Passa ai contenuti principali

♦ L' arme dell'Excêntrico Purtuâll

Che noia l'eredita'
Luis Carlos de Noronha Cabral da Camara, nobile portoghese, e' passato a miglior vita lasciando tutti i suoi averi, 2 proprieta' immobiliari, un'auto e 25mila euro in contanti, a 70 sconosciuti scelti a caso dall'elenco telefonico di Lisbona.
L'uomo non aveva eredi, e' il primo caso al mondo di equo eccentricita'. 
L'orangerie di
Mia Nonna dello Zen

(Fonte: BBC News)
La notizia, che sarà comica, non ci sono dubbi, in me ha destato l’Heimlich; l’Heimlich come è passato? Ma da mia nonna, quella dello Zen, e nel suo Zen questo c’è scritto in merito al lascito:

-Nel suo ultimo giorno di vita mia nonna scrisse 99 cartoline postali e incaricò sua figlia Rosa di spedirle. Poi morì. Sulle cartoline c’era scritto: “Sto per andarmene da questo posto. Quando tornerai non ci sarò. Di me non resterà niente. E tu ti chiederai: Era mia nonna? 99 volte. Andrai nell’aranceto dopo la mia morte per 99 volte e 99 volte mi vedrai sulla montagna pietrosa dei fichi d’India. Per scoprire chi effettivamente ero e se effettivamente ti ho lasciato anche un solo “purtuâll” dovrai far rimuovere a 99 briganti il cumulo di pietre badando che ognuno rimuova solo 3 pietre alla volta”. -
Allora, come entra l’Heimlich? Tutto insieme e di lato, con la sua obliquità semantica: sapete come la si chiama, l’arancia, nel dialetto del Delta del Saraceno, il dialetto di mia nonna, la Maestra dello Zen dell’Arancia? “Purtuâll”, cioè “Portogallo”(cfr. Vocabolario della Lingua Italiana Zingarelli:[dal Portogallo, da cui proviene; av. 1755]s.m. Arancia).
Il nobile portoghese, con un nome, se andate a vedere e come succede spesso tra i “nobili”, del tutto ignobile prendendolo compresso com’è tra “Caprale”[“Cabral”] e “Nodo[della]scabbia”[“nó”=”nodo” + “ronha”=”rogna”,”scabbia”, ma anche “furbizia”,”astuzia”], ma che porta al “Municipio”, al “Comune”[“Camara”], e le cartoline di mia nonna sono tutte indirizzate al Comune, come è logico presupporre che le 70 persone pescate nell’elenco telefonico da Cabral da Camara afferiscano tutte al Comune , alla Camara, di Lisboa.
E la rogna? Abituale nel ramo, quindi quasi genetico, ereditario, e, se vogliamo, stemma araldico, del marito della nonna, il nonno. Ma, quel che mi lascia sconvolto è che il titolo nobiliare,e quindi il blasone da cui comporre l’arme, a chi lo ha lasciato, a tutti e 70?
Il “Cabral” potrebbe far presupporre l’esistenza nell’arme della “capra” che molti araldisti escludono dall’arme come le pecore, i porci, le galline, le lepri, le oche, gli asini, i conigli perché animali ignobili, anche se molte illustri ed antiche famiglie contraddicono a questa pretesa, tanto che la capra, con l’asino, la pecora e financo il topo è quadrupede frequente nelle armi.


Hit Parade della Settimana

Manca il cappello in Ai no Corrida.

Aida Maria Zoppetti ░ Temporale in mezzo alla foresta

Accordo temporale Malgrado i grilli che aveva per la testa aveva l’aria d’esser così lento che il nome vento era quasi vuoto. E fu così che in mezzo alla foresta lui fece voto, promessa, alla tempesta di esserle, nel tempo, più devoto.
Äricreazione                                                                                               blog artificiale d'arte e artifizi 900° POST DI GAUDIA 2.0

TAM TAM 3/4 ▐ Una poesia di V.S. Gaudio

Tam Tamn.3-4 Rivista trimestrale di poesia Edizioni Geiger Torino
1° semestre 1973

Indice  34 V.S.Gaudio Una poesia

Aida Maria Zoppetti ⁞ COSA

Cosa
        – lì dove guardo –
        è un sostantivo
        cosa mi opprime
        e non dirò più nulla
        cosa scende la sera
        e cosa appare
        cosa sorpresa
        quando l’ho veduta
        rosa e leggera
        leggera è un aggettivo
        e rosa è il ramo
        (ignora il vento)
        – dormiamo?

Äricreazioneblog artificiale d'arte e artifizi

Se messo a letto, un verso ⁞

Se messo a letto, un verso, anche il più cancellato, è come una città opportuna, ha maniglie d’ottone, un astratto asteroide, un po’ come la mia Torino, e il treno, come verseggiava Luciano Erba, non può essere lontano, questo emisfero o stufa, anfratto asteroide, scrisse, nella sua Stimmung, Maria Luisa Spaziani: buonanotte e sotto a sinistra dio, sulla stessa riga a destra: mano, e sotto la mano: -UUNG! WELTANSCHA- era nella pagina prima, sopra (e il treno non può essere lontano).

Giovanni Fontana ░ Tarocco Meccanico Reading

TAROCCO MECCANICO
Dal minuto 6 e 5 secondi, non perdetevi  il  Reading di Giovanni Fontana  dal suo Tarocco Meccanico