La legge della cuoca e i corollari con la postina.


La legge della cuoca di Molière
I poeti, come Molière, usano leggere alla cuoca le proprie poesie appena scritte, per vedere che impressione fanno su una mente semplice.

Corollari
1. V.S. Gaudio, che non ha una cuoca, le legge alla postina quando viene a giorni alterni: lei, come la cuoca di Molière, è allo stesso modo digiuna di lettere, difatti porta sempre pieghi di libri e bollette.
2. Le Stimmung un po’ lunghe, se la postina ha da consegnare altra posta, il poeta gliele legge a giorni alterni, e a volte per finirla ci vuole tutta la settimana, e certe volte lei si fa sostituire.
3. Se la postina, alla fine della lettura, si mette a ridere, il poeta non sa se prenderla alla lettera, la guarda irritato e le dice: “Ma oggi per me niente posta?”
4. Se la postina, alla fine della lettura, si mette a sedere, il poeta capisce che oggi si è stancata della posta, e allora non le chiede se oggi per lui non c’è posta.
5. A volte, la postina se le fa leggere per strada, e così gli ripete spesso: “Non ho capito l’ultima parola”, e lui rilegge il verso, e poi passa un’altra macchina e lei dice che non ha capito, potresti gridare un po’? E lui infine s’incazza e le urla: ma non hai altra posta da consegnare? Poi passa un treno merci, e lei gli fa il gesto che finisce di fare il giro e poi riprendiamo, d’accordo, torno apposta? Il poeta non capisce e le chiede prima che  riparta se oggi per lui non c’è posta.
6. La postina, dopo un certo tempo, pare che si nasconda e lo faccia apposta per non portargli la posta. Tra posta e lettere, il poeta in questo lasso di tempo non sa più dove imbucare, anche perché, si dice pensieroso, ma non è che ci sia tanta corrispondenza.
7. Un giorno il poeta chiese alla postina se sapesse cucinare e lei gli rispose: certo, sì, vuoi che ti inviti a pranzo un giorno? No, è che la cuoca di Molière e anche quella di Kant sapevano dare le risposte giuste, e allora com’è che non prendi mai la mia poesia alla lettera?
8. Perché non vieni un sabato a mangiare da me, così ci chiudiamo in cucina e vedrai che anch’io prenderò alla lettera tutto ciò che mi farai entrare dall’orecchio, come dice Lacan.
9. Il poeta, in cucina, vide che, per il burro, usava la ‘nzugna e allora dedusse che come borsa, anziché quella dell’”Ultimo tango a Parigi”della Zanellato, non potesse che avere la Bridge in cuoio.
10. A lettera imbucata,pensando alla ‘nzugna usata in cucina,  il poeta si accorse di non averla sigillata, e disse alla postina se me la incolli tu o me la porti di nascosto nella tua bella borsa che tanto inzugni.

Hit Parade della Settimana

Aurélia Steiner e il vuoto di una formica…

Aida Maria Zoppetti… La colonna delle formiche con un solo pensiero.

Il poeta del Cancro è un Poeta.