Post

Visualizzazione dei post da 2017

La gioia più grande della poetessa del 3° decano del Capricorno.

Immagine
La gioia più grande della poetessa del 3° decano, come Marisa Aino, è fare una gita in macchina in campagna, la domenica, e pranzare sotto gli alberi, specialmente nel giardino dell’arancia di Mia Nonna dello Zen. Ha qualcosa della parigina, più volterriana che anticlericale, ma non della parigina di Parigi come una delle città più cattoliche del mondo, ha una casa piena di quadri della poesia concreta e della optical-art e piena di fumetti del marito e del figlio, che lei non legge.

I poeti che hanno lo sguardo del minatore.

Immagine
I poeti del Capricorno sono per i lavori di lungo respiro, cultori della materia delle quintessenze. Hanno il gusto delle rovine. Si affezionano lentamente  e non illuminano che gli abissi; per questo hanno lo sguardo del minatore che esce dalla miniera. Poeti dell’estimo e della ragioneria, insuperabili in merceologia e tecnica commerciale.

Bestiario zodiacale dei Poeti▐ Francesca Ruffato & V.S. Gaudio

Immagine
La Murfologia di Conrad Moricand vero autore di Miroir d’Astrologie Secondo voi, questa, Francesca Ruffato l’ha detta a V.S.Gaudio  per telefono? !Se facciamo un ampio Bestiario zodiacale dei Poeti, come hai fatto con Max Jacob su “Carte Segrete”, per farne un libro, Conrad Moricand, l’ospite virale di Henry Miller(1), lo fa arrivare in libreria come il nuovo Livre d’Arcandam o lo fa firmare da Max Jacob per Gallimard?


(1) Cfr. V.S. Gaudio,  Miroird’Hétérotopie. L’esotopia di Henry Miller , in: Alessandro Gaudio, Il limite di Schönberg. Ricerche estetiche│con testi di V.S. Gaudio, Prova d’Autore, Catania 2013:  pag.89 e segg: (…)“Che l’astrologia abbia in sé una carica connotativa oltre che negativa oltremodo tragica ne sa qualcosa chi scrive, basta ricordare qui che, dopo aver visto il saggio di V.S. Gaudio e Max Jacob, la figlia di uno dei poeti trattati nel bestiario della poesia, Cesare Ruffato, espresse il desiderio di conoscere V.S. Gaudio per progettare e fare insieme addirittura…

Il dito dell'antologista.

Immagine
Dilemma di Domenico Cara? Se il tasto “G” sta per un poeta lirico e il tasto “H” sta per un poeta epifanico, se li pigiate tutti e due (1) quale dei due mi punge il dito?

             (1)Nelle antologie di Domenico Cara, Le Proporzioni Poetiche, i poeti vengono ripartiti in tre categorie: 1) quella del lirico; 2) quella delle valenze contestative; 3) quella dell’ epifanico o magmatico.

Associazione letteraria Elio Pagliarani │Un 2018 illuminato

Immagine
Cari amici,
l'Associazione letteraria Elio Pagliarani augura a tutti voi un sereno 2018 anche illuminato da queste, sempre attuali, parole della nostra Carta Costituzionale:
“Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.”

Cetta Petrollo Pagliarani

"Vai a casa, Enzu'!"

Immagine
X A un certo punto la bambina mi mise proprio il viso davanti con aria beffarda, ma la mia mano restò ferma in aria come paralizzata quasi fosse il monumento a uno schiaffo. “Sanguini proprio!” “Vai a casa, Enzu’!” Continuai a camminare dietro alla bambina cercando di afferrarla, ma senza convinzione[1]. [1]Si fissa l’alidada a zero; si avvita il cannocchiale astronomico con oculare a forte ingrandimento e si osserva la prescelta stella di terza grandezza. Rendendo eguali le luminosità dell’immagine diretta e dell’immagine riflessa, allontanando o avvicinando dal piano del lembo il collare che porta il cannocchiale, una delle immagini, a turno, aumentadi splendore.

