Milawn ♪


Per via dei prati privati e dei parchi  è vietato calpestare le aiuole, tanto che ancora una volta la situazione sembrava offrirgli, al poeta urbano, una sola possibilità di scelta fra due alternative che gli parevano entrambe inaccettabili: dai, sediamoci qua, disse Vuesse quella volta a Milano, in quella città così oscura ma in quella primavera così lieve di splendore nella controra, a Nadiella Campana e non ci colsero in flagrante, stemmo lì seduti quanto tempo, il tempo giusto per sentire che non c’era vento, Milano, d’altra parte, potrebbe essere una città più ventosa di Torino, o di Cesena, se vogliamo, questo disse il poeta a Nadiella, e ti ricordi il parco della Montagnola a Bologna?  O quella volta che sui colli ci sorprese la pioggia e ci riparammo, dove ci riparammo a fare che cosa, a guardare la città lontana nella pioggia, e c'era vento? E, in definitiva, l’erba dei prati, se è alta, ti ripara dal vento, e puoi anche pisciare senza che il vento te la sferzi addosso. Anche in campagna è la stessa cosa. Però, questo Nadiella non lo sapeva, mi è sempre piaciuto falciare l’erba d’estate, qui lo facevo nel sentiero del bosco del torinese e anche nel fossato, davanti casa ad ovest, sotto la strada statale, per mantenere bassa l’erba sulla conduttura della fognatura. Di là, a lato della strada, il canale e i rospi, e la solita serpe a giugno, come se amasse il sole dei Gemelli, che, adesso, se ci pensi, è il sole che portò via Nadiella, prima dal poeta e, sei anni dopo, dai prati e dai parchi della città dell’industria della poesia e del Grande Fratello.
Sadiana-twitter. Il progetto numerico di Sada
(vs Ai No Corrida di Nagisa Oshima)

Hit Parade della Settimana

Adam Vaccaro ░ Genova (un'arena un ventaglio

STEVE│50

Sogna Essa… ░ e sognai EmmeA a Taras.

Poetica dei Gemelli. Camillo Pennati e la losanga di Lacan della mia amica