Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2013

Florence and the Machine • Cosmic Love

Immagine
La voce  dell’ ”amore cosmico” è la mia macchina del mullar ? byblue amorosi
Sarà che Florence ama il circo, le grasse risate, le buffonate, pur conservando quella sua aria elegante, quell’aria inglese che non si sa mai di che umore è o sarà fra un momento, né come prenderla. E’ che appena la sentii cantare e la vidi, mi son detto, che dama tumultuosa, avrà idee che arrivano a frotte, fino all’emicrania, alla nevrastenia, fino all’esasperazione violenta e allora… la vedevo dentro queste scene di rabbia…e poi dentro quelle delle riconciliazioni squisite, da perdoni ottenuti con un sorriso o con quello sguardo pungente che aveva quel giorno, quel bel giorno, quando mi dichiarò chiaro e tondo che non voleva più vedermi, che poeta barboso che sei, ma vai a farti un giro alle giostre …e due giorni dopo venne a cercarmi, molto sorpresa della mia assenza, e mi parlò dei suoi ghiribiri. “Si direbbe che tu sia andata tutta la vita a cavallo!”, questo, infine, le dissi. E lei si mise a ridere: “Va …

Il cappello di Dree Hemingway

Immagine
ha
Hat for Dree Hemingway
Cappello per Sopportare Hemingway
Durante la mia passeggiata di un po’ prima che il sole tramonti ho avuto anche oggi dei pensieri morbosi. Che cosa c’è che mi turba tanto che non appena arrivo al pioppo, metti che abbia percorso 400-500 metri, ho un’erezione che Eric Berne definiva l’orgogliopeyronico ? Che è quella del 4° grado,     l’assoluto innalzamento, un pioppo là fuori eretto al vento e un pioppo qua dentro eretto controvento… E’ il cappello. Il cappello di Dree Hemingway. Non è la schiuma. Il cappello, e si è fatta appena adesso la doccia, ha la schiuma addosso e il cappello. Che cosa c’è  che, a guardarle il cappello, la accomuni al Patamariel, che è quella superba cannoniera atavica, è la zia?, che anche lei avrà ereditato, questo possente paradigma della parrottiera(essendo il Parrott il famoso cannone americano) da cui si possono sparare bordate nell’immensità del cielo ? Probabilmente la calotta. Che, se ci pensate, c’è nel Parrott e c’è nel cappel…

Come si legge la poesia dialettale ?

Immagine
[©Van Gogh 1888,Café de nuit,Place Lamartine,Arles Olio su tela,cm 70x89,New Haven(Conn.),YaleUniversityArtGallery] Da:  Divagazione ziffiana sulla poesia  di Gabriele Ghiandoni Come si legge la poesia dialettale ?


1.        Confrontiamo: Sapìti cchi successi a la Licata ‘u porcu assicutava ‘na criata c’aveva ancora lordi li piatti e cincu jatti ‘nta ‘n malu furrìu ca vulevunu ‘u pizzu, amminazzannu: serva fitusa, dannìnni ‘na parti, jettini ‘a rristatura d’a pignata, bbrutta criata; cu stava sodu-ggiubbu era lu porcu cci jeva appressu ‘n cursa rrastiannu pinzannu ‘i miritari occa cunortu[1].
con:
Tel cafè la gent discur mo en dic gnent.
Qualcun arconta dle don.
I più dìcen de sì,incucutiti da la parola svòida ch’arman per tera[2].

Qui, al di fuori del loro contesto, come si leggono? «Intendo forse dire se li leggiamo con sentimento, a voce alta o sottovoce? No, non è questo; il punto è: cosa fate quando li leggete? Guardo la pagina stampata: leggo da sinistra a destra. Ecco che cosa faccio. Ma non è tutto que…

Giallo Saraceno • Il sequestro del poeta

Immagine
Il sequestro del poeta e il 4° grado  non raggiunto con Kate Moss
Mezzo morto di fame, il poeta V.S. piombò nel salotto dei suoi genitori, che lo stavano aspettando ansiosamente insieme al maresciallo, o luogotenente come lo chiamava l’assistente unep B1 dell’ex pretura circondariale che andava affiggendo sulle porte dei poeti le buste con su stampato in grande ‘Stamperia Reale di Roma’, con dentro un mezzo foglietto stampato dalla tipografia, inesistente, Baudano di Torino. “Grazie per aver pagato il riscatto, cari” disse il poeta. Temevo di non riuscire più a scrivere un verso.” “Racconta,” disse il luogotenente, così chiamava il maresciallo l’ex assistente unep B1 che amava particolarmente l’Amaro Lucano di Pisticci. “Stavo andando in centro per fare le fotocopie dell’ultimo mio poema quando si ferma una macchina e due editori a pagamento mi chiedono se voglio vedere stampato il mio poema e, con un supplemento, far finta di distribuirlo a questo e a quello, tra i tanti richiedenti e/o co…

Lana Del Rey • Summer Wine

Immagine
La crema al vino e limone di Lana Del Rey

by alessandro gaudio & v.s.gaudio

Lana Del Rey , voi pensate che possa mettersi a mangiare il “Baccalà al pil pil”? Che, stando a Manuel Vázquez Montalbán, quello de “Il centravanti è stato assassinato verso sera”(1991) sempre nella serie gialla di Pepe Carvalho, è “il piatto re di tutte le navigazioni, e che vivere non è necessario, ma navigare sì”. Quando la si vede e la si ascolta in “Blue Jeans” o in “ Born to Die   “, si pensa che possa tutt’al più addentare l’"Aragosta alla sibarita" o, meglio, pur non essendo una donna bruna della costa cantabrica o di quella di Huelva o di quella jonica di Sibari, dopo aver cavalcato alla sibarita, o navigato, essendo così sussiegosa la vediamo divorare infinite porzioni di “Goduriosa”. Che, poi, essendo così dentro la persistenza emotiva della risonanza, che i caratterologi francesi chiamavano “secondarietà”, si trasforma in un dolce troppo “sentimentale”[ che i caratterologi siglano come …