Il "muccacismo" e la neve del 65 █ Aida Maria Zoppetti & V.S.Gaudio

Immagine

"Quando ti deciderai a lasciare la corda?"

Immagine
IX
“Quando ti deciderai a lasciare la corda?” mi gridò una bambina. Avevo ancora l’impressione di vedere tutto questo[1], qualcuno da dietro mi tirò per i capelli. Come aveva fatto la bambina ad arrivare là? Ancora una volta mancava un lasso di tempo. Mi rigirai, incespicai e a un tratto mi ritrovai a terra con la bambina perché lei aveva la gamba ingarbugliata nella corda che io continuavo a tenere saldamente. [1] Di mattina, prima dell’inizio del crepuscolo astronomico, si scelgono e si riconoscono i quattro astri (stelle e pianeti) da osservare: prepara il sestante e verifica la correzione d’indice e fai un confronto accurato della mostra col cronometro: si ricava l’avanzo mostra o il ritardo mostraTc– To.
from→lunarionuovo IL FALSOBRACCIO DEL SOLE La Stimmung coperta con John Franklin

Gianni Rodari ⁞ L'albero dei poveri

Immagine
Che strani fiori, che frutti buoni
       oggi sull'albero dei doni: bambole d'oro, treni di latta,
orsi dal pelo come d'ovatta,
e in cima, proprio sul ramo più alto,
un cavallo che spicca il salto.
Quasi lo tocco… Ma no, ho sognato,
ed ecco, adesso, mi sono destato...
Ci sono soltanto i fiori del gelo
sui vetri che mi nascondono il cielo.
L'albero dei poveri sui vetri è fiorito: io lo cancello con un dito.




Gianni Rodari: L'albero dei poveri / The Tree of the Poor
da «Filastrocche in cielo e in terra» / «Nursery Rhymes in Heaven and Earth»
Torino, Einaudi, 1960


What strange flowers, what good fruits
             today on the tree of Gifts:                     golden dolls, tin trains,
                    bears with fur like cotton wool,
                    and at the top, right on the highest branch,
                    a  horse that stands out in the jump.
                    I almost touch it... But no, I dreamed,
                    and behold, now, I awoke...
         …

L'intelligenza cosciente-oggettiva del poeta Capricorno.

Immagine
Nella classifica di Binet, l’intelligenza del poeta Capricorno rappresenta il tipo cosciente-oggettivo: un realista che riflette e disdegna le soluzioni affrettate, e anche i sintagmi deittici. Franco Cavallo era più dentro il fattore Saturno-Urano, per l’attitudinenumerica e l’enunciazione spaziale A/B, un po’ come Henry Miller se non Isaac Asimov e lo stesso Umberto Eco, che d’accordo, non c’entra con i poeti ma, per la sua attitudine numerica, avrebbe potuto provarci. Stefano Lanuzza vive più del fattore-Saturno: pazienza, attività analitica, meditazione, specializzazione: da ragazzo avrà adorato senz’altro Giovanni Pascoli, stesso fattore dominante e stesso segno. E, poi, Céline e Sciascia.

Il poeta del Capricorno│Quello che il (-phi) è flemmatico...e anarchico

Immagine
g Il poeta del Capricorno è un flemmatico un po’ malinconico, calmo e di umore uniforme, abitudinario e affidabile, riservato e misurato. Così diventa un populista democratico, a volte è anche sindacalista se non un universalista marxista; vai a vedere, passata l’andropausa, fa il visionario, il demagogo, l’anarchico se non il mistico caotico. Anche perché nel frattempo si rende conto che il priapismo è nell’ambito del (-phi) di Lacan: è sempre fuori quadro o appartiene al doppio.

Vuesse Gaudio ⁞ IL TEST DI PAPERINIK PER IL CAPRICORNO▐ "Topolino" 1411

Immagine
ø I TEST ASTROLOGICI DI PAPERINIK di Vuesse GAUDIO CAPRICORNO
“Topolino” n. 1411, Arnoldo Mondadori Editore, 20090 Segrate 12 dicembre 1982: pagg.94-95

Un punto nave sicuro.

