Passa ai contenuti principali

♦ Jess(ica)™ della bicicletta si è fatta gelataia, o la gelatiera?

Gessica e il gioco dei bigliettini a domanda e risposta
by Gaudio Malaguzzi

Avvenne che un giorno la ragazzina del surplace e della cremeria Gessica, nel farsi incontro al poeta che leggeva e ponendosi curva verso l’alluce intanto che la cremeria mostrava al poeta l’abbondanza dei suoi gelati al forno, fu presa dalla curiosità e chiese al poeta cosa stesse leggendo.
Dei vecchi giochi – disse il poeta. Intanto c’è questo, diffuso in tutto il mondo, quello dei bigliettini a domanda e risposta. Vuoi sapere come si fa? Si parte da una serie di domande e tiriamo fuori una narrazione, un racconto, una storia. Tu rispondi alla prima domanda e pieghi il foglio; io rispondo alla seconda domanda e piego il foglio; tu rispondi alla terza domanda e pieghi ancora il foglio; io rispondo alla quarta domanda e ripiego il foglio; tu rispondi alla quinta domanda e pieghi il foglio; e  alla sesta e ultima domanda rispondo io e rispondi tu, ognuno di nascosto dall’altro, e ognuno piega il foglio. Poi, leggiamo le risposte come un racconto. Ne può venir fuori un nonsenso oppure una storia comica, oppure…Oppure?-fece lei. Oppure si leggono le risposte, si ride, tu continui a fare il surplace con la bicicletta o mi fai rivedere i centometri da ferma, e tutto finisce lì. E poi si può analizzare la situazione ottenuta e ricavarne un’altra storia. O conservi il gioco e quando capiterà in futuro lo rifarai. Ogni volta? Ogni volta. Facciamolo- disse Gessica, stando seduta sulla bicicletta: Vorrei un gelato. A che gusto? Al cioccolato cioccolato! Leccalo intanto che giochiamo.
“Chi sei?” Lei chiese al poeta che cosa doveva dire, il nome? No.Chi sei, così chi ti senti di essere anche un solo istante… “La gelataia”(scrisse Gessica).
“Dove si trova?”Sul lungomare sulla bicicletta(scrisse il poeta).
“Che sta facendo?” Sta sulla bicicletta e lecca il gelatone al cioccolato(scrisse Gessica).
“Che cosa dice?” “Oh, è una delizia questo gelatone, ne mangerei altri 100 seduta sulla mia bicicletta”(scrisse Gessica).
“Che cosa dice il poeta?” Lo fai leccare pure a me il tuo gelatone al cioccolato sulla bicicletta?(scrisse il poeta).
“Com’è andata a finire?”Lei si compra una gelatiera e non viene più qui a leccare il gelato da passeggio(rispose il poeta); Come, come è andata a finire? Chiede lei al poeta? Beh, come finisce la storia? Quale storia? – fa lei perplessa. La storia che stiamo giocando, la bicicletta, tu, il gelato, le pietre della spiaggia, il libro…Ah, ho capito. E scrisse:”Il giorno dopo la gelataia che ero io ritornò sul lungomare e domandò a quello del libro se voleva assaggiare uno dei miei strepitosi gelati”.
Wordle: gessica o la gelatiera di gaudio malaguzzi
Wordle a 50 words
Wordle: gessica e la gelatiera by gaudio malaguzzi
Altra Wordle a 50 words

Hit Parade della Settimana

Beyoncé, Sia & V.S.Gaudio ░ La “veduta” bionda dell’ esercitante

L’esercitante per la “Battaglia dei Gesuiti” e la doppia misura del piede♫
Quello che accade all’ascoltatore, quando  commuta il suo fantasma  che è essenzialmente visivo, è quello che accade all’esserci , come Dasein, abituato alla sua nevrosi ossessiva. Voi le sentite queste due che cantano e ciò che vedete è che vestono in grigio, hanno due vestiti identici, che indossano a turno. Hanno le stesse mutande grigie, che indossano a turno. Hanno le stesse calze, le stesse scarpe grigie, forse anche lo stesso numero di piede. Probabilmente si sono svegliate alla stessa ora, più o meno alle sette e un quarto, di questi tempi, e, quando viene il solstizio estivo, verso le cinque e mezzo, ora solare. Alle otto e alle sei già son pronte per cantare. Basta vederle camminare, appena fuori di casa, come se fossero  l’immagine ignaziana, che non è una visione- scrive Barthes-  ma  una veduta, e in questa veduta  il visionatore, o l’ascoltatore, inquadra sapori, odori, suoni o sensazioni[i]. Le do…

Telegramma della Giovane Poesia ░

ÆTelegramma di Marisa Aino a V.S.Gaudio 
militare alla Direzione di Commissariato X CMT Napoli: 
compleanno hemingwayano del giovane poeta
Marisa Aino e un irriconoscibile Vuesse Gaudio, militare a Napoli, in piazza Vittoria e sul lungomare Caracciolo: alle loro spalle
si intravede il Castel dell'Ovo


░ L'azzurro dei cavalcanti

Per un lettore culturalmente adulto !

Aida Maria Zoppetti ░ Duck

  alfabetizzazioni:    abcdefghijklmnopqrstuvwxyz

from↓ricreazione  blog artificiale d'arte e artifiz

Giovanni Fontana ░ Tarocco Meccanico Reading

TAROCCO MECCANICO
Dal minuto 6 e 5 secondi, non perdetevi  il Reading di Giovanni Fontana dal suo Tarocco Meccanico

SARENCO. La capra bollita del villaggio di Shella

La capra bollita del villaggio di ShellaHo mangiato la vecchia capra bollita,ho intinto il pane nel brodo scuroinsaporito con pepe, masala ed iliki,ho scambiato quattro parole in kiswahilicoi vecchi pescatori del Vasco de Gama Pillar,ho guardato le nuvole basse dell’Oceano,ho pensato alle chiappe di Fatuma,mi sono trovato sulla strada del ritorno,mi è venuta una grande tristezza,per un attimo ho visto la morte,ho dato fondo all’ultima vodkae finalmente ho dormito il sonno del giusto.
1990
ê1.SARENCOPOESIE SCELTE1961-1990
POETRY IS OVER COLLECTION
vIn memoria di Isaia Mabellini,in arte SARENCOSarenco, nome d’arte di Isaia Mabellini, è nato a Vobarno,sulle montagne della Vallesabbia, in provincia di Brescia, nel 1945. All’età di sedici anni, nel 1961, scrive la sua prima poesia. Nel 1963 produce la sua prima opera di ‘poesia visiva’. Nel 1965 la sua prima mostra di poesie visive. Dal 1966 ad oggi la sua attività espositiva conta centinaia di mostre nel mondo, quattro partecipazioni alla Bi…