Passa ai contenuti principali

Mia Nonna dello Zen ♦ Ermeneutica del bancomat dello Ior e della lingua straniera di Malta

Mia Nonna dello Zen a Paul Ricoeur

#
Se la lingua fa sorgere la questione dello straniero, perché allora il bancomat dello Ior dava le ricevute in latino?

L’accoglienza di altre lingue è un fatto di grandissima cultura riservato solo a qualche individuo. Allo stesso tempo essi si marginilizzano rispetto alla cultura condivisa che implica, vista la fragilità individuale e collettiva degli umani, un grado fortissimo di omogeneità. Un popolo non può essere poliglotta. La maggior parte di noi, anche parlando correttamente una o due lingue, ne possiede una, che si dice materna. Le altre lingue sono allora lingue straniere.
[da: Paul Ricoeur, L’estraneità dello straniero, in: Idem, Ermeneuticadelle migrazioni, Mimesis 2013]
#

E Malta allora, che ha tre lingue, che cultura condivide? E questi arbëresh, che sono calati dai monti qui attorno, e hanno tolto il nome a mio nipote e gli hanno preso il diritto di proprietà, e anche la lingua, che dialetto ne è venuto fuori? E questi che dicevano che loro avevano due lingue, peccato che non sapevano scrivere quella che doveva essere la loro lingua materna, come avranno fatto a  scrivere atti notarili, atti anagrafici e altre schematizzazioni dell’intestazione di un qualsiasi diritto? Qual è la loro lingua straniera, il dialetto locale, l’italiano, l’arbëresh, ghego o tosco che sia, o lo shqip? E quelli dell’Ordine di Malta, vuoi vedere che la lingua materna è il latino? E allora la lingua straniera quale sarebbe? Di più il maltese dell’inglese e dell’italiano, del siciliano, e perché, in quell’arcipelago, non si parla la lingua franca che parlano a Tunisi? Scopriranno mai che la loro lingua è una lingua tra le altre? E quindi sorgerà mai la questione dello straniero? O basta versare 625 mila euro e lo straniero potrà abitare la lingua dell’altro, ma quale lingua abiterebbe e, soprattutto, a versamento avvenuto, come recupererà quella somma investita? Chi garantisce la riuscita dell’investimento? Per capire bene se mi si sta seguendo, dovrò formulare gli interrogativi in latino, la lingua dello Ior e delle ricevute dei bancomat in Vaticano?
[→da: Mia Nonna dello Zen, Se le altre lingue sono lingue straniere, qual è la lingua materna di mio nipote il poeta?]

Hit Parade della Settimana

Aida Maria Zoppetti ░ Temporale in mezzo alla foresta

Accordo temporaleMalgrado i grilli che aveva per la testaaveva l’aria d’esser così lentoche il nome vento era quasi vuoto.E fu così che in mezzo alla forestalui fece voto, promessa, alla tempestadi esserle, nel tempo, più devoto.
Äricreazione                                                                                              blog artificiale d'arte e artifizi900° POST DI GAUDIA 2.0

Aida Maria Zoppetti & V.S.Gaudio ⁞ La sarta di Lucio e la sarta di Vuesse

La sarta di Lucio: itaglia e cucisu Fontanafromricreazioneblog artificiale d'arte e artifizi

La sarta di Vuesse: il premio Singer

♦ Ide Dafìnashitës™

L’apparizione di Ide DafìnashitësLa terra trasfonde vibrazioni continuedentro il cuore, e questo sei tu per comesei avvenuta, in quella giustezza e misuraDio, è questa la suonatrice del violino,ed è da allora che avendolo scopertoche sei impareggiabile per come saisuonare il violino, ti costringo semprea suonarmelo il Berg, di là venendo da estun po’ dal mare e tra gli alberi, che cosa vediun campo di trifoglio maturo ? O un pratoda attraversare dopo che l’hai fatta nel sottopasso?Tra te e il canale, e il deposito che man manolasci giorno dopo giorno lustro come seavesse la luce del sole ed è sul muschio intrisodi zenzero e miele dello shummulo, c’è vento nel granoturco verso ovest  oltre la ferroviae il poeta sente il fruscio delle tue sottanequando ti abbassi a farne colare immondae immensa contro la siccità e la stitichezza,come può il poeta coltivare i suoi cento acrise è perso nel suo Berg e nello shummuloche con un misto di corni, fagotti e Ellie Gouldingostinatamente fa sul tuo…

Telegramma della Giovane Poesia ░

ÆTelegramma di Marisa Aino a V.S.Gaudio 
militare alla Direzione di Commissariato X CMT Napoli: 
compleanno hemingwayano del giovane poeta
Marisa Aino e un irriconoscibile Vuesse Gaudio, militare a Napoli, in piazza Vittoria e sul lungomare Caracciolo: alle loro spalle
si intravede il Castel dell'Ovo


░ L'azzurro dei cavalcanti

Per un lettore culturalmente adulto !