Immagine
VIII Mi rimisi in piedi, sempre tenendo la corda con la mano tesa, deciso a non cambiar posizione. Forse si sarebbe ricreata la situazione di prima, e che cosa sarebbe successo allora, se avessi lasciato cadere la corda[1] ? “Dagli uno scrollone, così ti svegli!” “Dai, non fare niente, non stare a guardare a bocca aperta!” Tenevo gli occhi ben aperti per poter afferrare tutto con lo sguardo perché l’altro cambiava posto di continuo.
 [1] Una sola retta d’altezza non dà una linea di posizione sicura; due rette d’altezza simultanee o quasi non danno un buon punto nave, ma una linea di posizione sicura; tre rette d’altezza possono dare un punto nave sicuro, ma soltanto quattro rette danno un punto nave sicuro:

Tenevo la corda come prima.

Immagine
VII Tenevo la corda come prima e guardavo sgomento un altro ragazzo. Questi stava dicendo parecchie frasi così in fretta che non si capiva una sola parola. Forse dovevo lasciare andare la corda, che stupido, gridavano gli altri. Quindi la palla pesante mi colpì l’incavo del ginocchio e caddi a terra come una scala posta troppo in verticale, prima lentamente e poi con forza. Dal fianco e dal gomito il dolore cominciò a diffondersi. from→lunarionuovo n.58/2013 DINAMICA DELLA MEMORIA

Quelli che la parola innamorata...e le spungille.

Immagine
La legge della cozza ammûmmula Ci sono tre tipi di poeti: quelli che si fanno la cura di “spungille”,quelli che vanno a “pesce fritto” e quelli che per ritonificare la vena creativa vanno a “cozza ammummula ‘nzalàta”.
Corollari. 1.Quelli che la parola innamorata secondo voi se la devono fare una cura di spungille? 2.E pure quelli, in generale, della Famiglia Raboni, e quelli della famiglia Porta pensate che gli basta una teganata di pesce fritto? 3.Pensate che quegli altri della Famiglia Fortini, come la intendeva Vassalli, pure vanno pazzi per il pesce fritto, e se raccordano 'ste quattro famiglie con quella di altri Novissimi e degli eredi, fanno riaprire “Pesce Fritto” a Taranto, che quando ne elogiò la pratica Edoardo Raspelli su “La Stampa”, mi pare, dove, nell’altro supplemento settimanale, tenevo la rubrica dei Test, presi l’Intercity Reggio Calabria-Taranto per fare in fretta e “Pesce Fritto” era finito, chiuso! 4.E allora mi venne in mente quella volta a Milano quando passai un…

Baudelaire e l' "aria di Milano d'inverno al mare" di Nadiella Campana.

Immagine
Telefonandole da Torino  dai telefoni di stato in via Alfieri un pomeriggio che pioveva le dissi:  - Non so che Aria di Baudelaire darti per la tua bellezza  che non è sazia, né annoiata, svanita figurati, impudente non se ne parla, fredda poi, introspettiva un po’ sì, di dominio non direi proprio, volitiva manco a parlarne, cattiva da amorfa-apatica forse se metti gli occhiali da sole, malata tu con quel passo? o da gatto, un po’ puerile, noncurante e maliziosa insieme, forse quando stavi a mangiare con me il panino con la mortadella sui gradini del sagrato di San Petronio. Se ci fosse il mare di Rimini a Bologna, qui in questa foto dove sei al mare d’inverno sai che hai la stessa aria che avresti avuto d’inverno al mare a Milano Marittima? L’ aria marittima d’inverno? O forse l’ aria di Milano d’inverno al mare?


Baudelaire (Audio Only) by Angus & Julia Stone on VEVO.

Il poeta del Sagittario e la patata di Montpellier.

