Guardate il Papavero!

Blue Amorosi
Papavero
Instantphoto 17 aprile 2018
16:51 Meisterpunkt





Il papavero e lo Zahir nipponico?
Il papavero. Guardate il papavero!
Se ne stanno andando le cornacchie
Sull’eucaliptus  come se fosse il momento
Delle cose secche e della spiga nell’occhio
E del definitivo silenzio della ferrovia
Nell’appassita solitudine della strada
Statale un gatto morto mezzo di qua
Sull’erba come se fosse addormentato
Tra Mercurio e il Sole il cielo è nitido
O vuoto con il pelo irto e in fondo
Ad ovest già il Séllaro è invisibile
Ci fossero stati cammelli o elefanti
Di un circo in questa valle in cui
Non c’è cigno che possa alzare
Col becco la carne lacerata del
Gatto e dei cammelli forse avremmo
Visto un cinese piangere sul tetto
Senza trovare il nudo della moglie
Che ha, inutile negarlo, quel podice
Nipponico che misura il crudele
Silenzio della moneta fosse anche
Lo Zahir di Borges o la luna sul terrazzo
O a sud di Villapiana nella notte che
Sta venendo spicchio lieve nel
Cielo delle dolci puledre il vento
Della pianura che vuol far fremere
Il papavero, guardate il papavero
Dite che spaventerà terrazzi e balconi
O sputerà veleno di bosco nell’angoscia
Imperfetta del pantano del poeta
O sarà il cielo rosso di quel culo nipponico?
░ v.s.gaudio

Hit Parade della Settimana

Aurélia Steiner e il vuoto di una formica…

Aida Maria Zoppetti… La colonna delle formiche con un solo pensiero.

Il poeta del Cancro è un Poeta.