Passa ai contenuti principali

Jolanda Insana▐ La Stimmung di mezzo chilo

L’ammašcante rubapulle.
La Stimmung di mezzo chilo con il Mondo di Jolanda Insana

Fosse stato per l’incacchiatore lustrastilemi o per il dialetto rubagalline
e la lingua scofanata, e anche perché allupato amàsio di vernacoli non
lo ero mai stato, né mai poi ancora ci mettemmo a farcela indringhete-ndrà
seppur per taberne e piole arronzammo in oltremisura di strettura
il rubagalline che non parla assestato per bocca dei poeti laureati
tra arci e altri monti, anche il monte Bianco per via di questa città
che dentro ormai distribuisce a destra e a manca
pillole per la sguaiata picia o rata voloira
una sera feci una lunga pisciata a ridosso di un muro
alla Crocetta e all’improvviso s’allumò dentro
l’acqua e la pioggia e dentro la capa del poeta
t’avrei riscritta nel By Logos la tua poesia[i]
in ammašcante per fare luce nell’acqua e vedere
l’ammušcata pillola per la zoccola o lo spirito
u cianciârùsu che è come un liquore che si compiace
in bei discorsi l’incacchiatore lustrastilemi chissùtru
che parla e piscia per bocca dei poeti laureati della
bottega , la cùria, o della banca, ‘u còscu, pisciare
farebbe agghjagghjare, u puête ha ‘ggghjagghjàtu supr’a rota
il poeta ha pisciato sulla ruota, la pioggia è ‘a wènza,
e l’orinale non può che fare ‘u wenzatùru,
certe volte si piscia nell’allenzaturu pur
essendo laureati, occhio sta per finèstra
e finestra è ‘a scursènta, fossi stato a pisciare
alla Crocetta in un vicolo sarebbe stato
strìttuwa , quasi quasi come via Barbaroux
che se hai la cartina di Torino vedi che sta
da tutt’altra parte il rubagalline che non parla assestato
e si prepara a un’aulente squacquerata
le galline sarebbero pulle, il gallo è ‘u pullu
pensa un po’ cos’è la polla, è lui il sardânte,
il ladro, ‘u sardânte ‘i pulle, il rubagalline?
La lingua scofanata, che c’era nella tua poesia
nell’esperimento di By Logos che era la numero 22
e io non me ne sono accorto, l’ho visto dopo
dentro ‘a scartoccia, che è il libro, quando si
fece luce, muccùsa, sul mistero dei poeti
quella mattina ricordo che il mondo mi parve
di mezzo chilo, menzu ‘mbrògliu, dicono i
quadarari, e allora dissi quant’è che pesa
‘u chjignu, per essere un maglio, ddrugu, o cacafòcu,
fucile o pistola che sia, vuoi che non debba essere
almeno nu ‘mbrògliu e menzu, anche se dicono
che sia leggero come una piuma e che non sia piombo
o câmpânâru, e nemmeno pietra, cuticchjune,
t’ho mai detto di quella mia amica Furgiulia Cutucchjùna 
che faceva la caggiurra a Praga?
Poco poco finisce che esce fuori che a Lyon mi ritrovano l’altra
amica e parente che fa ‘a pìcara, così il triangolo
magico è chiuso, lo sai che, a pensarci adesso,
tu che eri il poeta numero 22 eri come la carta del mondo
nei tarocchi, che quella mattina quando ricevetti il
libro di By Logos pesava sì e no mezzo chilo[ii]?
!by V.S. Gaudio


