Chambonheur ♦ Dedicato ad Harry Mathews

Dedicato ad Harry Mathews,
che, a Chambéry, con Georges Perec, Danièle Sallenave e altri,
fece, in una libreria, nel 1981, una lettura di Plaisirs Singuliers.
I nomi dei personaggi sono fittizi; i nomi dei luoghi, degli spazi, delle vie,
delle fiere,dei mercati,delle manifestazioni,
 i tempi(i samedi, les dimanches, i crepuscoli, l’Angelus meridiano e del vespro),
gli equinozi, i solstizi, le stagioni, il Grand Carillon sono quelli di Chambéry.
I personaggi in sé sono tutti di Chambéry o a Chambéry: difatti, i piaceri singolari che essi danno o fanno sono stati presi, o raggiunti, a Chambéry.
La donna, che esplicò in quel reading del 1981,
 le modalità con cui si procurava l’orgasmo, è l’archetipo di ogni personaggio, ovvero è lei l’ Herkunft del Grand Carillon de Chambéry.
A lei va, altresì, dedicato questo nostro Chambonheur.
A LeiElle, del cui “piacere singolare” non v’è traccia né testimonianza, e che, per questa ragione, è ancor di più riconoscibile in ognuno dei corpi chambériens, individualità “differente, rifratta, senza privilegi”,
l’anonima che, di corpo in corpo, si costituirà, al grado elevato del mou savoiardo,
come l’assolutezza anonima,riconoscibile, sì, in ognuno dei personaggi
femminili, ma riconoscibile, soprattutto, nella differenza, rifratta, senza privilegi, di tutti i personaggi femminili.

V.S.GAUDIO│© 2004



http://mianonnadellozen.tumblr.com/post/135647165662/clippedonissuu-from-vsgaudio-chambonheur-le

HIT PARADE DELLA SETTIMANA