L'orecchio e le geometrie anamorfiche ░░ Aida Maria Zoppetti, Vincent Van Gogh & V.S. Gaudio


Ricreazioni:
    D’après-moi: Van Gogh

by Aida Maria Zoppetti

L'Orecchio di Van Gogh e il puntinismo del plenilunio che verrà ░░░


Fosse stato per il signor Bandini, che, d’accordo, l’abbiamo già detto, non è Fernando Bandini, e nemmeno Fernando Trebbi, che era della combriccola de “Il Portico” di Mantova, un gruppo con Umberto Artioli, Gino Baratta, Francesco Bartoli, avremmo ancora  questa notte stellata con corvilinee, dopo il cielo di luna e l’orecchio assolato, e, naturaliter, il campo di grano con corvi, anche perché si sta andando verso il plenilunio che serve a fissare la “Resurrezione” per gli Ebrei e i Cattolici tutti, da qui all’emisfero sotto l’equatore, dove, a proposito di orecchio, ci si può chiedere cosa entri davvero nell’orecchio che non sia entrato sopra l’equatore, nel nostro orecchio? Se qualcuno sta suonando il violino, o la chitarra, e prima mi veniva nell’orecchio Pomme, per come sa farlo lei a contro canto di Ben Mazué, e dovresti sentirla come pronuncia J’attends. Sembra che lo stia rinserrando, oppure non vuole aspettare per niente, e pensare che la ragazza è nata sotto il segno del tempo e, naturaliter, dell’orecchio. E Matisse, oh Ma Tisse…, rilanciò con Mario Praz, che, la sapete questa? Uno, solo se gli entrava nell’orecchio il nome: “Mario Praz”, si toccava, la sapete no? Però Ma Tisse rilanciava con le Geometrie anamorfiche, e chiamala scena,veramente intendevo:scema,  e poi disse a Karim: Chi ha orecchie per intendere, fraintenda; l’avete capita? Orecchie, non l’orecchio: quindi l’orecchio di sopra e l’orecchio di sotto, o, facciamo che l’anamorfosi sia come l’analemma esponenziale dell’oggetto “a” e quindi passa al meridiano, e allora l’orecchio ad est e l’orecchio ad ovest, appunta la luna i riccioli del cielo, disegni di un vento siderale, una che fa la poetessa: Lemmaelabel, non so se mettermi a piangere o prendere not(t)e anch’io come Matisse. Facciamo così? O Facciamo tardi anche questa notte? Il puntinismo non c’entra.
Gigliola Carretti
L’annottare un po’ sì. Tanto che, con tutto questo puntinismo e il puntinismo che faceva la mia amica Gigliola Carretti in quel di Turìn, e le geometrie anamorfiche, i disegni d’un vento siderale, ma lo sai IT che oggi(ieri per chi legge; oggi, per chi legge,son ritornati gli operai della ferrovia a fare una "porca" a ridosso del muretto issato l'altra settimana tra ballast e campi suburbani e urbani della popolazione ionico-saracena, e il microclima non è più primaverile) in questo habitat dove tengono prigioniero il poeta saraceno è venuto un cielo primaverile che non ti dico? Chi ha orecchie e anche riccioli per intendere, fraintende? Ça va sans dire, Matisse! L’universo è curvo, ma le stelle non lo sanno, Jean Baudrillard, che non era astronomo, invece lo sapeva,s’è fatto tardi, c’è Freflight, e sotto l’orecchio:permalink, ad ovest, e rispondi, ad est, non guarda nemmeno se siamo ancora in piedi e ci insuffla:  la sua mente era curvilinee, i suoi colori a squadra, la sua espressione un goniometro, a 360°, il suo esprimersi una riga da qui all’orizzonte. Domani, ci si vede dalla coiffeuse che chissà cosa vi ci insufflerà nell’orecchio, Matisse, a te e alla Lemma dei riccioli del cielo!
V.S.Gaudio

Hit Parade della Settimana

Adam Vaccaro ░ Genova (un'arena un ventaglio

STEVE│50

Sogna Essa… ░ e sognai EmmeA a Taras.

Poetica dei Gemelli. Camillo Pennati e la losanga di Lacan della mia amica