Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2016

Lo spazio muto che dove | V.S. Gaudio

Immagine
Lo spazio muto che dove
Non si è rimasti che in cinque nello spazio muto Bhrat che assomiglia quanto più possibile a Bhram e questi a Brekë che somiglia a Bragallec che un po’ è Bhrat e un po’ è Bragâll se non Brekhalla sono tutti come il nove all’inizio che significa incontrando il signore destinatomi si rimanga pure per dieci giorni insieme, e non è un errore instaurare un tempo di copia occorre unire chiarezza ed energico movimento, che è così che se essi stanno insieme per un ciclo intero ciò non è di troppo e non è un errore tenere Bragh in mano, Brogh in bocca, Brekë in culo, Bhram in fica e Bhrat nell’altra mano per questo si va allà e si opera,  l’immagine della copia è Brekë che entra da N, Brogh da E, Bhram da O e Brekhalla da S, Brekë che ha fatto in culo esce da dove vuole ed entra in culo chi è nel punto da dove lui esce cosicché appare un altro Bhram a cui viene presa la misura, il tempo passa e lo spazio si rabbuia, c’è qualcuno che ha fatto ma lei lo tiene ancora, sarà Bragh, lo si lav…

V.S. Gaudio ░ La Lebenswelt con Corto Maltese sul Bosco del Torinese

Immagine
Corto Maltese e il Pantano dei Bei Sogni! Lebenswelt con Hugo Pratt sul Bosco del Torinese  e il bagliore ainico della moglie del Poeta
Come se fosse stata qui la spedizione, nei pantani della Sibaritide e non nell’Orinoco, dove nel delta si inventano numerose lagune, e dove la più bella è anche la più pericolosa[i]; e con Corto c’era il poeta, la moglie del poeta e l’esperto marinaio il padre di questa, legati nel nome della lode del mare o dell’acqua del genere maschile. La moglie del poeta era una navigatrice provetta, esperta seguace del padre, nella sua giovinezza, quando a volte appariva sulla spiaggia a trarre a riva la barca insieme al padre e ad altri marinai, gli avventori, semplici bagnanti o curiosi della battigia, restavano abbagliati dal bagliore ainico della giovane donna che, anche in shorts bianchi a fior di culo, si faceva demone meridiano per la libido di quasi tutti quei visionatori  occasionali e precisi destinati a farsi cultori indefessi di quell’oggetto “a”; se non…

Il Meridiano di Bragalla ▌

Immagine
Il Calendario 92 allà
L’immagine-foto di Maruzia in calzebraghe è quella di un mondo frattale di cui non c’è equazione né esito se non in quel luogo a Bragalla, perché lì non c’è la filosofia del soggetto, né quella dello sguardo, ma c’è quella della distanza dal mondo, da Bragalla per meglio coglierla in farsetto da armare con quell’arnese insetato sotto, sublimato, questa imbragallatura tra seta, pelo, carni e buchi irrumati, è da questo che si adliga, è da quel posto che l’adlectatio carezza l’anima come una mutanda, da quel posto l’oggetto che è Maruzia ha la valenza  del gioco del diavolo, il gioco del poi, che, non avendo niente da dire, si fa a mutola, sfugge al commento e all’interpretazione: quando il poeta arriva a captare qualcosa di questa sua dissomiglianza e di questa sua assolutezza anonima, così singolare, qual è il nome, questo, o questo questo, cotale a Bragalla, allà, cambia qualcosa dal punto di vista del mondo “vede”, è Maruzia stessa che si fa luogo della sua assenza, essendo qu…

Aida Maria Zoppetti ▌Porta

Immagine
  Portarifiuti, portaritratti, portabottiglie, portamatite… Aida Maria Zoppetti from ricreazione blog artificiale d'arte e artifizi

Aida Maria Zoppetti ░ Avvoltoio

Immagine
–Avvoltoio –     piegato avvolto involto ravvolto ripiegato     legato arrotolato coperto inviluppato     attorto attorcigliato contorto ed avvitato
    vecchio rapace solo d’essere allitterato from →ricreazione.blog artificiale d'arte e artifizi

Aida Maria Zoppetti ▬ (Cosa?)

Immagine
(Cosa?)
          Non l’avevo mai vista più furiosa
          (Rosa?)
No, l’ape, dentro un libro di mimosa
(Insofferente?)
Direi… Sì, delusa, non paziente
(Che ha detto?)
Mah… Diceva: "Maledetto l’apostrofo e l’aprosa!"
(Impertinente!)

(Cosa?)


 from→ricreazioneblog artificiale d'arte e artifizi

La giostra sibarita allà ░

Immagine
La giostra sibarita o la quintana saracina e i 112 istrumenti
Mah che è il magnificare, la copia di maha, che è questo fare copia di sé per il Calendario, il fantasma irriducibile, la copia che è Fong, l’oggetto a che per tre anni chi ne fa copia vagabonda ai limiti del cielo a Bragalla[i] ne fanno mutande a tutto paragone in quel posto, allà, dove fu imbragallata nella giostra sibarita, quanti Enea a piuol la posero come Dido Maruzia quei giocatori di Antefluvius a mazzasquido e per cominciar facevan al duro e molle tanto che quel che fu trentuno divenne 92 o 112 che le fecero in giostra il 66 perché è nel territorio di circa 66 chilometri quadrati o meglio 65 e 29, in cui il chilometro ha il numero del Re di denari che è nel tarocco del Gioco del Poi e 29 è il Brindellone, il denaro della cinquina, la quintana saracina, la giostra sibarita che si fa una a cinque e quello che l’ha imbragallata esce, come il marito nel gioco degli zingari, va ad attizzare la fornace e dentro a lavorare alla prima ca…