Passa ai contenuti principali

Paolo Volponi e i libri degli altri║Alessandro Gaudio

Paolo Volponi  e i libri degli altri
“Volponi, in una serie di una serie di testi che, tra il 1967 e il 1994, ha destinato alla presentazione di alcune opere scritte da autori meno conosciuti, individua e descrive la base concreta sulla quale insiste la sua stessa disposizione alla poesia, la sua incrollabile vocazione al dubbio e al confronto, il suo bisogno costante (perché resiste negli anni, viene ribadita e si conserva in ogni luogo) di rifondare la partecipazione, di farsi portatore di un disegno, avendo però sempre la capacità di realizzarlo nella costruzione, oltre che nell'immaginazione. Quella stessa base che, narrazione dopo narrazione, verso dopo verso, frammento dopo frammento, è possibile ritrovare in ciascuno dei suoi scritti. Ex ungue leonem: insomma, anche da poche effimere linee di commento è possibile riconoscere un grande autore”.

da A. Gaudio, Le parole e le cose. Paolo Volponi e i libri degli altri, in S. Ritrovato, T. Toracca, E. Alessandroni (a cura di), Volponi estremo, Atti del convegno internazionale di studi, Pesaro, Metauro, 2015, pp. 183-190.


Volponi Estremo  
Convegno di Studi Internazionale dedicato a Paolo Volponi
Urbino Palazzo Ducale 29-30-31 ottobre 2014


 Convegno di studi  Internazionale  dedicato a Paolo Volponi Intervengono: Luciano Arcangeli, David Albert Best, Anna Bagorda, Claudia Bonsi, Mauro Candiloro, Enrico Capodaglio, Manuel Cohen, Massimo Colella, Paolo Dal Poggetto, Martina Daraio, Sandro De Nobile, Gualtiero De Santi, Raffaele Donnarumma, Angelo Ferracuti, Gian Carlo Ferretti, Gabriele Fichera, Alessandro Gaudio, Giovanna Lomonaco, Romano Luperini, Federica Maltese, Donatella Marchi, Gian Luca Picconi, Manuela Pistilli, Massimo Raffaeli, Alessandro Raveggi, Salvatore Ritrovato, Marco Rustioni, Fabrizio Scrivano, Siriana Sgavicchia, Nicola Spinosa, Igor Tchehoff, Dario Tomasello, Tiziano Toracca, Alessio Torino, Massimiliano Tortora, Maria Rosaria Valazzi, Marco Vallora, Elisa Vignali, Emanuele Zinato, Paolo Zublena




Hit Parade della Settimana

Manca il cappello in Ai no Corrida.

Aida Maria Zoppetti ░ Temporale in mezzo alla foresta

Accordo temporale Malgrado i grilli che aveva per la testa aveva l’aria d’esser così lento che il nome vento era quasi vuoto. E fu così che in mezzo alla foresta lui fece voto, promessa, alla tempesta di esserle, nel tempo, più devoto.
Äricreazione                                                                                               blog artificiale d'arte e artifizi 900° POST DI GAUDIA 2.0

TAM TAM 3/4 ▐ Una poesia di V.S. Gaudio

Tam Tamn.3-4 Rivista trimestrale di poesia Edizioni Geiger Torino
1° semestre 1973

Indice  34 V.S.Gaudio Una poesia

Aida Maria Zoppetti ⁞ COSA

Cosa
        – lì dove guardo –
        è un sostantivo
        cosa mi opprime
        e non dirò più nulla
        cosa scende la sera
        e cosa appare
        cosa sorpresa
        quando l’ho veduta
        rosa e leggera
        leggera è un aggettivo
        e rosa è il ramo
        (ignora il vento)
        – dormiamo?

Äricreazioneblog artificiale d'arte e artifizi

Se messo a letto, un verso ⁞

Se messo a letto, un verso, anche il più cancellato, è come una città opportuna, ha maniglie d’ottone, un astratto asteroide, un po’ come la mia Torino, e il treno, come verseggiava Luciano Erba, non può essere lontano, questo emisfero o stufa, anfratto asteroide, scrisse, nella sua Stimmung, Maria Luisa Spaziani: buonanotte e sotto a sinistra dio, sulla stessa riga a destra: mano, e sotto la mano: -UUNG! WELTANSCHA- era nella pagina prima, sopra (e il treno non può essere lontano).

Giovanni Fontana ░ Tarocco Meccanico Reading

TAROCCO MECCANICO
Dal minuto 6 e 5 secondi, non perdetevi  il  Reading di Giovanni Fontana  dal suo Tarocco Meccanico