[i] LUI E LEI(IL DIALETTO RUBAGALLINE E LA LINGUA SCOFANATA), la poesia numero 22, di Jolanda Insana, in BY LOGOS, a cura di Silvio Ramat, Cesare Ruffato, Luciano Troisio, Lacaita Editore, Manduria 1979.
[ii] Un po’ come questa Stimmung che è di 534 parole, che, vai a vedere, farebbe mezzo chilo, essendo Pound 453,59 grammi. Una Stimmung di mezzo chilo, come il Mondo, che eri nel By Logos, eri la 22, non è poco, che è ccapi, e dentro l’anima ci capa, è più della libbra di carne di Lacan per l’oggetto “a”.
è anche su lunarionuovo n.75
 LUNARIONUOVO Rassegna mensile di scritture letterarie, fondata e diretta da Mario Grasso

Hit Parade della Settimana

Beyoncé, Sia & V.S.Gaudio ░ La “veduta” bionda dell’ esercitante

L’esercitante per la “Battaglia dei Gesuiti” e la doppia misura del piede♫
Quello che accade all’ascoltatore, quando  commuta il suo fantasma  che è essenzialmente visivo, è quello che accade all’esserci , come Dasein, abituato alla sua nevrosi ossessiva. Voi le sentite queste due che cantano e ciò che vedete è che vestono in grigio, hanno due vestiti identici, che indossano a turno. Hanno le stesse mutande grigie, che indossano a turno. Hanno le stesse calze, le stesse scarpe grigie, forse anche lo stesso numero di piede. Probabilmente si sono svegliate alla stessa ora, più o meno alle sette e un quarto, di questi tempi, e, quando viene il solstizio estivo, verso le cinque e mezzo, ora solare. Alle otto e alle sei già son pronte per cantare. Basta vederle camminare, appena fuori di casa, come se fossero  l’immagine ignaziana, che non è una visione- scrive Barthes-  ma  una veduta, e in questa veduta  il visionatore, o l’ascoltatore, inquadra sapori, odori, suoni o sensazioni[i]. Le do…

Telegramma della Giovane Poesia ░

ÆTelegramma di Marisa Aino a V.S.Gaudio 
militare alla Direzione di Commissariato X CMT Napoli: 
compleanno hemingwayano del giovane poeta
Marisa Aino e un irriconoscibile Vuesse Gaudio, militare a Napoli, in piazza Vittoria e sul lungomare Caracciolo: alle loro spalle
si intravede il Castel dell'Ovo


░ L'azzurro dei cavalcanti

Per un lettore culturalmente adulto !

Aida Maria Zoppetti ░ Duck

  alfabetizzazioni:    abcdefghijklmnopqrstuvwxyz

from↓ricreazione  blog artificiale d'arte e artifiz

Giovanni Fontana ░ Tarocco Meccanico Reading

TAROCCO MECCANICO
Dal minuto 6 e 5 secondi, non perdetevi  il Reading di Giovanni Fontana dal suo Tarocco Meccanico

SARENCO. La capra bollita del villaggio di Shella

La capra bollita del villaggio di ShellaHo mangiato la vecchia capra bollita,ho intinto il pane nel brodo scuroinsaporito con pepe, masala ed iliki,ho scambiato quattro parole in kiswahilicoi vecchi pescatori del Vasco de Gama Pillar,ho guardato le nuvole basse dell’Oceano,ho pensato alle chiappe di Fatuma,mi sono trovato sulla strada del ritorno,mi è venuta una grande tristezza,per un attimo ho visto la morte,ho dato fondo all’ultima vodkae finalmente ho dormito il sonno del giusto.
1990
ê1.SARENCOPOESIE SCELTE1961-1990
POETRY IS OVER COLLECTION
vIn memoria di Isaia Mabellini,in arte SARENCOSarenco, nome d’arte di Isaia Mabellini, è nato a Vobarno,sulle montagne della Vallesabbia, in provincia di Brescia, nel 1945. All’età di sedici anni, nel 1961, scrive la sua prima poesia. Nel 1963 produce la sua prima opera di ‘poesia visiva’. Nel 1965 la sua prima mostra di poesie visive. Dal 1966 ad oggi la sua attività espositiva conta centinaia di mostre nel mondo, quattro partecipazioni alla Bi…