Passa ai contenuti principali

L'anima integrale del Bonheurista □

L’anima integrale e l’unità di misura    ¨

Il paradigma numerale chambérien non è come il numero fourierista, che non è arrotondato e che, da ciò, fa il suo delirio e la sua arbitrarietà.
L’unità di misura, nel determinismo numerale, non ha, non deve avere, la giustificazione pomposa di Fourier.
Ma ha la giustezza naturale e per questo non-ingrandimento è esaltante, più che un operatore di gloria è un demoltiplicatore fantasmatico che permette combinazioni e progressioni geometriche.
L’espansione e la classificazione, da un lato; il numero e la classificazione, dall’altro, il flâneur o il bonheurista è così che, tassonomizzando l’oggetto, fa come Fourier, lo “sodomizza”.
Sodomizza, cioè, la sua leggibilità, il particolare che innalza, la minuzia che dà la gioia.
Perché la leggibilità di un corpo è immediatamente numerale, tanto che dai particolari fantasmati il numero mira ad afferrare delle medie, non delle probabilità, altrimenti il fantasma sarebbe reprimibile, cancellabile, progetta una statistica del desiderio e del bonheur.
Al numero attengono le “carezze di percorso” o le ricognizioni territoriali che, su un corpo, sono commutate in ricognizioni sensoriali, che il bonheurista attua con quelli che potremmo chiamare i “baccanali delle sfumature”.
La sfumatura, fatta di numero e di classificazione, “ha per campo totale l’anima integrale, spazio umano definito dalla sua ampiezza”[1], che, per raggiungere la sufficienza in un quadro fantasmatico, ha bisogno di altre sfumature, altri numeri e altre classificazioni.
All’anima integrale del bonheurista occorrono le sfumature infinitesimali di passione, non certo i 1620 caratteri dei due sessi di cui alla prescrizione di Fourier, ma, vuoi per l’omonimia, vuoi per il gemellaggio territoriale, vuoi per altri spostamenti metonimici e vuoi per altre condensazioni di particolari, la somma, la cui giustezza, leggibile di traverso al significante e leggibile nel senso della sua lunghezza per il significato, è immediatamente enumerabile, oppure immediatamente si enumera dal quadro della scena, della posa, della situazione, che, appunto, costituirà il quadro fantasmatico, l’anima integrale del Bonheur.
□ La Mole qui non c’è ma è
la Torino di Silvia Crocetti
L’ unità di misura, che potrà fare di un oggetto un “fantasma irreprimibile”, è quella di Silvia Crocetti, che, nel kairos di quel 19 giugno, all’ombra della Mole Antonelliana, è esattamente la demoltiplicazione dell’altezza della Mole per 1000, ma, attenzione, solo se riguarderà un oggetto “omonimo” in altro luogo sabaudo, cioè Silvie Crozet a Chambéry, che,ormai, lo sappiamo, è, appunto, alta 167 centimetri, 1 pollice in meno che a Torino dov’è Silvia Crocetti, in ragione della longitudine, vista la differenza di 7 minuti, o in ragione delle 70 campane, che se si fanno specchio sonoro del “+70 della torinese Silvia Crocetti,per farsi punctum, cioè “coup de pouce”, della chambérienne Silvie Crozet, questa dovrà essere alta 1 pollice in meno, cioè specchio visivo della Mole torinese.
“L’anima integrale, arazzo in cui si enuncia ogni sfumatura, è la grande frase cantata dall’universo”[2]: il particolare di un oggetto, un oggetto, una sfumatura di una tipologia, una tipologia sono solo una parola.
La statura di Silvia Crocetti, 5 piedi e 7 pollici, rinvia, per questo metro e settanta, alle 70 cloches del Grand Carillon; il suo indice del pondus( che è di grado alto) al grado 17.30 rinvia all’ora del concerto del samedi al vespro; l’omonima Silvie Crozet, specchio numerale di Silvia Crocetti, si fa metonimia territoriale della Mole di Torino, che riguarda Silvia Crocetti, che,rapportando i centimetri della sua altezza 170 ai 167 metri della Mole, demoltiplica l’espansione togliendo 1 solo pollice.
Ecco qui una di quelle metonimie audaci che fanno l’ incanto di Fourier: ecco la Mole Antonelliana mescolata alla statura dell’oggetto fantasmato.

 #ê




© Roy Stuart 2000 



V.S.GAUDIO
Le Bonheur Chambérien
 © 2004



[1] Roland Barthes, Fourier, in : Idem, Sade, Fourier, Loyola, trad.it. Einaudi, Torino 1997:pag.94.
[2] Ibidem:pag.95.


