Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2013

V.S.Gaudio ● Carry On vs Carillon

Immagine
Sylvie Crozet
Alla Foire de Savoie du Printemps, Silvie Crozet, superba trentenne longilinea mesomorfa, con tacchi di due pollici, sta facendosi con il suo Carillon l’orchestrazione stereofonica du Bonheur.
Acasa, esausta, appoggiata al davanzale della finestra, continuerà a guardare la folla della Foire pensando a quello che sta prendendo sul suo “Foiron” fino a che, sull’ultimo rintocco del Grand Carillon, urlerà il suo Bonheur inondata dalla grossa minchia di un poeta italiano.




Sylvie Crozet Stein

Nel cuore della vecchia Chambéry, Silvie Crozet Stein, nella sequenza del concerto del Grand Carillon di 70 campane, inginocchiata su una poltrona accanto alla finestra che dà in rue Croix d’Or, sta preparando il tiramisù immergendo i savoiardi utili alla bisogna nella tazza della crema.
Proprio in sincronia con la chiusura del concerto finisce di incremare il 70° savoiardo.

by v.s.gaudio© 2006
© roy stuart

• La poesia del viandante

Immagine
LA POESIA DEL VIANDANTE E DELL’AMORE CHE ABITA NEGLI OCCHI DI QUALCUNO
di  V.S.Gaudio
“Abita negli occhi di qualcuno l’amore non domanda ma risponde, come la poesia è voce dell’attesa, e la vita in versi sai che non funziona anzi fa acqua dentro gli aggettivi.” [Franco Tralli,Muove la Regina, Imprimatur Bologna 2001]




1
La poesia di Franco Tralli mi riporta a un mio saggio su Rabindranath Tagore, pubblicato nel 1978 in “Galleria”[1], la rassegna bimestrale di cultura diretta da Leonardo Sciascia, Mario Petrucciani e Jole Tornelli e che dedicavo a Carlo Cignetti, il poeta torinese autore di Un gioco di carte, e a Silvia Zangheri, la figlia del sindaco di Bologna durante gli anni di piombo[2].

Blue Amorosi ● Tre cose e le mani

Immagine
E adesso che cosa vedi? Tre cose, una rossa, una gialla
e una blu.
Un momento!E adesso?
Cavalieri in armi, donne bellissime, volti gentili
e anime che mirano in alto e lavori di mano,
ascolto la storia di uno sconosciuto.
Prova questa, adesso.
Un campo di grano, no: una città.
E’ bellissimo il giorno.
C’è solo un bicchiere sul tavolo.
Ah, ancora questa, seduta
senza parole, lascia che la notte
passi in silenzio senza fare rumore
stai nella stanza consueta
e tutti noi suonatori, dal più grande
al più umile,scrittori di musica
e narratori di storie siamo seduti
ai tuoi piedi o stiamo ritti e tu seduta
a cantarcela e ti ascoltiamo che canti
dopo aver suonato il violino tutto il giorno
tanto che adesso ti duole la mano
e io sempre lì, quand’ero ragazzo
senza regole e capriccioso vagabondavo
con un fucile in mano nel bosco
e tra gli aranceti vicino alla Cibbia
e ho sparato a un pettirosso troncandogli di netto
la testa e quello cadde con un grido gutturale
ai miei piedi, la testa spezzata
tanto che è per quest…

Blue Amorosi ● Il twist di Vincent & Mia

Immagine
Il twist del mio amore scalzo




Immagina di essere alto meno di un metro e settanta, e di aver cominciato a lavorare come garzone di un droghiere,
studiando legge a lume di candela fino a diventare avvocato.
E poi immagina che a forza di zelo
e di assidua frequentazione della Chiesa,
tu diventi legale di uno studio associato
che incassa cambiali e ipoteche,
e rappresenta tutte le vedove
nelle cause di successione.
Ebbene, questo non è Vincent Vega
che balla il Twist di Chuck Berry.
E poi immagina che per tutto il tempo
quelli scherniscono la tua statura, e ridono
dei tuoi vestiti e dei tuoi stivali tirati a lucido.
E poi immagina di diventare giudice onorario
a Castrovillari e che tutti gli ombroni e i giudici
di pace che vengono dall’Albedone e i notai dei
dispersi di Alessandria del Carretto, e tutti gli altri
gliaroni che si erano fatti beffe di te siano costretti
a venire a comprare fagioli e granone per le galline
all’ingrosso da te e chiamarti: “Avvocato”.
Bene, non pensare che tu possa essere nemm…

V.S.Gaudio ● Alejandro o del Doma-ascolto

Immagine
Ma quale Alejandro, Lady Gaga ama il poeta, solo che non lo vuole!...
E come faccio a credere in Dio quando vedo il video ufficiale di “Alejandro” di Lady Gaga? Sono afflitto dai dubbi. E se tutto fosse un’illusione, se nulla esistessee perciò nemmeno Alejandro, né quell’altro, Roberto e financo Fernando? Ma allora Lady Gaga avrebbe speso uno sproposito per tutta ‘sta sceneggiata! Se Dio potesse solo darmi un segno! Per esempio se il desiderio dell’uomo è il desiderio dell’Altro, dov’è allora quel famoso inconscio che, come disse Freud, non è il sogno?  E poi sarà vero che Freud si rivolse al soggetto per dirgli questo che è nuovo: -Qui, nel campo del sogno, tusei a casa tua. Wo es war, soll Ich werden[i]? E allora Lady Gaga dov’è? A casa mia, nel suo sogno, in una rete di significanti, cioè il soggetto, che è là dov’ era, da sempre, il sogno? Io, quando guardo il video, so che “l’oggetto a nel campo del visibile è lo sguardo”[ii] e voi sapreste quindi quanto me ne frega di Alejandro e …