Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2017

Laura Betti ⁞ "Licenza di uccidere il mostro"

Immagine
TESTIMONE E ACCUSATORE Laura Betti Ho conosciuto Pier Paolo nel ‘57. Ci siamo subito fidanzati, poi sposati. Io sostenevo che sarei poi diventata il bastone della sua vecchiaia e — data la mia tendenza ai chili in piú— lui sosteneva che sarei diventata la ‘palla’ della sua vecchiaia. Avevamo poche cose in comune: una disperata vitalità e una canzone dal titolo Amado mio che aveva cantato Rita Hayworth in Gilda. E un’altra cosa avevamo in comune: la disubbidienza. Eravamo una coppia tipica con i regolari problemi del ruolo. Io mi ero assunta – come tutte le donne – un compito duro, pesante, quasi impossibile. Lo facevo ridere. Non sapeva ridere quando l’ho conosciuto. Teneva le labbra sottili sbarrate, chiuse. Era un uomo braccato, respinto, schedato dalle destre e dalle sinistre come ‘diverso’. Era un uomo assetato d’amore. Farlo ridere non era dunque facile anche perché non c’era nulla da ridere. Il nero fascismo del ‘nuovo fascismo’ era tutt’intorno a noi, alla nostra pazza isola di sole, di colori, …

Premio Nazionale Elio Pagliarani▐ 3^ Edizione

Immagine
COMUNICATO STAMPA
TERZA EDIZIONE DEL PREMIO NAZIONALE ELIO PAGLIARANI - 2017 Un nuovo spazio per la poesia sperimentale, una nuova sezione. Importanti premi ai vincitori e cerimonia al Teatro Argentina di Roma.
Il Premio Nazionale Elio Pagliarani, giunto alla sua terza edizione, è lieto di comunicare i nominativi dei selezionati per la sezione Poesia edita, Poesia inedita e Premio alla carriera
Per la sezione Poesia edita, queste le raccolte chiamate a partecipare all’edizione 2017 del premio Nazionale Elio Pagliarani: Corpus homini di Bertolini Maddalena (Puntoacapo); Primine di Carnaroli Alessandra (Edizioni del verri); La primavera fa ridere i polli diCoviello Michelangelo (Edizioni del verri); Dall'interno della specie di De Alberti Andrea (Giulio Einaudi editore); Spigoli vivi diDe Pellegrini Daria (Interno Poesia editore); Reificar di Di Francesco Tommaso (Manni editori); Erba e aria diFranzin Fabio (Vydia editore); Isola di Fùnniri Makko (Edizioni del Faro); Appartamenti o sta…

Dirty tutta gialla □

Pezón catastale della balia│

Immagine
In questo paese, siamo io e il mio amore ad aver posseduto ciascuno la mammella che era indispensabile all’altro, e di cui il succhiatore non sa che fare, o che ignora al momento d’avere; e la mammella che ci era indispensabile ed era di Albidona come dire che poteva essere quella della Madonna del Càfaro e la nostra pulsione orale ebbe dunque lo stesso pezón che era ciò che è indispensabile a colui che sta succhiando a meno che non ne abbia già fatto richiesta l’altro questuante anche se non lo detiene e a questo punto chi si metteva a rintracciare quella mammella che detiene il latte indispensabile all’una e all’altra bocca, e arrivava a dorso di mula la balia da quel luogo dell’ammašcatura e della carbonella o intanto che allattava le fu data locazione a metà strada tra le due pulsioni orali? E fu per le sue “cibbèrne”(1) che avendo questa doppia capacitanza se ne cavò la famosa “cibbia” per irrigare gli aranceti di cui alla mia ascendenza catastale? │!v.s.gaudio (1) Cibbèrne, in ammašcante, sono le mamme…