Ettore Bonessio di Terzet • Baci Perugina

Immagine
MERLEAU-PONTYANA La filosofia non è un’illusione: è l’algebra della storia. La volontà di parlare è tutt'uno con la volontà di esser compresi. La filosofia invera la storia. La filosofia ha a noia il già costituito. La vera ironia non è un alibi, è un compito. …per essere davvero uomo bisogna essere un po’ più e un po’ meno che uomo. Il filosofo si riconosce dal fatto che egli ha, inseparabilmente, il gusto dell’evidenza e il senso dell’ambiguità. Ciò che il filosofo pone non è mai l’assoluto in sé, ma è l’assoluto in rapporto a lui. Filosofare è cercare e ammettere che ci sono cose da vedere e da dire. Ora, al giorno d’oggi, non si cerca più molto. Si “ritorna” a questa o a quella tradizione, la si “difende”. Non c’è libera ricerca. FLAUBERTIANA Censura. Si ha un bel dire, è utile. Diritto. Non si sa che cosa sia. Genio (il). Inutile ammirarlo, è una “nevrosi”. Giustizia. Non preoccuparsene mai. Gloria. Solo un po’ di fumo. Ideali. Del tutto inutili. Ideologi. Lo sono tutti i giornalisti. Istinto.…

Honoré de Balzac • Eugénie Grandet 1833: correzioni di bozza

Immagine
centuriespast: Honoré de Balzac (1799–1850)
Eugénie Grandet
Autograph manuscript and corrected galley proofs signed, 1833 The Morgan Library

Raffaele Perrotta • La mia opera

Immagine
Raffaele Perrotta scripta

'la mia opera' - onorata -, non un preambolo, la sto vergando, tutta, di buona lena, la missione non è mai compiuta: squadernandoli questi scritti in:significanti ... in pieno albore, per i secoli avveniristici. l'altra notte firmamentata, detta una parola dal respiro lungo, desiderata di nominazione, non di genere, anzi de-generata! di nome fàustico! fregio a fregiarsi qual uno. non si ripropone istorietta plausibile a palato facile, se così fosse: non si avrebbe il Classico dell'Avanguardia, la misura dismisurata a regola di retorica poietica. novo erculeo del qual uno che si mostra in effetto trasgressivo, come imperia il celarsi capolavoro massificatorio, e rutilante! ben lo sa il fruttuoso ritrattista rumori a vallenon son tamburi. il fatto è che un quarto di cielo è pur purificazione all'arte ermeneutica. ora, a ben vedersi, basta un nonnulla e si ottiene l'ama o non l'ama della innocente margherita che da sua parte reca la graz…

V.S.Gaudio • Il cane di Yehoshua e l' onos di Niusia

Immagine
Il cane di Yehoshua e l’onos di Apolloni
Ma certo che questa storia d’amore non è finita con quel capitolo, è che il biglietto, l’indizio qualunque di lei che si ricorda di questa vostra storia d’amore iniziata in California e rivissuta nel deserto del Sinai oltre che tutta intera nella mia mente è nella mia pazzia d’amore per una ragazza altrettanto pazza e fuori di senno da crederti un coniglio quando invece io che sono? Un asino, salvo che non ho saggezza da vendere e tuttavia per questa storia dell’onagro, o dell’Onos, Niusia mi sa che è dentro Ura Rumis o Ura Onager per come è scritto nel messaggio che ho lanciato sul web prima che partisse la campagna pubblicitaria della “Giulietta” per Uma Thurman, tanto che, avendola vista, la campagna pubblicitaria televisiva, dovrò rimettere mano al mio commento, cosicché possa arrivare a dirle dov’è finito il “Tamahacan”  o quel silenzio che appena si fa ombra sembra tra naso e muso quella di un tucano, che, come i cani che lasciano i kibbutz…

Giallo Saraceno • Non si va a caccia in canottiera

Immagine
Non si va a caccia in canottiera “Ho appena ucciso mio marito” confessò piangendo la vedova Rosa Amorosi davanti al corpo di un uomo robusto steso sul prato. “Come è successo?” chiese il maresciallo o il luogotenente, come lo chiamava l’ufficiale giudiziario B1 dell’ex pretura circondariale, venendo subito al sodo. “Andammo a caccia. Per questo ho il tesserino venatorio. A mio marito buonanima piaceva molto andare a caccia, sebbene fosse sulla sedia a rotelle, come a me. Solo che lui non aveva il tesserino venatorio. A un certo punto ci separammo. E lui aveva con sé il tesserino venatorio. L’erba di questi tempi nel pantano è molto alta. Suppongo di averlo scambiato per una lepre e ho sparato a zero. Stavo scuoiandola quando mi resi conto che avevamo una figlia. E allora ho sparato a zero anche su di lei.” “Hmmm”meditò il maresciallo o il luogotenente come lo chiamava l’ufficiale giudiziario o l’assistente unep, come risultava dal timbro che appostava sul foglietto della tipografia Baudan…