Passa ai contenuti principali

Lo Shnek della Parrottiera │Gaudio Malaguzzi


e il Parrott: la cannoniera dei cetrioli non è però lei.
Lo Shnek della Parrottiera
by Gaudio Malaguzzi

Avvenne un giorno che la signora, che, nel secolo scorso, era andata a raccogliere cetrioli mentre il poeta innaffiava l’orto, scoprì, dentro un baule, un biglietto in una calligrafia che al momento non riconobbe ma che era facilmente leggibile. La scrittura – anche quando è in shqip o in turco o in croato se non in greco antico – non è mai un miscuglio di sumero, aramaico e babilonese e mai sembra che chi abbia scritto sia un uomo di cui parecchi uomini si mettevano i suoi pantaloni a turno.
L’autenticità del biglietto è assoluta, anche perché è confermata dalle parole del titolo che è “Shnek della Parrottiera”. Eppure la donna dei cetrioli, come un qualsiasi archeologo, ha un attimo di perplessità: si tratta probabilmente di una grande scoperta archeologica della propria storia, della mia storia o della storia del mio corpo, e dell’anima, e del cazzo – è questo che  dice  a se stessa la donna – ma, mio Dio,oh, Cristo, la parrottiera… e allora è del mio deretano che si tratta – e dovette sedersi per non venir meno, o venir ancora, e con le lacrime agli occhi tornò a guardare il biglietto spiegato: “Shnek della Parrottiera”…Ma “Shnek”?... Cos’è “Shnek”?...Oh, Parrottiera Santissima – gemette – fammi capire cos’è Shnek!
E si vide piegata a raccogliere cetrioli e a riempire il paniere quel giorno e sentì che il Signore è misericordioso perché la faceva sentire ancora nell’orto, e in quella posizione(lei è piegata sul ventre, e mentre tocca con la mano sinistra il suo ginocchio sinistro, da quell’angolo – non lo dimenticherà mai questo- verifica al millimetro la posizione dell’innaffiatore, è questo che farà impazzire il suo oggetto "a" e quello del poeta, la prospettiva del desiderio che è la posizione di tiro) che gli albanesi chiamano “kap-të –tràngullë[i] o “kap-të-kastravecë[ii], in cui il quadrante solare è rivolto ad est, dove sta innaffiando il poeta accovacciato e lei gli mostra quello che i tedeschi chiamano Sonnenhur[iii] e i francesi Le Juste Milieu , o Le Département du Bas-Rhin, se non Le verre de montre[iv], Le cul ortogonal.
Ma, a leggere Parrottiera, la donna dei cetrioli rammentò che lei preferiva la didascalia albanese: E Ekspositë të Bythë[v], la mostra del culo, oppure: E Ekspositë të or diellor, la mostra dell’orologio. E lesse lo Shnek: “Tēnisë ‘a Parrūttīra jùst p’u cannōnë  i Parrōttë!”[vi]
E allora capì che lo Shnek è questo, quello che è un epitaffio, nella psicologia transazionale, una didascalia, ah – disse – è la rizzata del cazzo, mentre il poeta, Parrōtt[vii], diceva che l’oggetto “a” transitava al meridiano, o una cosa simile, e che allora lui era il cannone americano Parrott[viii], quello del calibro grosso, e lei era la cannoniera, la Parrottiera, giusta, fatta su misura per quel cannone.
Oh, Dio, quanto sei misericordioso con le peccatrici – si disse – il problema è che poi se lui fa il cannone i cetrioli, sì, va bene, c’è la pompa, la canna, il cannone, ma avete mai sentito di un cannone che spara palle liquide? 'Stu poeta del cazzo non poteva scrivermi uno Shnek dell’orologio ad acqua? Così fin quando riempiva  la “capacitanza”!...E venendo ancora le venne in mente che il problema della meridiana ad acqua era legato alla temperatura e quel giorno in cui lei mostrò al poeta l’ora esatta per  raccogliere cetrioli non solo era mezzogiorno ma era nella canicola.




[i] “Prendi-i-cetrioli”(leggi sospendendoti sulla -ë finale, che è semimuta.
[ii]“ Kastravec” si legge “KASTRAVEZ”, è sinonimo di “Trangull”.
[iii] La “meridiana”, l’”orologio solare”.
[iv] Il vetro, la lente, dell’orologio.
[v] “Bythë” si legge con la –y letta come la “u” francese, e, naturalmente, la –ë è semimuta.
[vi] In dialetto del delta del Saraceno: “Hai la Parrottiera della misura giusta per il cannone di Parrōtt”: La virtù matematica dell’oggetto a era addirittura raddoppiata dal soprannome patronimico del poeta, che era, appunto Parrōtt, sinonimo fonetico del cannone americano, ma, che, a differenza del cannone americano che è su ruota, è correlato in shqip a “Pa- Rrotë”, che significa “senza ruota”, “fuori dal sistema, dall’ingranaggio”.Leggi anche Eufemistica dello Shnek del Parrott su pingapa.
[vii] Vedi alla nota precedente.
[viii] Dal nome dell’inventore americano Robert P. Parrott, 1804-1877. Nome di una famiglia di cannoni a canna rigata e relativo munizionamento speciale prodotti a partire dalla Guerra civile americana in tre differenti calibri: il 10 libbre da 2,9” di calibro; il 2° libbre da 3,67” di calibro; il 30 libbre da 4,2”. Erano riconoscibili per la grossa fascia di rinforzo posta sulla culatta dell’arma.
Il Parrott che, a differenza di Parrotë,
che ne è privo, ha le ruote...
│ by Sartoria

