,
c’ammenu ni vardamu occhi nall’occhi!
Possibbili ca ncasu t’ancuntrassi
non ti canusciu?
Alessandro? Cci u dissi ca t’aspettu:
mario grasso




Wordle: littra a v.s.gaudio di mario grassoLa Wordle della Littra di Mario Grasso 

Hit Parade della Settimana

Manca il cappello in Ai no Corrida.

Aida Maria Zoppetti ░ Temporale in mezzo alla foresta

Accordo temporale Malgrado i grilli che aveva per la testa aveva l’aria d’esser così lento che il nome vento era quasi vuoto. E fu così che in mezzo alla foresta lui fece voto, promessa, alla tempesta di esserle, nel tempo, più devoto.
Äricreazione                                                                                               blog artificiale d'arte e artifizi 900° POST DI GAUDIA 2.0

TAM TAM 3/4 ▐ Una poesia di V.S. Gaudio

Tam Tamn.3-4 Rivista trimestrale di poesia Edizioni Geiger Torino
1° semestre 1973

Indice  34 V.S.Gaudio Una poesia

Aida Maria Zoppetti ⁞ COSA

Cosa
        – lì dove guardo –
        è un sostantivo
        cosa mi opprime
        e non dirò più nulla
        cosa scende la sera
        e cosa appare
        cosa sorpresa
        quando l’ho veduta
        rosa e leggera
        leggera è un aggettivo
        e rosa è il ramo
        (ignora il vento)
        – dormiamo?

Äricreazioneblog artificiale d'arte e artifizi

Se messo a letto, un verso ⁞

Se messo a letto, un verso, anche il più cancellato, è come una città opportuna, ha maniglie d’ottone, un astratto asteroide, un po’ come la mia Torino, e il treno, come verseggiava Luciano Erba, non può essere lontano, questo emisfero o stufa, anfratto asteroide, scrisse, nella sua Stimmung, Maria Luisa Spaziani: buonanotte e sotto a sinistra dio, sulla stessa riga a destra: mano, e sotto la mano: -UUNG! WELTANSCHA- era nella pagina prima, sopra (e il treno non può essere lontano).

Giovanni Fontana ░ Tarocco Meccanico Reading

TAROCCO MECCANICO
Dal minuto 6 e 5 secondi, non perdetevi  il  Reading di Giovanni Fontana  dal suo Tarocco Meccanico