Pezón™ e la parrottologia dello Stato│

Immagine
Questa mammella, questa pelle, questo capezzolo, ese pezón, il deittismo del capezzolo è rinforzato dal mezzo che lo trasmette: l’immagine del latte, l’immagine è per natura deittica, designa, non definisce, non nutre; c’è allora un residuo di contingenza, che può essere segnato a dito o succhiato il senso è in materia non è in concetto collocandosi tra la pulsione orale e il nome, pezón, mi preparò il Ministero dell’Interno dal futuro questo capezzolo, la forza della materialità, la parrottologia dello stato, e la mia corporeità strappata tra l’anamnesi di questa mammella e quella tagliata dell’altra madre, verso il referente, come quando mi pubblicarono un libro e attentarono al mio Esserci, per il fatto che l’editore era il legno della croce materiale, come se con quel referente la crudezza del mio nome freudiano debba essere contenuta dal più piccolo e la costrizione  sia l’estinzione del paradigma del nome, dal giubilo all’ umiliazione, dall’effusione al timore, dal vanto e la lode alla vergogna, ma la…

Il quadro della sera della Madre del latte™

Immagine
La sera di Muttermilch non si può dire che avesse un campo omogeneo, difatti noi non ne abbiamo un quadro e nemmeno un particolare isolato e delimitato, un ritaglio della coscienza mistica o allucinata, la visione delle sue mammelle, che potremmo dire che fossero di una bellezza così meravigliosa che ci è impossibile darne un’immagine, nonostante questo l’immagine di Muttermilch è separata solo nella misura in cui è articolata o nella misura in cui noi la possiamo articolare, è una veduta, come l’immagine negli Esercizi Spirituali di Ignazio di Loyola, che, lo scrisse Barthes, va presa in una sequenza narrativa, la veduta nella valle di lacrime, in un ospedale in quella sera da cui viene tagliato il discernimento del crepuscolo e quindi l’articolazione non ha quasi nessuno dei suoi schemi verbali necessari: né suddividere, né classificare, né numerare in annotazioni, meditazioni, settimane, giorni, ore, esercizi, misteri, né distinguere, né separare, scartare, limitare, valutare, riconoscere la funzion…

La sera di Muttermilch™

Immagine
La mammella che mi allattò fu la stessa che dette il latte al mio grande amore, e quando poi la donna  era ricoverata in quell’ospedale dove ci eravamo recati a far visita a un’altra donna, successe che lei volle vedermi e allora fu come se il suo Geist, che era anche il suo latte, per via della mia pulsione orale, riconoscendo quel fenotipo che s’era fatto poeta ed era colonna della The Walt Disney Company Italia, come d’altronde lo era anche il suo amore che aveva bevuto lo stesso latte, condensasse, in quel momento, la sua storia di Muttermilch e la storia del nostro amore, e intanto venne giù la sera.  │v.s.gaudio!

L'estate ludo-erotica del 1981 ░ Marisa Aino & Vuesse Gaudio per "Astra"

Immagine
□ Il mitico numero doppio di “astra” del luglio 1981. 180 pagine, con lo  spettacolare speciale per le VACANZE fatto da Marisa Aino e Vuesse Gaudio, Massimo Frisari e Sirio, da pagina 5 a pagina 29.
□ Nello stesso numero, il calendario astroerotico di luglio-agosto-settembre di Vuesse Gaudio, da pagina 37 a pagina 43, con i disegni esclusivi di Michela Giacon

Le stelle all'attacco: i 227 calciatori della serie A ░ Esclusiva di Vuesse Gaudio per "Astra"

Immagine

Trittico Mafiolitico ░ Sara Smigòro

Immagine
TRITTICO MAFIOLITICO SARA SMIGORO

│MODELLI ISPIRATORI
Stenta la conta a pesc’in faccia tenta i ruminanti dentro il Parlamento italiano è il prodotto e chi lo scelse paracadute si apre non la mente o le anime gemelle (non quelle di Goethe). La pastura nei pascoli i pastori son signori credibili la vita modelli prove e dignità ricerca quale che sia l’età nei conducenti spersi in ansie elettroniche, sbadati come son cani sopra l’osso cento uno spolpa la rabbia il resto latra come l’uccello in gabbia che tu nutri beato del suo pianto disperato.

│LADRI A CATANIA