Hit Parade della Settimana

GUY GOFFETTE ░ Se ebbi promessa un giorno d'altro cielo

Si j’ai reçu promesse un jour d’un autre ciel
que celui qui vous coupe les bras, je l’ignore.
Comme vous je souffre la tempête et le froid
et la fatigue insomnieuse ; le désert me traverse, l’absence des visages, tous ces poings de pierre
et le martèlement des vivants dans le labyrinthe.
Oui, comme vous j’ai peur d’atteindre au bout
du couloir, comme un nageur touche le fond, de connaître que tout ici fut vain, chute,
faux miracle, qui ne portait l’homme au-dessus
de lui-même, là où la ceinture des ombres
se détache du cœur et tombe avec la nuit parmi les accessoires. │Se ebbi promessa un giorno d’altro cielo
da quello che vi taglia le braccia, lo ignoro.
Come voi patisco la tempesta e il freddo
e la fatica insonne; il deserto mi attraversa, l’assenza di volti, tutti questi pugni di pietra
e il martellio dei vivi dentro il labirinto.
Sì, come voi ho paura di raggiungere la fine
del corridoio, come un nuotatore tocca il fondo, di scoprire che tutto qui fu vano, caduta,
falso prodigio, che no…

Salvatore Toma▐ Ultima lettera e disegno per "Milly Carlucci e il profilattico di Michel Foucault"

“A questo punto
cercate di non rompermi i coglioni
anche da morto.
È un innato modo di fare
questo mio non accettare
di esistere.
Non state a riesumarmi dunque
con la forza delle vostre certezze
o piuttosto a giustificarvi
che chi s’ammazza è un vigliacco:
a creare progettare ed approvare
la propria morte ci vuole coraggio!
Ci vuole il tempo
che a voi fa paura.
Farsi fuori è un modo di vivere
finalmente a modo proprio
a modo vero.
Perciò non state ad inventarvi
fandonie psicologiche
sul mio conto
o crisi esistenziali
da manie di persecuzione
per motivi di comodo
e di non colpevolezza.
Ci rivedremo
ci rivedremo senz’altro
e ne riparleremo.
Addio bastardi maledetti
vermi immondi
addio noiosi assassini.”
▐ Salvatore Toma,Ultima lettera di un suicida modelloinCanzoniere della morte


□ Nel 1984, all’interno del Pensionante de’ Saraceni , datato luglio , che si dava come foglio di “Caffè Greco”, diretto da Antonio Verri, trovai, accanto ad Aurora Cornu, Léonard Nathan e Georges Astalos, il mio testo Milly Carlucci e il …

Aida Maria Zoppetti ⁞ COSA

Cosa
        – lì dove guardo –
        è un sostantivo
        cosa mi opprime
        e non dirò più nulla
        cosa scende la sera
        e cosa appare
        cosa sorpresa
        quando l’ho veduta
        rosa e leggera
        leggera è un aggettivo
        e rosa è il ramo
        (ignora il vento)
        – dormiamo?

Äricreazioneblog artificiale d'arte e artifizi

Manca il cappello in Ai no Corrida.

Sara Smigòro ░ Delirio del consumatore addormentato

Delirio del consumatore addormentato di SARA SMIGÒRO
da→ lunarionuovo  MARZO n.78, POESIASALA VITTORIO SERENI Bande sonore inquietano il percorso
nei sogni una catena spezzata
salda invece è ogni ansia
ogni mulino spinge ruote
ingranaggi in grano ingrana la massa
e già scrutina scompagina trasforma
molìre grano è il suo lavoro ingrato
non già grane nel vento se mulina acqua
le stesse bande larghe, strette,
brevi come la vita e quelle
criminali bande ribalde.
Nei tuguri il pane pesa più rovente
in grane il grano intero prima
oppure la farina
nel sacco di suo nel campo
ov’era stata stelo- spiga-
raccolto e alimento?
È tutto infine un vero tradimento
al seme ignaro
interrato per fruttare donato
alla terra per sfruttarne risorse
altro che dono di vita il parto è inganno
è sempre candidare alla morte
l’innocenza alla vita non richiesta.
Chi ha sonno e non vede dove
altri ha visto e dona una condanna.
Ecco allora le bande se sonore
se criminali bande paesane
tra clarini, grancasse trombe e m…

Qual è il segno più bello?│ Inchiesta esclusiva di Vuesse Gaudio per "Astra"