# Leggi anche è L’I King della Gabelliera e del Poeta on “Uh Magazine” e vedi i primi 4 esagrammi qui resi in targa 

Hit Parade della Settimana

GUY GOFFETTE ░ Se ebbi promessa un giorno d'altro cielo

Si j’ai reçu promesse un jour d’un autre ciel
que celui qui vous coupe les bras, je l’ignore.
Comme vous je souffre la tempête et le froid
et la fatigue insomnieuse ; le désert me traverse, l’absence des visages, tous ces poings de pierre
et le martèlement des vivants dans le labyrinthe.
Oui, comme vous j’ai peur d’atteindre au bout
du couloir, comme un nageur touche le fond, de connaître que tout ici fut vain, chute,
faux miracle, qui ne portait l’homme au-dessus
de lui-même, là où la ceinture des ombres
se détache du cœur et tombe avec la nuit parmi les accessoires. │Se ebbi promessa un giorno d’altro cielo
da quello che vi taglia le braccia, lo ignoro.
Come voi patisco la tempesta e il freddo
e la fatica insonne; il deserto mi attraversa, l’assenza di volti, tutti questi pugni di pietra
e il martellio dei vivi dentro il labirinto.
Sì, come voi ho paura di raggiungere la fine
del corridoio, come un nuotatore tocca il fondo, di scoprire che tutto qui fu vano, caduta,
falso prodigio, che no…

Salvatore Toma▐ Ultima lettera e disegno per "Milly Carlucci e il profilattico di Michel Foucault"

“A questo punto
cercate di non rompermi i coglioni
anche da morto.
È un innato modo di fare
questo mio non accettare
di esistere.
Non state a riesumarmi dunque
con la forza delle vostre certezze
o piuttosto a giustificarvi
che chi s’ammazza è un vigliacco:
a creare progettare ed approvare
la propria morte ci vuole coraggio!
Ci vuole il tempo
che a voi fa paura.
Farsi fuori è un modo di vivere
finalmente a modo proprio
a modo vero.
Perciò non state ad inventarvi
fandonie psicologiche
sul mio conto
o crisi esistenziali
da manie di persecuzione
per motivi di comodo
e di non colpevolezza.
Ci rivedremo
ci rivedremo senz’altro
e ne riparleremo.
Addio bastardi maledetti
vermi immondi
addio noiosi assassini.”
▐ Salvatore Toma,Ultima lettera di un suicida modelloinCanzoniere della morte


□ Nel 1984, all’interno del Pensionante de’ Saraceni , datato luglio , che si dava come foglio di “Caffè Greco”, diretto da Antonio Verri, trovai, accanto ad Aurora Cornu, Léonard Nathan e Georges Astalos, il mio testo Milly Carlucci e il …

Aida Maria Zoppetti ⁞ COSA

Cosa
        – lì dove guardo –
        è un sostantivo
        cosa mi opprime
        e non dirò più nulla
        cosa scende la sera
        e cosa appare
        cosa sorpresa
        quando l’ho veduta
        rosa e leggera
        leggera è un aggettivo
        e rosa è il ramo
        (ignora il vento)
        – dormiamo?

Äricreazioneblog artificiale d'arte e artifizi

Manca il cappello in Ai no Corrida.

Qual è il segno più bello?│ Inchiesta esclusiva di Vuesse Gaudio per "Astra"

Sara Smigòro ░ Delirio del consumatore addormentato

Delirio del consumatore addormentato di SARA SMIGÒRO
da→ lunarionuovo  MARZO n.78, POESIASALA VITTORIO SERENI Bande sonore inquietano il percorso
nei sogni una catena spezzata
salda invece è ogni ansia
ogni mulino spinge ruote
ingranaggi in grano ingrana la massa
e già scrutina scompagina trasforma
molìre grano è il suo lavoro ingrato
non già grane nel vento se mulina acqua
le stesse bande larghe, strette,
brevi come la vita e quelle
criminali bande ribalde.
Nei tuguri il pane pesa più rovente
in grane il grano intero prima
oppure la farina
nel sacco di suo nel campo
ov’era stata stelo- spiga-
raccolto e alimento?
È tutto infine un vero tradimento
al seme ignaro
interrato per fruttare donato
alla terra per sfruttarne risorse
altro che dono di vita il parto è inganno
è sempre candidare alla morte
l’innocenza alla vita non richiesta.
Chi ha sonno e non vede dove
altri ha visto e dona una condanna.
Ecco allora le bande se sonore
se criminali bande paesane
tra clarini, grancasse trombe e m…