Immagine
Il poeta del Sagittario che portò la patata da Montpellier. Tornando da un viaggio a Montpellier, manco fosse San Rocco, un poeta del Sagittario portò nel paese degli Scalzacani la patata(1). Voi credete che la patata fosse conosciuta in quel paese? Che bastasse andare al mercato, o quantomeno attendere la fiera del patrono autunnale detta di San Leonardo, e chiederne un chilo o due per vedervene empire la sporta con un sorriso dicendovi che erano quelle patate della Sila? Prima del poeta del Sagittario, c’erano stati altri poeti di altri segni, ma nessuno aveva mai portato la patata dalla Francia, se uno  in una friggitoria avesse ordinato una porzione di patate, il cameriere gli avrebbe fatto una risata in faccia: “Le patate qui da noi? Ma sei uscito di testa?” Quando quel poeta del Sagittario mostrò la patata alla moglie, questa restò di stucco, ed era dell’Acquario, una che di ortaggi e anche di barbabietole e carote  ne aveva fatto largo uso non solo in cucina, ma la patata, quando …

Il poeta del Sagittario e il Livre d'Arcandam.

Immagine
Il poeta del Sagittario, dice il Livre d’Arcandam, avrà occhi di gatto: sarà calvo e bello a vedersi. Incline alla lussuria e in modo particolare si accompagnerà con tre donne; ma nessuna volta potrà gettare il seme, perché la natura lo impedirà o sarà impedita. Allora ognuna delle tre donne adotterà il cilindro di Padre Pio, e lui adotterà il piacere singolare di Harry Mathews più connaturato al suo narcisismo fallico o all’ampiezza  dell’ allure del suo oggetto “a”, somatizzato tra Sonia Braga, come se fosse Dona Flor di Jorge Amado, Isabella Rossellini, ai tempi delle foto di Issermann, di cui al testo di V.S. Gaudio su “Zeta”, Maria Sharapova, prima che aprisse i negozi di caramelle, ed Helen Mirren, anche quando faceva la detective appena qualche lustro fa.

D'après-toi la maionese Heinz █ Aida Maria Zoppetti & V.S. Gaudio

Immagine
Quello  a dire che l’Heinz ketchup sta bene con la Campbell soup
giusto per dire quanto passato di pomodoro 
c’è tra Andy Warhol e Roy Lichtenstein
e difatti aggiunse quell’altro che  
l’amico Roy di quadri fatti con la salsina
ne avea piena più d’una vetrina, 
quelli fatti da Andy con la minestra
invece l’eiettava dalla finestra.
Tanto che vennero elencati gli ingredienti : 2 bottiglie di salsa Heinz
Big Red, 1 tela grana extra fine, colori a estro q.b.,
con 3 rebbi 3 ripassare accuratamente.
e : Il vostro Tachisme au plat è pronto !
Tanto che se la fecero vedere ai propri figli
ci saran poeti che faran vedere la maionese Heinz
ai propri nipoti quando arriverà sulle nostre tavole
questi faranno un brindisi per Big Einz e  Big Ein
come se fossimo nipoti tutti di Heinrich Heine...

Date questi Ministeri ai Poeti del Sagittario.

Immagine
│I Ministeri più congeniali ai poeti del Sagittario sono gli Esteri, i Trasporti, le Poste e telecomunicazioni, il Turismo e spettacolo, i Beni culturali e ambientali, la Difesa e le Finanze.

Che cos'è un uomo senza un libro di "poesia"?

Immagine
Legge del magistrato che scrive giallo su giallo
Un uomo senza un libro di “poesia” è come un narratore di gialli che da pubblico ministero nelle indagini non aveva mai l’aliquota funzionale come polizia giudiziaria.

I poeti dei tranelli e degli spiriti maligni a cavallo.

Immagine
│I poeti del Sagittario amano tendere tranelli e sono sensibili ai miraggi.E saranno tormentati dagli spiriti maligni a cavallo. !Max Jacob, Conrad Moricand & V.S. Gaudio