Il Livre d'Arcandam e il poeta dell'Ariete.


Il Livre d’Arcandam l’aveva già capito che il poeta dell’Ariete, ancorché professi l’esercizio della parola innamorata o della quotidianità del pesce incartato nella carta dei giornali, “in lui dominerà – sempre e comunque, anche se fa gli stornelli in dialetto – la collera”. E fu anche scritto in quel Livre:”Egli eserciterà la sua opera sugli uomini ingrati. Egli fuggirà il male e fuggirà ciò che è buono”. E non è finita: “Egli sarà ghiotto; non soddisfatto delle vivande e, per la sua ghiottoneria, si lamenterà delle vivande se non apertamente, perlomeno dentro di sé”e ne darà estensione nelle sue poesie, anche da poeta della parola innamorata e del quotidiano di chi ha mangiato il pesce laggiù in quel paese nel mare degli ombroni.
Il poeta del primo decano: attento alla dama di bastoni: ad esempio, se partecipi a un premio già concordato, attento, se arriva una poetessa dell’Ariete, è la dama di bastoni, vince lei!
Il poeta del secondo decano: vinci dopo aver superato le difficoltà. Se non ci sono difficoltà, diffida!
Il poeta del terzo decano: sempre con quell’idea fissa, sta diventando un’ossessione. Una monomania, attento può condurti alla demenza!

Hit Parade della Settimana

Aurélia Steiner e il vuoto di una formica…

Aida Maria Zoppetti… La colonna delle formiche con un solo pensiero.

Il poeta del Cancro è un Poeta.